Altro che schiena dritta Il governo ha la scoliosi

L'Europa, all'unisono, fa la voce grossa con l'Italia che si ostina a non voler rimettere i conti in ordine e la cosa assume certamente aspetti fastidiosi oltre che umilianti. Giovanna Maglie, esuberante e brava collega filogovernativa, l'altra sera in tv invocava la resistenza, costi quel che costi, contro gli stranieri che vogliono imporre regole a casa nostra e si augurava che in queste ore l'Italia a Bruxelles stesse finalmente a «schiena dritta». Siamo tutti per la schiena dritta, ci mancherebbe altro. Il problema è che questo governo non può farlo perché affetto da scoliosi. La sua schiena curva ruota in continuazione per cui è impossibile che un qualsiasi interlocutore la percepisca, a prescindere, come dritta.

Mi spiego meglio. Il primo ministro Giuseppe Conte dice: rispetteremo le clausole europee o mi dimetto; uno dei due vicepremier, Matteo Salvini, annuncia: chi se ne frega delle clausole, io penso agli italiani e poi annuncia una patrimoniale sulle cassette di sicurezza; l'altro vicepremier, Luigi Di Maio, la pensa in un modo o nell'altro a giorni alterni. È piena di curve anche la linea fiscale: sì ai condoni e no ai condoni così come sì alla flat tax e mai flat tax sono variabili che dipendono da chi parla. E poi ci sono i Minibot: una necessità per la Lega, una boiata pazzesca per il ministro dell'Economia. Aggiungiamo che il presidente della Repubblica è un fan di questa Europa ma che il governo nel suo insieme la vorrebbe vedere morta ed ecco che il caos è bello che completato.

È evidente che offrendo questo spettacolo di continue sterzate tra destra e manca a Bruxelles, con non poche ragioni, giudicano questo governo una gabbia di matti inaffidabili. Bisognerebbe velocemente stabilire, e comunicare all'Europa, chi comanda il Paese, cioè chi può prendere impegni qualsiasi essi siano - e mantenerli. Comanda il premier? Il partito di maggioranza in Parlamento? Quello che ha vinto le Europee? Il capo dello Stato? Nessuno lo sa con precisione, ma neppure con un ragionevole dubbio in Italia, figuriamoci nelle cancellerie europee e a Bruxelles.

Altro che «schiena diritta», stiamo stupidamente mettendo all'aria il fondoschiena. E ci lamentiamo pure del padulo in arrivo.

Commenti
Ritratto di bobirons

bobirons

Mer, 12/06/2019 - 15:40

Nel guardare con attenzione, a volte parossistica, questo governo - non dei migliori ma certo migliore dell'alternativa che avrebbe potuto essere, alla fine, 5S/PD - ci si scorda bellamente di altri governi dove i governanti badavano più a declamare ipotetici fatti per poi addebitarne la non esecuziuone a questo o quello, di opposizioni che sostenevano il detestato avversario, altri talmente saccenti da stilare regole che gridavano vendetta solo a pensarle. La perfezione si dice non sia patrimonio di questo mondo, e questa colaizione non è perfetta ma certo non sarà un'alternativa impostata sulle pretese di nobili decaduti, a meno che non vogliano rendersi conto della propria quasi insignificante entità e adire le scelte di chi riceve maggioor consenso. Allora, si potremo avere un governo più stabile e coeso, ma solo se ognuno conoscerà e farà pesare il proprio ed effettivo valore.

fisis

Mer, 12/06/2019 - 15:57

Caro Direttore, le consiglio di prendersi un calmante e di finirla di attaccare questo governo, in particolare il nostro Grande Leader Salvini - accodandosi così obiettivamente alla sinistra cattobolscevica - dato che probabilmente questo governo è destinato a durare.

Ritratto di dlux

dlux

Mer, 12/06/2019 - 17:55

...abbiamo la scoliosi? Qualcosa di grave l'abbiamo da quando si è chiamato il professorone al capezzale dell'Italia malata e lui, invece di curare il normalissimo raffreddore ha somministrato una dose quasi letale di antibiotici, antinfiammatori, sulfamidici, cortisonici. Praticamente la malata è praticamente deceduta...altro che scoliosi! Nei rapporti internazionali, cosa vuole che le dica, dopo le performances autolesioniste di Renzi e Gentiloni...

sparviero51

Mer, 12/06/2019 - 18:49

SPERIAMO DI NON RIMANERE CON LIL COLPO DELLA STREGA A 90 GRADI E SENZA PANTALONI . L'INVERNO SARÀ " LUNGO E RIGIDO " !!!!!!!!!!!!!

antenore1954

Mer, 12/06/2019 - 21:52

Aridatece Re Giorgioooooo!!!!

Sabino GALLO

Gio, 13/06/2019 - 00:09

Ci sarà una esplosione ! Ma l'Europa deve diventare USE !

FlorianGayer

Gio, 13/06/2019 - 09:25

Stiamo solo dimostrando l'inconsistenza di chi ci governa. Vedo oggi che secondo Salvini la Commissione non può sanzionarci perché è in scadenza. La Commissione non può sanzionarci perché non è compito suo! La sanzione arriva dai ministri dell'UE. Abbiamo un vicepremier che vuole cambiare l'UE e dimostra chiaramente di credere che UE sia l'uva in friulano. Come può andare a finire, se non male?

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 13/06/2019 - 09:50

In questo governo le parole contano più dei fatti e nel suo elettorato pure: grande Salvini come Garibaldi. Una comica. Nato da un "vaffa" questo governo, naturalmente illiberale ma democratico, ha imbarcato tutti gli intellò su piazza. Quelli alla mutua si sono rivelati anche più comici e gli danno una mano. Restano i soldi come argomento serio. Non ne abbiamo e siamo pieni di debiti. I soci EU ce lo rammentano e allora noi parliamo di libertà e di trasformare i ricchi nel bancomat dei poveri come in una repubblica latino-americana. La comica produrrà un'alleanza Lega 5S e FdI alle imminenti elezioni.

Ritratto di bimbo

bimbo

Gio, 13/06/2019 - 11:23

Oramai penso che gli italiani hanno capito il giro della fuffa. I politici fanno le farse per prendere voti, poi i tecnici bastonano i contribuenti come se fossero loro i mascalzoni. Ma conviene andare a votare?

INGVDI

Gio, 13/06/2019 - 11:56

mauriziogiuntoli ci vede bene. Salvini correrà da solo e farà il governo assieme a Di Maio con l'apporto di Toti e Meloni. Da ridere. Del resto non bisogna stupirsi, sia Toti che Meloni hanno tentato di intrufolarsi nelle trattative Lega-M5s, subito dopo il 4 marzo. Respinti però da Grillo.