Le api sanno contare fino a quattro e riconosco il concetto di zero

Un concetto astratto che non è poi così semplice, e che finora si pensava fosse alla portata solo degli umani e di pochi altri animali, come alcuni primati

Le api, oltre a "contare" fino a quattro, sono perfino capaci di comprendere il concetto astratto di "zero". A dimostrarlo è stato un esperimento condotto in Australia dai biologi del Royal Melbourne Institute of Technology, i cui risultati sono stati presentati in Portogallo alla conferenza internazionale di etologia "Behaviour 2017".

Un primo indizio dello speciale feeling tra api e numeri era stato già riscontrato nel 2008, quando un altro gruppo di ricerca australiano dell'Università del Queensland era riuscito ad addestrarle a contare fino a quattro.

Il gruppo di biologi del Royal Melbourne Institute of Technology si è spinto ancora oltre, insegnando alle api a distinguere fra due numeri, rappresentati da sagome poste su due piattaforme: dopo vari tentativi, le api hanno imparato ad atterrare sulla piattaforma con un numero minore di sagome (dove era stato posto dello zucchero) evitando invece la piattaforma con più agome (resa amara da un po' di chinino).

Sottoposti a test alla fine dell'addestramento, gli insetti hanno dimostrato di saper riconoscere il numero più piccolo fra due nell'80% dei casi. Nella seconda parte dell'esperimento, le api sono state poste davanti a due piattaforme su cui erano state poste alcune sagome oppure nessuna (a rappresentare il concetto di zero). Anche in questo caso, gli insetti hanno preferito atterrare sulla piattaforma vuota, riconoscendo che rappresentava una quantità più piccola di quella raffigurata sull'altra piattaforma.

Qualche indecisione l'hanno mostrata solo quando lo zero era confrontato con numeri molto bassi (quando cioè sull'altra piattaforma erano presenti poche sagome, due o tre): questo rafforza l'ipotesi che le api riconoscano lo zero come una quantità, al pari degli altri numeri.

Un concetto astratto che non è poi così semplice, e che finora si pensava fosse alla portata solo degli umani e di pochi altri animali, come alcuni primati.

Commenti
Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Mar, 08/08/2017 - 00:34

quindi sono meglio della Fedeli