Anche Bologna riconoscerà le nozze gay celebrate all'estero

Dopo Napoli, Grosseto e Fano, anche il sindaco Merola apre ai matrimoni omosessuali

Dopo Grosseto, Fano e Napoli, anche a Bologna gli omosessuali potranno aggirare le norme sui matrimoni: dal 15 settembre le nozze gay celebrate all'estero saranno riconosciute anche dal Comune, se le coppie saranno composte da almeno un italiano e se entrambi i coniugi risiedono nella città emiliana amministrata da Virginio Merola.

Festeggia l'Arcilesbica di Bologna, che ha chiesto al Comune di istituire il 15 settembre come "vera e propria festa civile e laica che riguarda tutta la collettività". La disposizione, ricorda l'associazione, "non ha effetti giuridici immediati in Italia, né cambia lo stato civile degli interessati, tuttavia apre ad un riconoscimento delle coppie lesbiche e gay da parte dalle amministrazioni locali". "Sicuramente - continua il circolo - questa azione contribuisce alla visibilità e alla battaglia contro la discriminazione in materia di diritti e
sollecitazioni concrete anche da parte del Parlamento e del governo stesso".

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 24/07/2014 - 11:38

L'Italia è , ormai, col culo per terra ma ogni tanto, fortunatamente, arriva una buona notizia. Ecco le leggi che salveranno l'Italia dal default!

giovanni PERINCIOLO

Gio, 24/07/2014 - 12:16

Evoluzione dei tempi moderni, siamo passati dallo stato di diritto al cesso di diritto!

agosvac

Gio, 24/07/2014 - 12:33

Vorrei, gentilmente, fare notare che finché non c'è una legge dello Stato italiano che legittimi i matrimoni tra gay, anche se un comune riconosce i matrimoni lo Stato italiano non li riconoscerà manco per niente!!! In pratica, Milano, Bologna, Napoli e quantaltri, si possono attaccare al tram: illegali sono ed illegali resteranno!!!!!

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Gio, 24/07/2014 - 12:53

I sindaci sinistronzi, pensano che amministrare bene una città, significhi fare queste cose, non cercare di abbassare le spese, le imposte comunali.

moshe

Gio, 24/07/2014 - 13:32

Che schifo! E che governo di me...!

atlantide23

Gio, 24/07/2014 - 13:33

ma nei matrimoni gay esiste la moglie e il marito o i soggetti sono intercambiabili ?

Totonno58

Gio, 24/07/2014 - 14:07

E quindi?

Ritratto di Germano44

Germano44

Gio, 24/07/2014 - 14:12

@Memphis35-In questo caso, l'Italia non sta col culo per terra, bensì...........

albertzanna

Gio, 24/07/2014 - 14:29

PER ATLANTIDE23 - nei matrimoni GHEI esiste solo il cu...., pardon, il fondo schiena. Quindi il cu..... di un maschietto (si fa per dire) equivale al cu... di un altro maschietto (si fa per dire). Intercambiabilità totale. Moglie e marito??? Ma stiamo scherzando?! Coniuge 1 e coniuge 2, e basta lì, anche se la Boldrinova preciserebbe: coniuge, per il maschio, e coniuga per la femmina. Una ricerca condotta con metodi scientifici afferma che anche gli animali domestici, nelle famiglie ghei, ne risultano confusi, e che imparano a girare avendo sempre il posteriore verso il muro. Bologna, la famosa città dove esiste un club per gli omosessuali, chiamato "il cassero", che da subito ebbe l'onore di vedersi cambiate le "due SS" con "due ZZ", tanto per capire di che bell'ambientino si trattava. Si trova in Via Saragozza. Un bel giorno il gestore del locale (gestore?!?) telefonò ai Vigili Urbani chiedendo un intervento urgente, perché all'angolo della casa dove c'è la placca che porta il nome della via, si era radunata una piccola folla di gente che guardava in alto, leggeva e si metteva a sghignazzare. Sulla placca, qualche buontempone nottetempo aveva incollato una scritta dove il nome della strada era stato modificato con "Via Saragay". In Comune a Bologna, dove sono attentissimi ai diritti di tutti, escluso per i cittadini normali, quelli che lavorano, pagano le tasse ed hanno famiglia con un padre ed una madre, scoppiò un putiferio ed un tale, certo Franco Grillini, noto "busone" bolognese e politico di sinistra, fece fuoco e fiamme perché definì la goliardata come offensiva, ma quando qualcuno obiettò che, in fin dei conti, semplicemente il cartello sovrapposto attestava una domanda legittima da parte dei cittadini maschi Etero, non seppe che rispondere, e pare che se ne andò infuriato, sculettando...... --- REDAZIONE, mi pubblicate o censurate, in rispetto ai Ghei? AZ

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 24/07/2014 - 14:36

@Totonno58 - Quale domanda poni? Su, in alto il cuore, Totonno, vedrai che Bergoglio tuo fra poco li benedirà.D'altra parte,'ipse dixit':"Chi sono io per giudicare?"

atlantide23

Gio, 24/07/2014 - 14:36

Memphis35 sono d'accordo col fatto che l'italia sia ormai col c*lo per terra ma allora come mai ci sono tanti gay ?

