Artista triestino muore e lascia tutto in eredità a Silvio Berlusconi

Glauco Dimini è morto due anni fa, ma solo qualche giorno fa è stato scoperto il suo testamento. Non avendo figli, ha pensato di lasciare tutto al Cavaliere

Un artista triestino ha lasciato in eredità un appartamento e un atelier. Ora manca solo l'ultimo passaggio: la consegna delle chiavi al nuovo prorpietario.

Glauco Dimini era un grande estimatore di Silvio Berlusconi. Lo ha sempre sostenuto nelle sue scelte, lo ammirava per tutto ciò che faceva e per omaggiarlo creava delle lettere illustrate che inviava direttamente alla residenza del Cav. Nel 2014, aveva anche firmato la petizione lanciata a favore della candidatura del Cavaliere alle europee. Ma due anni fa Glaudo è passato a vita migliore e non avendo figli a cui lasciare tutte le sue proprietà, ha deciso di affidare tutto ad una persona per lui molto importante: Silvio Berlusconi.

Il testamento è stato scoperto solo ora e i media locali stanno riportando la notizia. Al leader politico viene lasciato un appartamento di 90 mq immerso nel verde con tanto di vista mare e un magazzino-atelier che pare contenga ancora molte delle opere dello stesso Dimini. L'uomo, infatti, era un artista e nel suo "laboratorio" conservava dipinti, fotografie, schizzi, elaborazioni grafiche, novelle e persino filastrocche. Gluaco è ricordato dai suoi concittadini come una "persona a modo, molto gentile e sempre cordiale".

Ora, i suoi amici saranno stupiti della scoperta del testamento, ma forse nemmeno più di tanto perché l'artista nutriva una profonda ammirazione per il Cav. Intanto i conoscenti di Glauco sperano di incontrare il leader politico e direttamente a lui consegneranno le chiavi del nuovo appartamento.

Annunci

Commenti

laghee100

Sab, 12/03/2016 - 14:19

troveranno qualche giudice di MD che dichiarera' nullo il testamento !!!

titina

Sab, 12/03/2016 - 14:39

L'acqua dei fiumi va sempre al mare.

Tergestinus.

Sab, 12/03/2016 - 16:00

D'accordo, Titina, però almeno Berlusconi o chi da lui incaricato amministrerà in maniera appropriata questi beni, magari semplicemente vendendoli, mentre se il proprietario fosse morto senza eredi e senza testamento il tutto sarebbe finito a comune, che lo avrebbe lasciato marcire (vedi il caso della villa Stavropulos di Grignano, lasciata al comune nel 1961 e ormai completamente marcia) o lo avrebbe affittato a prezzi politici perdendoci.

odifrep

Sab, 12/03/2016 - 16:32

Non facciamo arricchire, ulteriormente, il Cavaliere. Subito nuova Legge sulle "successioni inaspettate".

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Sab, 12/03/2016 - 17:02

Il mondo è bello perchè è vario , pace alla sua anima.

forbot

Sab, 12/03/2016 - 17:42

odifrep, facciamo una legge che delega direttamente tutto a Lei? Non sà, che è scritto: a chi ha, sarà dato anche di più e a chi non ha, gli sarà tolto anche quel che ha?

Ritratto di mina2612

mina2612

Sab, 12/03/2016 - 17:55

Il Sig. Glauco con questo gesto, sapeva che la sua eredità sarebbe finita in buone mani. Silvio Berlusconi è il più grande benefattore d'Italia e, siccome è un grand'uomo, lo fa senza la fanfara. Spesse volte qualcuno che è stato beneficiato ne parla, e dice di non ricevuto solo bruscolini....

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 12/03/2016 - 18:08

Occhio! Che non arrivino prima quelli dei centri asociali a occupare i locali!

tiromancino

Sab, 12/03/2016 - 22:12

Perfido,una chiavica inaspettata