Argentina, entra in un bar e spara all'avvocato: poi il suicidio

Terrore in un bar in Argentina dove un uomo ha ucciso il suo legale per poi suicidarsi guardando le telecamere di sorveglianza

Quattro colpi per fare una strage. Terrore in un bar in Argentina dove un uomo ha ucciso il suo legale per poi suicidarsi guardando le telecamere di sorveglianza. La tragedia si è consumata in pochi minuti. Il killer è entrato in una pasticceria affollata di Corrientes, in Argentina. Il locale era pieno, e diversi uomini erano seduti al tavolo per leggere il giornale. L'uomo, Carlos W. Martinez sapeva che il suo avvocato frequentava proprio quel bar. Così lo ha pedinato e ha atteso che si accomodasse in uno dei tavolini del bar. Poi il blitz. Il killer è entrato e ha subito fatto fuoco sull'avvocato. Due colpi alla schiena, poi uno alla testa. (Video)

A questo punto, dopo essersi accertato della morte dell'avvocato ha tentato la fuga. Ma a un tratto si ferma e guarda la telecamera di sorveglianza nel locale. Forse comprende che non ha scampo per la giustizia. E così in un attimo decide di rivolegere l'arma verso se stesso e di premere il grilletto. Dopo il colpo anche il killer cade morto accanto al suo avvocato.