Totonno58

Gio, 24/07/2014 - 14:46

EUTERPE...

Totonno58

Gio, 24/07/2014 - 14:48

EUTERPE...grazie per la considerazione...intanto la ia domanda era banale che più non si può...l'articolo dice "Anche Bologna riconoscerà le nozze gay ecc..."ed io, umilmente, chiedo "E quindi?"

Cesare46

Gio, 24/07/2014 - 14:56

ecco di cosa si preoccupano.......del kulo non del lavoro

Cesare46

Gio, 24/07/2014 - 14:58

MA PURE VOI "GIORNALAI" SMETTETELA DI DARE NOTIZIE KULIFERE .....O SIETE DI PARTE ???

Ritratto di frank60

frank60

Gio, 24/07/2014 - 14:59

Queste sono leggi per salvare l'Italia dalla crisi!

spaccone

Gio, 24/07/2014 - 15:09

ecco i problemi della povera italietta nostra

spaccone

Gio, 24/07/2014 - 15:10

ecco i problemi della povera italietta nostra

spaccone

Gio, 24/07/2014 - 15:17

ecco...l'italia sta sparendo...e ci si preoccupa de ste cavolate

ilbarzo

Gio, 24/07/2014 - 15:18

Un tempo si chiamavano finocchi se non erro.Non vedo quale sia la differenza!Sempre fonocchi sono.

david71

Gio, 24/07/2014 - 15:18

Ciao Totonno58. Io credo invece che sia giusta la pubblicazione di questi articoli. Sono la cronaca di processi sociali di raccordo indispensabili al loro perfezionamento. Ogni cambiamento sociale di una certa importanza, e di difficile accettazione, può essere percorso sostanzialmente attraverso 2 strade. Attraverso una rivoluzione o attraverso processi di modifica culturale. Quelle rivoluzionarie sono immediate ma prevedono un prezzo da pagare: le vittime (fascismo, comunismo, dittature ecc.). E non sono peraltro irreversibili. Quelle culturali sono più indolori ma decisamente più lunghe. Necessitano di un tempo metabolico che conduca la società a considerare "normale" quanto in precedenza era vissuto come "anormale". Ma una volta raggiunto lo scopo, non vi è possibilità di regressione. Io li chiamo processi di raccordo. Questo articolo credo che sia lo specchio della seconda (e secondo me unica) strada percorribile per ottenere tale cambiamento. Ciao.

Ritratto di Germano44

Germano44

Gio, 24/07/2014 - 15:23

@Albertzanna- Direi, dal termine "busone" da lei utilizzato, che è bolognese DOC; ai tempi della fondazione del "cassero" io abitavo in viale Pepoli, a 100 mt. Per fortuna allora, sempre a 100 mt c'era anche il "bar Margherita" che, noto ritrovo della destra, mitigava molto il clima.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 24/07/2014 - 15:25

MA CERTO LA GIUNTA E' INTERAMENTE GAY !!

aredo

Gio, 24/07/2014 - 15:36

@atlantide23: ovviamente sono intercambiabili perchè si credono dei vermi ermafroditi come le lumache... Peccato che appunto le lumache siano vermi ermafroditi, l'essere umano no. E benchè vi siano casi di umani ermafroditi, piccolissima percentuale della popolazione mondiale, non solo non è il caso della moda gay creata dalla sinistra dal '68 per distruggere la società umana e la natura degli esseri umani... ma quasi tutti gli ermafroditi umani hanno una propensione chiara verso uno dei due sessi per cui decidono di farsi operare per diventare o maschi o femmine, di solito il sesso più evidente fra i due organi e più funzionante.

Angel7827

Gio, 24/07/2014 - 15:36

una buona parte dei commenti fanno capire che la destra in italia è ancorata agli anni 70, con battutine da film di pippo franco e pierino, non hanno nemmeno la dignità per essere chiamati conservatori, solo solo vecchi e poco scolarizzati.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 24/07/2014 - 15:37

CHE SCHIFO...

MenteLibera65

Gio, 24/07/2014 - 15:53

Certo che squallore i commenti sui gay su questo giornale, siete rimasti al medioevo. Per fortuna che nel frattempo hanno scoperto la psicologia e tutta quella scuola di pensiero che sostiene, a ragione, che chi disprezza in modo esagerato i gay lo fa come forma di insicurezza , perchè intimamente ha paura di esserlo lui stesso..... vero Aredo, Ilbarzo , Cesare46 e albertzanna ? Sarei curioso di sapere quali sono i siti anonimi che frequentate di più...

linoalo1

Gio, 24/07/2014 - 16:05

Evviva!Finalmente i nostri figli avranno un bell'esempio da seguire!Noi genitori,non ne sentivamo certamente la mancanza!Ma,siccome chi comanda e,quindi,detta legge,sono i Sinistrati Intelligentoni,noi genitori,con i discendenti compresi,dobbiamo solo accettare in silenzio!Il Rododentro.

