Auto devastate, vetrata di un bar in frantumi: preso nigeriano

Lo straniero, completamente fuori controllo, ha danneggiato oltre una decina di autovetture posteggiate, scagliandosi poi con rabbia contro agenti e carabinieri intervenuti per placarlo

Dei frame da La Nuova Venezia

Ubriaco fradicio e in preda alla furia, si è accanito contro numerose automobili posteggiate nelle vicinanze della stazione ferroviaria di San Donà di Piave (Venezia), arrivando a danneggiarle anche in modo serio, e mandando poi in frantumi la vetrata di un bar gestito da nordafricani, prima di aggredire poliziotti e carabinieri intervenuti sul posto per placarlo

Protagonista in negativo della vicenda un 30enne di nazionalità nigeriana residente a Udine, che è stato tratto in arresto non senza difficoltà durante la mattina della scorsa domenica 1 dicembre ed è ora accusato di danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale.

Barcollante ed in evidenti condizioni di alterazione psico fisica dovute all'abuso di alcolici, l'extracomunitario ha dato in escandescenze una volta raggiunta via Sabbioni. Qui ha raccolto da terra delle pesanti pietre, per poi scagliarle con forza contro le vetture in sosta nell'area di parcheggio della stazione ferroviaria locale.

Sono in tutto ben 12 le auto danneggiate dall'africano, tra finestrini e lunotti posteriori mandati in frantumi, e per alcune di esse sono stati determinati ingenti danni, come riportato dalla stampa locale. Non solo sassi, dato che contro una delle vetture il 30enne ha lanciato addirittura un bidone della spazzatura.

Tra le vittime della furia del nigeriano anche Giorgio Talon, ex sindaco di Eraclea (Venezia), che si è trovato davanti il responsabile proprio mentre tirava un sasso contro la carrozzeria della sua auto, rimasta pesantemente danneggiata.

Ad essere presa di mira dal nigeriano anche la vetrata di un bar di via Sabbioni, mandata in frantumi con un pesante sasso. Numerose le segnalazioni alle forze dell'ordine locali da parte di vittime e testimoni dell'accaduto, che hanno poi raccontato la paura provata in quegli attimi interminabili. "Sembrava un pazzo scatenato", dice uno dei presenti, come riportato da "La Nuova Venezia". "Ha lanciato contro un’auto anche un bidone della spazzatura preso in via Sabbioni, poi ha iniziato a prendere le auto a sassate", conclude.

In breve sul posto sono giunti gli uomini della polizia locale, contro i quali lo straniero si è mostrato fin da subito particolarmente ostile. Così tanto che a supporto degli agenti sono dovuti intervenire anche i carabinieri della stazione di San Donà di Piave. Rabbiosa la resistenza opposta dal nigeriano nei confronti dei tutori della legge, contro i quali si è scagliato con veemenza prima di venire fermato ed ammanettato.

Trasportato negli uffici della locale di via Ungheria Libera, è stato accusato di danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale.

Commenti

agosvac

Mar, 03/12/2019 - 13:19

Sarei curioso di sapere come si chiuderà questa vicenda. Normalmente si chiuderebbe col carcere per il nigeriano. Ma se si trova un giudice "buono", probabilmente sarà mandato a casa a "smaltire" la sbornia.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 03/12/2019 - 13:31

E chiaro che non si può andare avanti così. Inutile fare affidamento sulla giustizia,che qui NON ESISTE. Arriveremo a scontri fisici autoctoni vs trogloditi,anche prima di mandare a casa TUTTI i responsabili,ben noti,di questo porcile che è diventato il nostro paese.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mar, 03/12/2019 - 14:41

Chi paghera' i danni?

ROUTE66

Mar, 03/12/2019 - 14:43

LA MIA DOMANDA è SEMPLICISSIMA,CHI PAGA I DANNI Visto che il Signore è certamente un nullatenente,CHI PAGA

effecal

Mar, 03/12/2019 - 15:08

la sinistra lo adora , questo suo protetto avrà risorse monetarie e quanto altro per continuare nella sua importante opera di inclusione.

nerinaneri

Mar, 03/12/2019 - 15:27

...intanto, fa girare l'economia...

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mar, 03/12/2019 - 15:32

Come hanno osato gli agenti arrestare il "naufrago" Nigeriano? Ha tanto sofferto, e dopo il "salvataggio" merita almeno di dar sfogo alla sua Superiore Cultura. Subito libero, of course.

maurizio50

Mar, 03/12/2019 - 16:03

La nota dei danni va spedita con urgenza alla Caritas. Loro hanno a cuore tutti i provenienti dal terzo mondo, anche i devastatori, spacciatori, violentatori e altre amenità del genere, purchè gli autori non siano Italiani!!!!!

Libertà75

Mar, 03/12/2019 - 16:13

la risorsa sta bene? non vorrei dover pagare il biglietto ad un Scalfarotto di turno in visita... perfavore brioche e cappuccino

Blueray

Mar, 03/12/2019 - 16:16

@Route 66, @ mvasconi -Non paga assolutamente nessuno. E' stata recentemente presentata solo nella Regione F.V.G. (governatore Fedriga) a cura del capogruppo della Lega una mozione affinchè venga resa obbligatoria una polizza assicurativa per coloro che ricevono contributi pubblici per gestire l'accoglienza. Non è però dato sapere che fine abbia fatto. Si può intraprendere una causa civile con la coop affidataria del rifugiato per culpa in vigilando, ma nessun sano di mente si sognerebbe di farlo per ovvie ragioni di tempi e costi.

Ritratto di scipione scalcagnato

scipione scalcagnato

Mar, 03/12/2019 - 16:31

Ma i taser promessi da Salvini alle forze di polizia, sono ancora imballati nello scatolone?

venco

Mar, 03/12/2019 - 16:35

Tutti i crimini che compiono gli immigrati tutti i giorni non fanno mai notizia sulle televisioni e giornali, ma un piccolo torto ad uno di loro ne parlano in prima pagina per due giorni.

Ritratto di Civis

Civis

Mar, 03/12/2019 - 16:53

Funziona così, in Italia: l'intervento deciso (si fa per dire) delle forze dell'ordine non può essere preventivo, ma solo dopo che il delinquente abbia dimostrato di esserlo colpendo cose, cittadini e "forza" pubblica.

ziobeppe1951

Mar, 03/12/2019 - 16:55

scalcagnato....16.31....la Lamorgese tutto divisa e distintivo se ne guarda bene dal toglierli dall’imballaggio..in fondo potrebbero nuocere alle SUE e TUE risorse

Gio56

Mar, 03/12/2019 - 16:59

scipione scalcagnato,gli è stata data una risposta 3 settimane fà,probabilmente ha preferito non leggerla.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 03/12/2019 - 17:05

Scipione mai saputo che l'opposizione comanda nel paese.

Ritratto di scipione scalcagnato

scipione scalcagnato

Mar, 03/12/2019 - 19:42

@ziobeppe1951: già che ci siamo mettiamoci anche le TUE risorse. @Gio56: io osservo solamente che le balle sono rimaste tali, visto che ad aprile del 2019 Salvini aveva affermato "«A giugno arriva in dotazione delle forze dell’ordine la pistola elettrica». Ma probabilmente intendeva giugno del 2022... @gianniverde: vedi risposta precedente.