Aaron Hernandez si impicca in cella: il giocatore di football americano era condannato all'ergastolo

Il giocatore di football americano Aaron Hernandez, ex New England Patriots, si è impiccato nella sua cella dove era detenuto accusato di omicidio

L'ex giocatore di football americano Aaron Hernandez, condannato nel 2015 all'ergastolo per omicidio, si è impiccato nella sua cella presso il Souza Baranowski Correctional Center, in Massachusetts.

Hernandez, che ha giocato per tre stagioni con i New England Patriots, si trovava in una cella singola nell'unità generale del penitenziario. È stato trovato impiccato con un lenziolo legato alla finestra della cella mentre con altri oggetti ha bloccato dall'interno la porta.

Così come riporta il sito di football americano Huddle Magazine, il giocatore fu accusato nel 2013 per l'omicidio del calciatore Odin Lloyd che ai tempi usciva con la sorella della fidanzata di Hernandez.

Non fu mai trovata alcuna arma del delitto e non ci fu nessun testimone diretto ma dopo sei giorni di camera di consiglio la giuria arrivò a un verdetto: carcere a vita. Da pochi giorni Aaron Hernandez era stato assolto per l'omicidio di altre due persone uccise nel 2012 fuori da un night club di Boston.

I funzionari del penitenziario hanno dichiarato che nessuno si aspettava questo tragico epilogo: "Se fosse emerso questo intento, non sarebbe stato detenuto in tale unità del carcere".