carlotaglia

Gio, 24/07/2014 - 16:06

@Albertzanna Le auguro con tutto il cuore di avere un figlio gay che un giorno prenda una corda e si impicchi (con un padre come lei sarebbe molto facile), in quanto questo sarebbe l'unico modo per far capire a una persona spregievole come lei quanto poco abbia capito della vita. Dalla sua infinita ignoranza e superficialità si evince che lei non solo non sa che cosa significhi essere gay, ma pretende anche di raggruppare nella stessa "classe" (di persone "non normali") tutti gli omosessuali: per cui, tutti gli omosessuali diventano automaticamente gente che frequenta puttanai, orge, ovviamente pieni di malattie (magari anche mentali) e naturalmente drogati, vestita di rosa, con voce stridula e pronta a criticare qualsiasi cosa con modi da checca isterica. Beh, SI SVEGLI, perchè non è affatto così. Esattamente come per voi "normali" (come vi piace tanto definirvi), la categoria di gay (o finocchi, rottinculo, froci o altri adorabili termini che la vostra ignoranza vi suggerisce) da lei fornita come immagine non è la normalità, bensì un eccesso, un estremo. Caro il mio sapientone, sappia che esistono tanti gay (come il sottoscritto) che in quei locali non ci vanno, che non fanno niente di ciò che ha elencato lei, che sono contrari ad assurdità come "genitore 1/2" etc. e che non si permetterebbero mai di poter pensare di fare un figlio. Ci sono gay come me che sono totalmente insospettabili e, che agli occhi di uno come lei, figurerebbero come "un bravo ragazzo": ho 24 anni, una laurea (in arrivo la seconda, specialistica), parlo perfettamente tre lingue, non ho nessun modo femminile, faccio anche lavori da uomo (pensi, so anche lavorare in campagna e non me ne lamento mai), mi piace andare al poligono, mi piace la birra e tanto altro. Ops, un piccolo dettaglio, mi piace il pisello. La cosa che mi fa più incazzare è che quando si parla di matrimoni gay e unioni civili, non ci si ricorda di gente come me, a cui farebbe piacere anche solo per essere sicuro di poter avere dei diritti nei confronti dell'uomo che si ama, di potergli stare accanto in ogni situazione (bella o brutta), esattamente come in una coppia composta da uomo e donna. Se si sta chiedendo se ho provato le ragazze, certo, ci sono andato più di una volta (anche fino in fondo, se le interessa) e per 20 anni ho continuato ad autodistruggermi cercando di farmele piacere. Ovviamente io sono single, ovviamente quasi nessuno sa di me ed ovviamente, ogni volta che ho dato un bacio sincero ad un ragazzo mi sono sentito in colpa (in colpa di essere nato e di essere nato così): non credo capiterà mai di avere un compagno (per al gioia di persone come lei) e sono sicuro che mi porterò nella tomba la maschera che porto in faccia quotidianamente (sempre per la sua gioia). Sappia solo che di persona come me ce ne sono molte più di quanto possa immaginare. Quindi, mi faccia una cortesia, quando si sente in dovere di esprimere opinioni su cose che non sa, tenga quella bocca chiusa.

aredo

Gio, 24/07/2014 - 16:06

@Angel7827: "la kultura" comunista '68ina .. creata a furia di droghe che hanno bruciato i neuroni.. facendo passare per normale e per vanto il gay.. Prossimo passo il matrimonio cane-umano. E così via. La sinistra "è così avanti" .. ehh!

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 24/07/2014 - 16:15

@Totonno. "Aureo secolo omai volgono,o Totonno,i fusi delle Parche". Sei contento? Hai visto che con le dinamiche sociali tutto diventa luminoso? Con pazienza tutto diventerà normale e non ci sarà più il pericolo di regressione, per forza, perché in quanto a regressione si sarà già raggiunto il limite massimo.

lento

Gio, 24/07/2014 - 16:20

Dichiaratevi pure tanto verrete scovati senza alcun dubbio fra poco tempo!!!Sta' per arrivare zio Adolf.....

carlotaglia

Gio, 24/07/2014 - 16:26

Ah, dimenticavo, tanto per rincuorarla: sono di destra, il mio voto è sempre una contesa tra Berlusconi e Lega, non sopporto i comunisti (o pseudo tali) ed il buonismo moderno, non mi drogo e mai mi sono drogato e non sopporto i gay pride. Altri vetri su cui arrampicarsi?

