Spagna, Annalisa è sopravvissuta. Dall'ospedale chiede dell'amica morta

È una delle studentesse sopravvissute al tragico incidente sul pullman dell'Erasmus

Annalisa Riba è tra le studentesse sopravvissute all'incidente avvenuto in Catalogna e dall'ospedale continua a chiedere della migliore amica Serena, ma non sa che non ce l'ha fatta.

Annalisa è in ospedale perché deve essere operata al collo, la sua sesta vertebra cervicale si è incrinata. Nonostante sia sofferente e immobile, non smette mai di chiedere dell'amica Serena Saracino. "Come sta Sere?" - continua a domandare ai genitori e ai medici. Annalisa non sa che l'amica è morta durante lo schianto del bus. I medici hanno vietato di rivelare il fatto alla ragazza perché un altro choc potrebbe peggiorare la sua situazione.

"Non dovevamo neppure salire su quel pullman - racconta sconsolata Annalisa - . Stavamo dormendo quando c’è stato l’incidente. Non si capiva più niente. Sangue e vetri in frantumi dappertutto". La ragazza, nonostante le ferite, assicura tutti di stare bene e il suo pensiero è sempre per l'amica Serena. "Siamo come sorelle. Stessi esami, stessi interessi. Non vedo l'ora di vederla" - dice la Riba.

Le due ragazze frequentavano insieme il corso di farmacia all'Università di Torino, ma è in Spagna che il loro legame si è fatto più stretto. Ora, Annalisa verrà sottoposta all'intervento e per questo motivo deve stare tranquilla, quando sarà fuori dall'ospedale dovrà fare i conti con la dura realtà.