Al Maxxi la mostra anti Assad: scatta il blitz contro Melandri

I militanti di Roberto Fiore hanno fatto irruzione al museo Maxxi di Roma per denunciare gli “intenti mistificatori” della mostra “Nome in codice: Caesar”

Un blitz che è “un monito lanciato a media e bugiardoni di regime”, così Forza Nuova rivendica in un comunicato l’irruzione di questa mattina al museo Maxxi di Roma dove, da qualche giorno, è stata inaugurata la mostra fotografica “Nome in codice: Caesar” che vede tra i suoi sponsor anche Amnesty International.

Le immagini della mostra, arrivate nella Capitale lo scorso mercoledì, sono state trafugate da un ex ufficiale della polizia militare siriana. L’uomo, il cui nome in codice è “Caesar”, ha documentato con 55mila scatti, di cui solo una piccola parte è visibile al pubblico, le verità nascoste nelle strutture di detenzione gestite dall’esercito siriano all’indomani dell’inizio delle proteste in Siria.

Secondo i militanti di Forza Nuova, che non hanno gradito l’esibizione, si tratta dell’ennesima “mistificazione”. Così, gli attivisti di Roberto Fiore hanno deciso di manifestare il loro dissenso introducendosi all’interno del polo espositivo dove hanno srotolato uno striscione con la scritta: “Con Assad e Putin fino alla vittoria”. Durante la contestazione, che si è svolta in maniera rumorosa ma pacifica, i militanti hanno sventolato le bandiere della Repubblica Araba di Siria e quelle della Federazione Russa.

Una protesta contro la “disinformazione globalista”, si legge nel comunicato diffuso da Fn, rea di “inquinare la mente del popolo con palesi bugie, oltretutto attraverso mezzi suggestivi come una mostra” che “dipinge il legittimo presidente Assad e il presidente russo Putin come i cattivi”. “In realtà - prosegue la nota - Putin e Assad sono gli unici veri pacificatori nella regione, unici a combattere il terrorismo dell’Isis e a difendere l’Italia e l’Europa dall’immigrazione e dalle bombe".

Commenti

venco

Sab, 08/10/2016 - 13:43

Certo che gli anti-Assad sono al soldo della massoneria dei grandi capitali americani che fanno i soldi con le guerre.

Ritratto di ateius

ateius

Sab, 08/10/2016 - 15:08

Chissà chi si nasconde dietro questi "anti assad", così solerti a dipingere il regime siriano come torturatore e sgozzatore di innocenti.- forse che forse auspicano uno Stato islamico liberatore..? che giunga in quelle terre a riportare giustizia pace e fraternità.. tra tutti i popoli, qualunque siano le loro fedi e il loro credo religioso. chissà chi si nasconde.

Silvio B Parodi

Sab, 08/10/2016 - 15:20

la Clinton ha volute la Guerra in Siria ed ora non sanno piu' come uscirne!!!!brava!!!!solo 300mila morti e due milioni di rifugiati.ma al suo capo hanno dato il Nobel per la pace???? o per la Guerra???

nova

Sab, 08/10/2016 - 17:25

G. Melandri nata a New York e cittadina americana

Ritratto di SAGITT33

SAGITT33

Sab, 08/10/2016 - 17:36

Ci vorrebbe un tribunale che facesse indagini su chi ha sobillato e foraggiato i ribelli contro Assad causando 500 mila morti. Abbiamo dimenticato Saddam Hussen?

Cheyenne

Sab, 08/10/2016 - 18:01

la melandri dopo aver fallito da deputato, ministro e tutto continua a rompere i cxxxi

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 09/10/2016 - 08:28

GRANDE ASSAD STERMINA TUTTI QUEI BABBUINI ISLAMICI E SE ROMPONO LE PALLE ANCHE I LORO ALLEATI YANKEE