albertzanna

Gio, 24/07/2014 - 16:38

EGREGIO DAVID71 - mi pare che non ci sia dubbio che le appartenga all'eletta schiera dei GHEI. Beh! io, che sono di tutt'altra parrocchia, spero che i cambiamenti antropologici di cui lei vagheggia "......la società a considerare "normale" quanto in precedenza era vissuto come "anormale.....", portino l'umanità normale a difendere la "ridotta" (lei sa cosa significa, vero?) dei normali, con le armi della dialettica, mai con le armi che usate voi, della demonizzazione di chi non si uniforma al vostro decadentismo sessuale e morale. Io non vi sono amico, e non vi sono nemico, semplicemente mi siete del tutto indifferenti, ma quando sento dire che nel tempo sia fatale arrivare a considerare normale ciò che io, e il 95% dell'umanità, definiamo anormale, la cosa mi sconvolge alquanto. Ho dei figli e dei nipoti. Ai figli, come padre, ho insegnato i valori che mi vengono da una famiglia che risale indietro nei secoli come assolutamente normale, etero tanto per usare un linguaggio consono ai circoli cultural chic (cioè di sinistra), ai nipoti, come nonno e visto i tempi in cui loro stanno crescendo preparandosi a diventare uomini e donne, farò solo una raccomandazione, perché la vera educazione ritengo spetti ai loro genitori, di guardarsi bene dalla malia che possa venire da certe sirene che insinuano che l'importante è amarsi. L'amore è una cosa estremante seria e responsabile, non un gioco delle parti in perenne scambio fra ciò che mi fa godere oggi e ciò che mi eccita domani. E mi pare che questa sia la morale da trarre dalla sua frase che sopra ho messo fra virgolette: se la natura, ed io da credente dico anche il Buon Dio, ci ha fatti come siamo, c'è una ragione precisa, immutabile. La femmina produce ovociti, il maschio produce sperma, che possono incontrarsi solo ed unicamente in una ben precisa maniera e funzione, per il piacere e per il concepimento. Tutto il resto è subdola propaganda, per impedire che la gente riapra, finalmente, gli occhi, ed accorgersi che state cercando di minare un equilibrio che esiste dalla note dei tempi. il sole sorge sempre ad est e tramonta ad ovest, il giorno che questo ciclo si invertirà, quel giorno potrete diventare voi i normali, e noi gli anormali. Ma ho l'impressione che quel giorno sia estremamente lontano nel tempo, e nello spazio (vedi formula E=mc2). Albertzanna

MenteLibera65

Gio, 24/07/2014 - 16:44

@carlotaglia, questa è gente che vive di bianchi e neri, giusto e sbagliato, mai e sempre. Gente incapace di vedere le persone differenti da loro come esseri umani. Gente che vive di certezze perchè incapace di convivere con le proprie insicurezze. In altre parole...deboli e mediocri. Non vale neppure la pena di perder tempo , perchè questi se nascevano in Iran diventavano Fondamentalisti, se nascevano nella Russia anni 60 diventavano comunisti bolscevichi , se nascevano nella germania nazista diventavano SS, e se nascevano nell'america del '700 diventavano schiavisti . Perchè come ti giri ti giri, ma c'è un solo nome per identificarli : comincia per "S" e finisce in "tronzi".

albertzanna

Gio, 24/07/2014 - 16:54

GERMANO44 - Bolognese, un po' si e un po no. Nato a Bologna, poi andato a Modena, e tornato a Bologna sposandomi. All'epoca io abitavo vicino alla chiesa di San Paolo di Ravone. E allora i busoni erano busoni, non GHEI, come ora aristocraticamente vogliono essere definiti, senza rendersi conto che il termine "gay" tradotto in italiano, li squalifica ancora di più. Non frequentavo bar, allora e neppure ora, ma se avessi saputo che ce n'era uno di destra, a Bologna!!, sicuramente un passaggio ce lo avrei fatto. Si figuri che la mia fabbrica era fuori Bologna, dalle parti di Crespellano, ed ero talmente amato da un certo Degli Esposti, sindacalista cgil, che una volta, avendo io anticipato la firma del rinnovo di contratto con i miei operai, senza il suo permesso, mi ritrovai la via Emilia, direzione Anzola, tappezzata di cartelli "Zanna sei un fascista, ti abbiam messo nella lista". E non si rendevano conto che così facendo mi avevano messo su un piano nettamente superiore al loro. Albertzanna

david71

Gio, 24/07/2014 - 17:06

E ridalli con sta storia che sono omosessuale… Guardi Albertzanna, abbiamo già fatto questo siparietto e le ho già risposto un mesetto fa, qua: http://www.ilgiornale.it/news/interni/unioni-gay-matrimonio-cos-renzi-spacca-maggioranza-1028427.html#comment-5134587 Sinceramente non ho alcun interesse a riaprire la discussione e onestamente faccio a meno delle sue “alte” conversazioni così magistralmente argomentate con eleganza dovizia di particolari. La invito ad andare al bar sport del suo paesello, dove fra una gara di rutti e l’altra troverà sicuramente maggiori sodali disposti ad ascoltare le suo farneticazioni biologiche (e anche fisiche vista la citazione finale!!).

albertzanna

Gio, 24/07/2014 - 17:06

ANGEL7827 - sono sempre e comunque 2 anni in più al 1968 a cui siete rimasti ancorati voi di sinistra, e in due anni noi di destra di progressi ne abbiamo fatti, e tanti, mentre voi siete rimasti ancora agli esami di gruppo, sedendovi davanti all'esaminatore assieme ad uno studente, di destra, che aveva veramente studiato. Speravate di rimediare il solito 18 politico. Invece andavate in bianco, con me, io mi alzavo e rinunciavo alla sessione. Così facendo ho dovuto, per forza, impiegare più tempo a laurearmi (in più io avevo già aperta la mia fabbrica e lavoravo 8/10 ore al giorno), ma alla fine ci sono riuscito, creandomi ulteriore cultura vera, mentre voi di sinistra siete rimasti al libretto rosso di Mao. Dicono a Roma "m'hai detto 'n prospero, che curtura da imparato, che c'hai"

albertzanna

Gio, 24/07/2014 - 17:14

MENTE LIBERA65 - ti do un suggerimento, non provare a vendere la tua merce ad altri. Ci vuole ben altra stazza che la tua di GHEI. Non so per gli altri nick che hai citato, ma per me esiste solo una cosa: si chiama vagina, scientificamente, o figa, volgarmente ma attraente, o gnocca, o passera, o parpaiatopola, alla Dario Fo, o cespuglio, chiamala come vuoi, ma ne sono un adepto dal momento stesso che sono nato, e così sarà sempre. Mi sono trovato, raramente, a contatto con dei GHEI, e tutto quello che ne ho ricavato è stata una sensazione pesantissima di fastidio e, chiedo scusa alla redazione, ripugnanza nel notarne i comportamenti. Non ho altro da aggiungere per rispondere al tuo squallore.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 24/07/2014 - 17:15

