Anziana morta in ospedale a Lugo, la Cassazione annulla lʼassoluzione dellʼinfermiera

Daniela Poggiali, condannata all'ergastolo nel 2016, era stata assolta in appello. Ora però la Cassazione ha imposto un nuovo giudizio: processo da rifare

L'infermiera Daniela Poggiali

Avrebbe avvelenato e ucciso una sua paziente tramite somministrazione di potassio. Ora la prima sezione penale della Cassazione ha annullato l'assoluzione di Daniela Poggiali, ex infermiera di Lugo, nel Ravennate, accusata di omicidio volontario. La donna, secondo l'accusa, ha iniettato a Rosa Calderoni, 78 anni, del cloruro di potassio.

Poggiali era stata condannata a marzo del 2016 all'ergastolo dalla Corte d'Assise di Ravenna, ma la Corte d'Assise d'Appello di Bologna, un anno fa, in seguito a una perizia, l'aveva assolta "perché il fatto non sussiste".

Durante l'udienza di martedì, il procuratore generale Mariella De Masellis - affermando che l'infermiera agiva in modo "sconcertante e senza pietà, manipolando i degenti e somministrando farmaci a piacimento" - ha domandato alla Suprema Corte di accogliere il ricorso e annullare l'assoluzione. Richiesta poi accolta dalla prima sezione penale della Cassazione, presieduta da Antonella Mazzei.

"Sono serena, la verità prima o poi emergerà". Ha reagito così all'annullamento dell'assoluzione Daniela Poggiali dopo essere stata informata telefonicamente dal suo avvocato. "È presto per esprimere una valutazione tecnico-giuridica. Ne prendiamo atto e attendiamo di leggere le motivazioni. Per il momento - ha detto invece Lorenzo Valgimigli, suo legale - siamo 'uno a uno' e andremo al nuovo processo di appello con la stessa serenità con cui abbiamo affrontato il precedente".

"L'angelo della morte"

I fatti risalgono al 2014: il 9 ottobre Poggiali, oggi 46enne, infermiera all'ospedale 'Umberto I' di Lugo, viene arrestata. L'accusa nei suoi confronti è pesantissima: secondo i pm, è stata lei ad aver causato la morte di Rosa Calderoni, 78 anni, paziente deceduta all'ospedale di Lugo qualche mese prima - l'8 aprile 2014 a poche ore dal ricovero - con un'iniezione di cloruro di potassio.

E sui giornali finiscono anche i selfie dell'imputata con i pazienti: foto che avranno come conseguenza la radiazione dall'albo degli infermieri, decisa al termine di un procedimento disciplinare concluso nel 2017. La donna, rinominata "angelo della morte", inizialmente era sospettata di essere responsabile di 87 decessi avvenuti all'interno della struttura.

Commenti

dagoleo

Ven, 20/07/2018 - 16:10

Forse potrà scappare alla giustizia umana, ma a quella Divina no, a quella Divina non scapperà.

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 20/07/2018 - 17:40

@dagoleo Ma lei è certo della sua colpevolezza? L'ha vista personalmente ammazzare qualcuno?

Ritratto di Pippo1949

Pippo1949

Ven, 20/07/2018 - 21:18

Una che si fa le foto sorridenti assieme a pazienti deceduti, è una psicopatica lucida,quindi ancora piu pericolosa.Perciò niente galèra,ma manicomio criminale.

Ritratto di mailaico

mailaico

Ven, 20/07/2018 - 22:51

un giorno in italia sei colpevole, un altro giorno col giudice donna, in itaglia sei innocente. Contenti loro che la chiamano giustizia.

Ritratto di gianky53

gianky53

Sab, 21/07/2018 - 07:18

Che questa sia pazza non ci piove, ma a lasciare sbalorditi è il capovolgimento delle sentenze da un grado di giudizio all'altro, segno che con questa (in)giustizia c'è tutto da rifare.