Arriva il bollettino Tari. Ma il titolare della cartella pazza ha 8 anni

È successo a Città della Pieve dove a un bimbo di 8 anni è stato chiesto di pagare 338 euro di Tari. E alla fine il Comune si deve scusare per la "cartella pazza"

"Deve pagare 338 euro di Tari". Ma il destinatario della cartella esattoriale è un bimbo di appena 8 anni residente a Città della Pieve (Perugia).

Un caso di omonimia, spiegano dal Comune. La cartell pazza però riportava i dati anagrafici e fiscali del piccolo, come racconta La Nazione. "Un caso mai verificatosi in precedenza e di cui l'amministrazione era a conoscenza", spiegano dal Comune, "Alla prima segnalazione è stato immediatamente risposto che non si sarebbe dovuto tener conto della cartella pazza e che gli uffici avrebbero immediatamente provveduto alla verifica con il gestore del programma informatico dell’anomalia che ha prodotto l’emissione della bolletta. Abbiamo quindi appreso che il bambino di 8 anni erroneamente indicato come intestatario presenta tre casi di omonimia e che l’errore del sistema è probabilmente attribuibile a questo fatto (evidentemente il programma ha pescato un codice fiscale errato riferito ad omonimo)". E alla fine sono arrivate anche le scuse: "Con la cittadina ci siamo giustamente scusati già in quell’occasione e ribadiamo che la cartella è già stata annullata contestualmente alla segnalazione"

Commenti

amicomuffo

Sab, 18/06/2016 - 22:20

Ma mandare a zappare la terra a chi non ha controllato no vero? Un tempo si diceva braccia rubate all'agricoltura!

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Sab, 18/06/2016 - 23:02

Imperdonabile cialtronata.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 18/06/2016 - 23:28

Che inizi a capire da PICCOLO questo novello schiavo Italianooo!!! Poveri Italiani,schiavi,rassegnati,sottomessi e impauriti!!!!lol lol.

joecivitanova

Dom, 19/06/2016 - 02:01

..per me è stata solo una prova, per vedere l'effetto che fa'; tra un po' si inventeranno che anche i bambini producono rifiuti, anzi ne producono di più (pannolini, cibo che non mangiano, giocattoli che rompono, scarpe da cambiare più spesso perché crescono, così come tutto il resto, eccetera), e metteranno una tari maggiorata sui bambini. Preparatevi..!! g.

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 19/06/2016 - 07:29

Non puo' essere....il codice fiscale "contiene" la data di nascita.....il sistema non dovrebbe consentire l'emissione di cartelle con codice fiscale minore di 18 anni: nel caso in specie tutti i codici fiscali recanti ad esempio 98C04 (nato il 4 marzo 98)....

FRANZJOSEFVONOS...

Dom, 19/06/2016 - 08:35

D'ACCORDO LE SCUSA MA LE SPESE DI NOTIFICA, LE ORE PERSE LE SPESE PER REGISTRARE CARTA STAMPA TRASMISSIONE IMPIEGATI CHI LI PAGA?