@ Carlotaglia. Ma lei dove vive? Adesso essere gay è un titolo di merito e lei non ha fatto outing? A persone come lei,anche se si dichiarassero apertamente gay,non mancherebbe il rispetto ,perché lei vive con dignità la sua condizione. Mentelibera65 parla di insicurezze da parte dei normali, insicurezze che non mi appartengono,anche perché sono una donna, credo invece che le reazioni di molti siano causate da forme di aggressività che spesso si verificano da parte dei gay. Tanti auguri per una vita più serena.

david71

Gio, 24/07/2014 - 17:16

E ridalli con sta storia che sono omosessuale… Guardi Albertzanna, abbiamo già fatto questo siparietto e le ho già risposto un mesetto fa, qua: http://www.ilgiornale.it/news/interni/unioni-gay-matrimonio-cos-renzi-spacca-maggioranza-1028427.html#comment-5134587 Sinceramente non ho alcun interesse a riaprire la discussione e onestamente faccio a meno delle sue “alte” conversazioni così magistralmente argomentate con eleganza dovizia di particolari. La invito ad andare al bar sport del suo paesello, dove fra una gara di rutti e l’altra troverà sicuramente maggiori sodali disposti ad ascoltare le suo farneticazioni biologiche (e anche fisiche vista la citazione finale!!).

aredo

Gio, 24/07/2014 - 17:17

@carlotaglia: un gay che si suicida non fa altro che confermare di essere un malato di mente, una persona instabile che è gay per tutto meno che per genetica o natura. E' una malattia mentale e l'autoflagellazione, il suicidio sono dovuti alla malattia, malattia causata anche da un'enorme diffuso uso di droghe che la sinistra vende, favorisce e propaganda.

aredo

Gio, 24/07/2014 - 17:17

@carlotaglia: un gay che si suicida non fa altro che confermare di essere un malato di mente, una persona instabile che è gay per tutto meno che per genetica o natura. E' una malattia mentale e l'autoflagellazione, il suicidio sono dovuti alla malattia, malattia causata anche da un enorme diffuso uso di droghe che la sinistra vende, favorisce e propaganda.

aredo

Gio, 24/07/2014 - 17:19

@MenteLibera65: stai descrivendo voi comunisti, che siete il massimo del razzismo e dell'intolleranza? Che come i talebani islamici vi credete esseri superiori e le vostre follie psicotiche le volete imporre su tutti ad ogni costo e senza alcuna morale nè rispetto.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 24/07/2014 - 17:20

Salve, David71,sa che io non avrei mai supposto che lei fosse gay? Non che questo sia importante.

Ritratto di Izdubarino

Izdubarino

Gio, 24/07/2014 - 17:26

È una meschina mossa propagandistica del sindaco Merola (PD) in vista delle prossime elezioni regionali. S'è aperta la caccia ai voti gay.

Felice48

Gio, 24/07/2014 - 17:44

Grande conquista non le altre bischerate tipo economia, disoccupazione, sicurezza, salute, ecc.. Vuoi mettere stè stramberie con quella di questa conquista?

Ritratto di Il Ghepardo

Il Ghepardo

Gio, 24/07/2014 - 17:58

MenteLibera65... mi sono sempre chiesto cosa porta gli uomini ad ostentare in modo esasperato l'appartenenza al gruppo dei "liberi pensatori", come fa lei con il suo nick, soprattutto osservando che i discorsi di persone come lei, spesso accompagnati da pietose rivendicazioni di superiorità intellettuale, risultano puntualmente inseriti nello schema più pecoronamente allineato al pensiero dominante. Lei è né più né meno il prodotto di ciò che l'utente David71 ha descritto, ovvero la propaganda di regime, che ovviamente lui inserisce, per interesse personale, o forse perché non ci arriva, nella categoria delle cose buone e giuste. E naturalmente i "liberi pensatori" oggi chi sono? La cronaca ce ne elenca molti: sono quelli che applaudono al boicottaggio dell'industriale controcorrente (Barilla), sono i borghesotti che fanno le vittime per cose che non hanno mai subito e godendo di una tutela mediatica asfissiante, sono quelli che caldeggiano l'introduzione dei reati di opinione, sono quelli che magari riescono ancora a inorridire davanti a neonati strappati alle madri o mercanteggiati come schiavi nel terzo mondo, ma hanno paura di farlo notare perché temono la reprimenda dei progressisti... in una parola, i bolscevichi del sol dell'avvenire, i fondamentalisti della terza via, l'Islam, che conquisterà il mondo, i nazisti del Reich che durerà mille anni, gli schiavisti dell'epoca dei lumi, siete VOI! E avete anche il coraggio di ritenervi liberi e di accusare di "omosessualità latente" chi non la pensa come voi, siete più infantili dei bambini dell'asilo!! Le posso assicurare che neanch'io mi sento rappresentato da chi insulta i gay in modo becero e irrispettoso, come avviene spesso su questo sito, ma non posso che sospirare di sollievo nel vedere che non tutti sono rimasti asfaltati dalla propaganda dei sinistri o da quella opportunista degli esterofili liberal, come quella dell'ultimo Feltri.

