Aon sceglie il «Corporate CarSharing» di Alphabet

Si consolida la partnership grazie alla soluzione AlphaCity Parma (Aon): «Convinti dall'altissimo contenuto tecnologico»

Ridurre il Total cost of mobility di un parco auto ottimizzando, al contempo, l'utilizzo delle vetture in pool sono oggi necessità primarie per un gran numero d'imprese, sempre più impegnate, nella gestione delle loro flotte, a trovare il punto d'equilibrio tra razionalizzazione delle spese, contenimento dei consumi (e conseguente tutela dell'ambiente) e uso smart dei mezzi a disposizione.

Non fa eccezione Aon, multinazionale del settore del brokeraggio assicurativo e riassicurativo e nel consulting delle risorse umane, con più di 65mila dipendenti in oltre 120 Paesi, che ha da qualche mese attivato in Italia un servizio di Corporate CarSharing in diverse sedi distribuite su tutto il territorio nazionale, adottando la soluzione AlphaCity di Alphabet, società leader nei servizi di mobilità aziendale del Gruppo Bmw. «Abbiamo scelto Alphabet e AlphaCity dopo aver analizzato approfonditamente la nostra situazione e compreso quali fossero le esigenze fondamentali da soddisfare - spiega Donato Parma, direttore risorse umane di Aon - collaboriamo con Alphabet da anni, con grande soddisfazione da entrambe le parti. Siamo orgogliosi di essere una delle prime aziende in Italia a proporre un Corporate CarSharing di questo genere e vogliamo estenderlo quanto più possibile: partendo da Milano, Ancona e Treviso, entro l'anno il servizio sarà attivo anche a Roma, Genova, Parma, Modena e Torino».

AlphaCity è l'innovativa soluzione di CarSharing aziendale strutturata sul collaudato modello Alphabet di Noleggio a Lungo Termine. Questo servizio consente ai collaboratori di un'azienda di utilizzare le vetture di pool per i viaggi legati alla loro attività lavorative; la registrazione del costo di ogni singolo spostamento, controllato da un software di ultima generazione e automaticamente assegnato all'area aziendale di pertinenza, assicura la più assoluta trasparenza. Oltre a ciò, AlphaCity consente alle aziende di mettere a disposizione del personale le vetture della flotta anche nel tempo libero, garantendo l'assoluta privacy degli utilizzatori. Tale utilizzo può, a libera scelta dell'azienda, avvenire a titolo gratuito oppure a fronte del pagamento di una tariffa di utilizzo definita internamente, andando così a compensare parte del canone di noleggio.

«Quel che ci ha maggiormente convinto di AlphaCity - conferma Parma - è stato l'altissimo livello tecnologico della sua piattaforma, per mezzo della quale siamo riusciti a raggiungere due obiettivi per noi assolutamente strategici: da una parte coordinare l'intera flotta attraverso un'architettura online semplice da utilizzare, ma di ultima generazione, basata su un agile sistema keyless , dall'altra avere la possibilità di mettere a disposizione di tutti i dipendenti i mezzi del nostro parco auto per il libero utilizzo privato durante i fine settimana. A spingerci in questa direzione non sono soltanto ragioni legate al controllo delle spese di mobilità, ma anche l'aspetto motivazionale e l'apprezzamento dimostrato dai collaboratori, tema a cui, come responsabile delle risorse umane, sono particolarmente sensibili».

«A poco più di un anno dal suo lancio in Italia, AlphaCity vive una costante evoluzione - conclude Marco Girelli, sales & marketing director di Alphabet - e posso affermare con un certo orgoglio che, al di là delle numerose dichiarazioni da varie parti, non solo siamo stati i primi in questo mercato, ma che tuttora rimaniamo gli unici a proporre questo tipo di soluzione».