Aggredisce poliziotti che gli chiedono i documenti, arrestato

Attimi di paura alla stazione ferroviaria di Salerno. Arrestato e piantonato in ospedale un inglese di 48 anni che per attaccare i poliziotti s'è ferito a una caviglia

I poliziotti gli chiedono i documenti, lui dà in escandescenze e li aggredisce. È accaduto a Salerno dove è finito in manette un 48enne di nazionalità inglese.

L’episodio s’è verificato alla stazione ferroviaria della città campana quando era da poco scoccata la mezzanotte. Tutto è iniziato dalla segnalazione che ha indotto gli agenti della Polfer a intervenire nell’area del binario 1 dove era stata segnalata la presenza molesta di una persona che infastidiva i viaggiatori. I poliziotti, una volta raggiunto lo straniero, gli hanno chiesto i documenti perché potessero identificarlo. La richiesta dei tutori dell’ordine, però, ha fatto scattare qualcosa nella testa del cittadino inglese che ha iniziato a inveire prima e ad attaccare fisicamente poi gli agenti.

Per arginare la furia del 48enne è stato necessario l’intervento di un’altra pattuglia di poliziotti, giunti dalla vicina Questura salernitana. L’uomo, notata la presenza dei “rinforzi” s’è scagliato anche contro di loro con calci e pugni. Nonostante la sua grinta, però, la professionalità degli agenti ha avuto la meglio e i poliziotti sono riusciti a bloccarlo. Non senza, però, riportare traumi e contusioni. Intanto anche lo straniero aveva patito danni fisici al punto da lamentare un forte dolore a una caviglia e a chiedere di essere soccorso portato in ospedale.

Qui i sanitari, non senza difficoltà dal momento che ha provato ad aggredire anche loro, gli hanno riscontrato una lesione dovuta a un movimento innaturale compiuto durante le fasi concitate dell’aggressione agli agenti. Il 48enne è stato arrestato e rimane piantonato in ospedale a Salerno. Risponde delle accuse di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?