albertzanna

Gio, 24/07/2014 - 18:29

Il GHEPARDO * mi è molto piaciuta la sua descrizione, puntuale e puntuta, della categoria umana cui appartengono questi propagandisti del nulla in SPE. Albertzanna

Totonno58

Gio, 24/07/2014 - 18:38

Io saluto tutti, in particolare Euterpe, i cui commenti mi risultano spesso surreali ma che altrettanto spesso mi risulta simpatica...poi concordo abbastanza con David71 sul fatto che certi cambiamenti culturali, anche di costume, comportano, in molti casi fortunatamente, dei "punti di non ritorno" (scherzando, mi viene da dire "che tristezza sarebbe il mondo senza il rock, la minigonna ecc.ecc.!")...il problema è che l'Italia è molto indietro sul tema dei diritti civili, per cui, quasi per reazione, i sindaci, ad es., creano volutamente un contrasto con un Parlamento che è inerte...avanti allora con le civil partnerships che Renzi, con la benefica fretta che lo contraddistingue, porterà tra un mese in discussione...vedrete che, su basi diverse, fissando dei principi più "in avanti", si parlerà di questi temi in altro modo!

giovanni PERINCIOLO

Gio, 24/07/2014 - 18:43

carlotaglia. Ha perfettamente ragione, purtroppo la maggioranza dei gay é tutt'altra cosa e della loro situazione ne hanno fatto un vanto, e la cosa non mi fa ne caldo né freddo, ma pretendono sempre di più e ad ogni minima contrarietà strillano all'omofobismo vero o presunto della controparte. Quanto ai diritti civili cui lei accenna credo che la maggioranza degli sarebbe ben disposta a concederli ma la maggioranza, o almeno quella più rumorosa e sguaiata, dei gay vogliono ben altro. Vogliono il "matrimonio", vogliono figli adottivi o tramite inseminazioni e uteri in affitto e sopratutto vogliono, ripeto vogliono, essere discriminati per poter fare il bello e il cattivo tempo pena la condanna per omofobia. Quindi si a certi diritti civili ma senza ledere i diritti ben più importanti dei bambini e senza pretendere quanto natura non puo' concedere!

carlotaglia

Gio, 24/07/2014 - 19:31

@Giovanni Perniciolo. Come darle torto. Io stesso non sopporto la presunzione e l'egoismo con i quali una percentuale di gay esige matrimonio, figli, cambi di sesso con la stessa spavalderia con la quale mi cambio una camicia e chi ne ha più ne metta. I gay pride e tutti gli altri spettacoli simili (inclusi ovviamente ridicoli personaggi come Luxuria & Co., che purtroppo rappresentano comunque una delle poche ancore a cui tutti i gay possono aggrapparsi malvolentieri)non fanno altro che alimentare nel pensiero comune lo stereotipo del gay "checca", che con ogni probabilità va in giro con la borsetta, è vegetariano, beve solo tisane rilassanti e sviene se si spezza un'unghia rifatta 10 minuti prima dall'estetista. Ovviamente lo stereotipo è sbagliato, ma in tutto ciò io non mi identifico affatto. Il problema è sempre il solito: quando si arriva ad affrontare questioni come il semplice matrimonio, vengono prese tutt'altro che seriamente. E' questa l'offesa. Che poi...se alcuni diritti fossero comunque assicurati, per me il matrimonio potrebbe essere pure una festicciola in cui un mio amico inscena in modo simpatico il prete e ci dice semplicemente che abbiamo deciso di passare la vita insieme. ...Manco questo ci lasciate fare in pace.

aredo

Gio, 24/07/2014 - 23:44

@carlotaglia: ma se sei gay perchè diavolo vuoi sposarti? L'idea del matrimonio ai gay è una psicosi collettiva creata dalla sinistra. Così come la maggioranza dei gay al giorno d'oggi, la sinistra ha trasformato il tutto in una moda, in un credo pseudo-religioso per cui essere bisex e/o gay è diventato un motivo di vanto e chi non lo è deve convertirsi. Proprio come gli islamici, stesso livello di pazzia.

david71

Ven, 25/07/2014 - 09:24

Salve Euterpe, come va? In realtà aveva supposto giusto. Non lo sono.

