Alghero, lasciata sulla barella cade e batte la testa: muore una 93enne

La donna era stata accompagnata in pronto soccorso per problemi cardiaci e respiratori, ma è deceduta a causa di un'emorragia cerebrale insorta dopo la violenta caduta. Aperta un'inchiesta

Arriva da Alghero la notizia dell' ennesimo caso di malasanità, a causa del quale ha perso la vita la signora Leonarda Livesu, un'anziana di 93 anni.

La vittima, originaria di Villanova Monteleone (Sassari), era stata accompagnata dai nipoti al pronto soccorso dell'ospedale Civile di Alghero dopo che aveva manifestato alcuni problemi cardiaci e respiratori. Qui il personale medico ha giustamente deciso di sottoporre la donna a dei controlli, ma durante l'attesa degli esami è avvenuto un incidente che non sarebbe mai dovuto capitare. Dal momento che nel reparto di Medicina non vi erano letti disponibili, l'anziana è stata lasciata in corrodoio, adagiata su una barella. Forse rimasta da sola, la signora ad un certo punto è caduta dal presidio medico, finendo rovinosamente a terra.

Una notizia comunicata ai parenti alcune ore dopo, quando questi erano già rientrati a casa.

L'incidente, purtroppo, non è stato privo di conseguenze. Impattando con il suolo, infatti, la signora Livesu avrebbe battuto la testa, riportando una seria emorragia cerebrale.

Nonostante l'intervento dei sanitari, è spirata tre giorni dopo.

Una terribile tragedia che si sarebbe potuta e dovuta evitare, e che i familiari della vittima non riescono proprio ad accettare.

Secondo quanto riportato da "La Nuova Sardegna", e come riferito da il "Messaggero", i carabinieri del comando di Alghero si sono subito recati presso la struttura ospedaliera accompagnati dai Nas. Le cartelle cliniche della paziente deceduta sono state acquisite e la barella sequestrata. Al momento nessuno risulta indagato, ma la procura di Sassari ha aperto un'inchiesta.

A commentare il drammatico episodio il presidente del consiglio regionale sardo, Michele Pais. "La sanità sarda deve essere nuovamente al servizio del cittadino. Bisogna creare una sinergia tra consiglio regionale e giunta per garantire ai sardi il diritto alla salute garantito dalla nostra carta costituzionale" ha affermato il politico leghista. "Episodi come quello accaduto nell'ospedale di Alghero dove una donna è morta mentre era in attesa di accertamenti non devono più ripetersi".

Dello stesso avviso anche l'assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu (Lega)."Attendiamo la chiusura delle indagini da parte della Procura per fare piena luce su questo episodio ma non si può e non si deve perdere la vita in questo modo".

Commenti
Ritratto di Svevus

Svevus

Dom, 12/05/2019 - 16:34

Al posto di assumere 300 assistenti e consiglieri alla Camera 1- assumete più infermieri ..se li trovate 2- garantite immunità totale esattamente come a magistrati procuratori e giudici 2- andate a cercarvi infermieri e medici di pronto soccorso in Nigeria, Gambia, Uganda, Ciad e via dicendo !