albertzanna

Ven, 25/07/2014 - 13:04

HEILA' DAVID 71 - mi deve scusare ma ribadisco la mia opinione. Avevo, anni fa, un operaio che per descrivere la contiguità fra due cose, o due persone, soleva dire che c'era "la stessa distanza come fra la cotica ed il lardo". La sua difesa dei GHEI è talmente appassionata, che se lei non è un GHEI, deve avere almeno provato, una qualche volta a giacersi, e le è piaciuto. Quando alla frequentazione del bar del paesello, non ho mai frequentato bar, ne circoli Arci, ne le betole che le sono frequenti, ne fatto gare di rutti (che non sono una mia specialità, ma sua, visto che le cita). La mie farneticazioni non sono biologiche, ma mediche, e c'è un discreta differenza fra i due argomenti, pur se attinenti. Circa la citazione einsteiana sulla formula di base della relatività, l'ho citata solo per farle capire quanto il mondo sia ancora lontano dal ritrovarsi affollato dagli adoratori dello sfintere anale, come soddisfazione sessuale, e la decadenza della naturalità dell'unione uomo/donna. Ma già citandola sapevo che lei non l'avrebbe capita: lei è un cultore, oltre che del rapporto GHEI, anche dell'effimero, come lo sono i rapporti fra GHEI.

carlotaglia

Ven, 25/07/2014 - 13:07

@Aredo. Le mie erano per lo più ipotesi, però non nego che, se trovassi un ragazzo che amo e che contraccambia, sarebbe bello poterlo affermare con un gesto come il matrimonio esattamente come farebbe una coppia eterosessuale. A questo punto, la tua domanda potrebbe essere girata a qualunque coppia eterosessuale: dopo tutto, si possono fare figli, si può vivere una vita felice (di coppia e non) anche senza matrimonio, giusto? Per il resto, sono d'accordo sul fatto che sia stata anche la sinistra a rendere spesso sfavorevole ai gay stessi questa eccessiva apertura e questa improvvisa esplosione di diritti (alcuni dei quali assurdi) da rivendicare. Un po' meno d'accordo con lei lo sono per quanto riguarda la "moda" dell'essere gay o bisessuale: l'unico motivo per cui "oggi" ce ne sono tanti è il fatto che effettivamente dichiarare di essere gay/bisex creerebbe molto meno scompiglio rispetto a qualche decennio fa, per cui, chi ha il coraggio e l'animo di dichiararsi sa che non è poi questa tragedia. Infine, riguardo l'altra risposta che ha scritto qualche post sopra, siccome mi sembra una persona ragionevole le consiglio (e lo consiglio a tutti) di guardare un film: Prayers for Bobby. Con ogni probabilità lo troverà in inglese, ma se lo mastica un minimo non avrà problemi a capire.

albertzanna

Ven, 25/07/2014 - 13:19

PER CARLOTAGLIA - che lei sia un tizio con desideri di vendette crudeli e sanguinarie lo avevo già capito. E’ tipico della sinistra (se vuole le posso citare tanti riferimenti a Lenin). Mio figlio è assolutamente etero e troppo impegnato a vivere la sua vita piena di obiettivi reali da raggiungere per pensare ad appendere una qualsiasi cosa, men che meno se stesso, ad una corda. Esercizio che viene più naturale a gente come lei, che coltiva frequentazioni abominevoli. Quanto alla mia ignoranza, se lo sono io, bilaureato, fra cui una in ingegneria conseguita in USA con master in scienze aeronautiche e spaziali e conoscenza perfetta di tre lingue straniere più l’attuale studio dello spagnolo e russo, non oso immaginare quanto lo sia lei. Con la sua frase “”........Ci sono gay come me che sono totalmente insospettabili e, che agli occhi di uno come lei, figurerebbero come "un bravo ragazzo"....., lei fornisce la riprova perfetta della vostra ambiguità e pericolosità sociale. Se posso darle un suggerimento, lei, adoratore del “pisello” soffre della Gay’s Syndrome, scoperta medica dopo più di 10 anni di studi. E visto che afferma d’averci provato anche con le donne, ma che proprio non le vanno giù, si faccia operare e raggiunga la sua vera dimensione femminile. Le garantisco che ne trarrà grandi benefici, soprattutto a livello mentale, emotivo e di coscienza. Così potrà trovarsi un ragazzo e non dovrà più portare la maschera, che è simbolo di ulteriore ambiguità, oltre che di codardia. AZ

carlotaglia

Ven, 25/07/2014 - 14:29

@Albertzanna: Può aver intrapreso tutti gli studi che vuole, ma resterà sempre un grande ignorante, perchè parla di cose che non conosce per nulla. E poi...se avesse letto più avanti, ho pure scritto che io sono di destra. Le due lauree (la seconda in arrivo a breve, ma puntuale e conseguita in inglese) e la conoscenza delle tre lingue straniere ce l'ho già a 24 anni, incluso un lavoro che mi mantiene gli studi (imparato da autodidatta in adolescenza e che svolgo al posto di andare in vacanza) ed esperienze lavorative in tre stati. Vogliamo giocare ancora a chi ce lo ha più lungo? Ha ragione chi la ha preceduto, è inutile parlare con persone come lei. Continui a vivere nella sua infinita ignoranza e, come già detto, spero tanto che un giorno un suo familiare si dichiari gay, così da demolire il suo castello di stronzate che si è costruito mentre pensava a come insegnare agli altri quanto è buona la fica. Non sprechi tempo a rispondere, non mi interessa

albertzanna

Ven, 25/07/2014 - 16:36

CARLOTAGLIA - lei è talmente debole nelle sue argomentazioni che mi suggerisce " Non sprechi tempo a rispondere, non mi interessa", non rendendosi conto che, così affermando, lei non vuole ascoltare gli altri, o teme di doverli ascoltare perché, convinto com'è d'avere la scienza infusa per dogma divino, teme di scoprire, dalle parole altrui, che non è vero. Io non so che lauree abbia lei, ma la mia prima l'ho conseguita, ed avevo già aperto la mia prima fabbrica e lavoravo ore al giorno, all'Università di Bologna, non di Canicattì, nonostante i sessantottini, i costruttori del nulla nel deserto della non cultura, mi tampinassero per fare gli esami di gruppo, e regolarmente se lo prendevano in saccoccia perché io mi alzavo e rinunciavo alla sessione. La seconda l'ho conseguita negli USA, sempre mentre lavoravo, in una delle università americane dove laurearsi in Ingegneria meccanica con master in scienze aerospaziali non è semplice, il tutto ovviamente scrivendo e parlando in inglese americano, anche con una leggera inflessione "montanan", che è lo Stato che io amo di più. Per sua informazione sulla mia ignoranza, la mia laurea americana è una High Grade, sempre che lei sappia cosa significa. Ed ora, tanto per dare spazio ai miei interessi culturali che sono vastissimi, nonostante io lavori ancora molte ore al giorno, sto meditando di iscrivermi a Fisica Teorica, è una delle mie passioni, con master in Astrofisica, una cosa naturale per uno come me, che piloto aerei da quando avevo 18 anni e un passato giovanile da missilista dilettante. A me, che lei sia di destra o sinistra interessa poco o punto - lingua del Dante (anche nella destra esistono soggetti che sono più sgradevoli di un punkabbestia sinistro, e forse lei è un estimatore di Fini), perché nel leggere le sue automagnificazioni di merito si capisce che ha la classica spocchia di chi pensa d'essere sempre nel giusto, anzi, nell'assolutamente esatto d'ogni cosa che lei fa nel solo modo in cui deve essere fatta, mentre il resto dell'universo mondo cerca di arrangiarsi. Vuole un consiglio, cerchi di calmarsi, altrimenti nella vita lei prenderà "smusate" (dialetto livornese) contro ogni ostacolo che si troverà ad affrontare, soprattutto quando vuole decantarsi oltre ogni merito che si attribuisce. Che altro dire di un fenomeno intellettivo quale lei sicuramente è, anche nel dileggiare il prossimo, ma ho come l'impressione che lei abbia una coda di paglia lunghissima, fors'anche un intero pagliaio, e che ci sia dietro dell'altro....., meglio fermarci quì. Troppo per essere anche GHEI. Cala, Trinchetto, cala, diceva un antico Carosello. AZ

carlotaglia

Sab, 26/07/2014 - 23:02

Tranquillo Albertzanna, lei la coda di paglia non ce l'ha perchè è bruciata da tempo. Colui che crede di essere sempre nel giusto, caro mio, è proprio lei e in questo caso, si metta l'anima in pace, la ragione non l'ha (in tutti i sensi). E' per questo che non mi aspetto risposte da lei, non perchè ho la coda di paglia. La convinzione di aver ragione ce l'ho solo quando è effettivamente così e, in questo caso, è così. Non mi permetterei mai di giudicare qualcosa che non conosco, mentre lei lo sta facendo da diversi messaggi: che cosa ne sa lei di cosa vive quotidianamente un omosessuale, che certamente non ha deciso di essere tale alla nascita (converrà con me che nessuno sano di mente, ammessa tale possibilità, lo farebbe)? Assolutamente nulla, quindi abbia la clemenza di tacere ed evitare di scrivere commenti che non fanno altro che evidenziare la sua ignoranza. E infine, la smetta di descrivere al dettaglio tutti i suoi studi: se avesse spento per un secondo la sua foga omofoba nel fare del "ghei" (che fa ridere solo lei come espressione) a destra e manca, avrebbe capito che io l'ho fatto per primo (senza il bisogno di scendere nei dettagli) per farle capire che esistono molti, moltissimi gay di cui lei mai sospetterebbe. Cosa troppo difficile da farle entrare in testa, evidentemente. Se le argomentiazioni da proporre per un ipotetico dialogo con lei devono essere come le sue, beh, allora preferisco tentare di dialogare con un muro. E adesso basta, pensi quello che ne ha voglia.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 27/07/2014 - 17:47

@ Albertzanna. Lei dev'essere una persona eccezionale se trova anche il tempo di partecipare ai forum del Giornale, nonostante i suoi impegni e le sue responsabilità. Le giungano i miei complimenti e trovi sempre qualche piccolo spazio per noi.

david71

Lun, 28/07/2014 - 11:23

Albertzanna, Lei è una delle persone che mi da più soddisfazioni. Riesce a dimostrare plasticamente quanto scrivo nei miei post come pochi altri riescono a fare. Un sentito grazie! P.S. Le do un consiglio, eviti di millantare titoli accademici in modo così allegro, o almeno eviti di cimentarsi successivamente in citazioni che la sbugiardano miseramente rendendola pateticamente ridicolo. Non fosse altro per il fatto che i post su un forum, per loro natura , potrebbero venire letti magari anche da coloro che possiedono realmente tali titoli. Un sentito grazie per i minuti di comicità regalatomi.