Bagnoli, denucia molestie dei migranti. E la coop lascia a casa l'operatrice

Nel centro di accoglienza di Bagnoli (Padova) alcune dipendenti della coop che lo gestisce avevano denunciato molestie. Una di loro è stata denunciata

Nei giorni scorsi avevano denunciato le molestie dei migranti ospitati nel centro di accoglienza di Bagnoli, a Padova. Ed ora una di loro è stata lasciata a casa dalla coop. Come se portare alla luce le violenze degli immigrati sia un peccato o un reato.

Le violenze dei migranti

La struttura ospita più di 800 richiedenti asilo, migranti che avrebbero rivolto nel tempo particolari "attenzioni" nei confronti delle operatrici del centro. Tutto è iniziato con insulti e frasi allusive, poi si è passati ai gesti osceni e infine i più facinorosi si sono anche resi protagonisti di vere e proprie aggressioni. Le denunce delle operatrici, sostenute dal sindaco di Bagnoli, Roberto Milan, e dai sindacati, non sono state gradite dalla cooperativa che lavora nell'hub. Così ieri la coop ha provveduto a licenziare una delle donne vittima delle molestie. "È stata accompagnata con la forza al portone, ritenendo che fosse finita la sua attività lavorativa e che quindi a tempo indeterminato dovesse rimanere a casa", attacca Elena Capone, sindacalista di Labor che sta sostenendo alcune delle operatrici del centro profughi. Come spiega la sindacalista ai microfoni di Antennatre, la donna era stata sospesa con un periodo di "ferie forzate", ma lei - convinta di essere nel giusto - si era presentata lo stesso al lavoro come tutti i giorni. Ma quando ha fatto ingresso nell'hub, è stata accompagnata alla porta. "A seguito di queste denunce - spiega Capone - è stata tenuta a casa".

Insomma, lei che insieme ad altre colleghe aveva avuto il coraggio di portare alla luce le violenze ricevute dai migranti è stata "punita". "La prossima settimana - dice Capone - chiederemo la solidarietà della cittadinanza per protestare".

Commenti

vince50

Sab, 18/03/2017 - 15:58

Inutile protestare i migranti non si toccano,sono pane per i loro denti.

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Sab, 18/03/2017 - 16:04

Le parole d'ordine sono tacere, sotterrare, negare.

Ritratto di FanteDiPicche

FanteDiPicche

Sab, 18/03/2017 - 16:40

L'operatrice non ha saputo apprezzare le risorse offertele. Ingrata!

Tarantasio.1111

Sab, 18/03/2017 - 16:51

Mi sembra giusto che sia stata cacciata, tra l'altro è pure un'italiana...

Ritratto di frank60

frank60

Sab, 18/03/2017 - 17:08

Chi fa l'operatrice di risorse deve essere disponibile in tutto...

Ritratto di Tutankhamon

Tutankhamon

Sab, 18/03/2017 - 17:13

Da "ilgazzettino.it" di oggi: “PADOVA, FA JOGGING E UNO STRANIERO LA AGGREDISCE VICINO AL CAMPO PROFUGHI - Bagnoli. In un territorio in cui le tensioni per la presenza di oltre 800 profughi nella ex base missilistica aumentano ogni giorno, ieri si è registrato un episodio di violenza preoccupante. Una donna di 40 anni è stata aggredita da un extracomunitario in via Mameli verso le 20.30 vicino alla base di S. Siro. L'uomo, arrivato in bicicletta, avrebbe tentato di trascinarla in un campo. Ma la donna sarebbe riuscita a liberarsi e a scappare, aiutata poi da un'automobilista di passaggio. L'uomo l'ha aggredita colpendola violentemente più volte al viso con alcuni schiaffi. Lei ha cercato di divincolarsi ma l'uomo ha continuato a infierire. Ad un certo punto però con un guizzo è riuscita a sfuggirgli e a correre in mezzo alla strada. In quel momento per sua fortuna passava un' automobilista che l'ha soccorsa mentre l'altro si allontanava.".

Fjr

Sab, 18/03/2017 - 17:16

Le femministe italiane tutte pronte a proteggersi dal maschio africano,bella solidarietà e che belle le Coop,comunque niente di nuovo al sole ,quando sento la pubblicità ,la coop sei tu ,se non fosse che i televisori costano ,ne fionderei dalla finestra almeno uno al giorno.

Una-mattina-mi-...

Sab, 18/03/2017 - 17:36

MI ASPETTO UN COMMISSARIAMENTO DELLA OMERTOSA ORGANIZZAZIONE, CON CONSEGUENTE DENUNCIA DEI RESPONSABILI PER CORREITA'

Jimisong007

Sab, 18/03/2017 - 17:40

Tutto sotto il tappeto

sparviero51

Sab, 18/03/2017 - 17:44

NON CREDO CHE QUALCUNO DI DESTRA VADA A LAVORARE IN QUESTE STRUTTURE .QUINDI .........!!!

giovanni PERINCIOLO

Sab, 18/03/2017 - 17:57

I "migranti" e le "risorse" non si toccano, sono sacre e ancor più sante oltre che irrinunciabili sono le laute prebende che intascano le coop.....

Ritratto di libere

libere

Sab, 18/03/2017 - 18:06

@ezekiel: "sopire, troncare, padre molto reverendo, troncare, sopire" (Mazzoni, I promessi sposi, cap. XIX)

Massimo Bocci

Sab, 18/03/2017 - 18:12

Non l'ha capito questa OPERATRICE, i cosiddetti CLANDESTINI!!! migranti e son con quelli che le coop fanno i piccioli,poi c'è già nel titolo del suo contratto di lavoro lei è un OPERATRICE (Italiota,tutto fare??) quindi quando il padrone che porta i picciolo CLANDESTINO,ha delle voglie extra, s l'operatrice COOP, non gli immane che farsi OPERARE, operare,manipolare,inchiappettare,tutto a chi fornisce i pretesto per questa IMMANE!!! TRUFFA, DISTRUTTIVA ANTI ITALIA e ITALIANI!!!

Fossil

Sab, 18/03/2017 - 18:44

Care operatrici abbiate il coraggio di denunciare...cellulare pronto per registrare se vi sentite in pericolo e causa dal giudice del lavoro per il trattamento ricevuto. Siete in nero? Motivo in più per denunciare le cooperative. Ovviamente le femministe pidiote stanno zitte...

Ritratto di cape code

cape code

Sab, 18/03/2017 - 18:45

E il nostro "Swag" Elpirl che prima preferiva l'asta,non commenta come al solito...cosi' come Ricchio.lino e zecchume vario...su su, non fate i timidi zecche...vogliamo che vi facciate prendere per i fondelli come fate giornalmente anche su questi articoli.

Tuvok

Sab, 18/03/2017 - 18:45

Ma perchè cosa si aspettava? Ha avuto quello che si meritava, d’altronde non faceva altro che cooperare col business dell’immigrazione. Se non trovava lavoro poteva sempre andare a fare la badante, c’è tantissima richiesta, ma ovviamente occuparsi dei migranti “fa più chic”.

cgf

Sab, 18/03/2017 - 18:47

mi ricorda quella cameriera [anche lei veneta] che si lamentava che le dessero il sale per... far bere i clienti.

PDIsla§

Sab, 18/03/2017 - 19:17

sparviero51 NON CREDO CHE QUALCUNO DI DESTRA VADA A LAVORARE IN QUESTE STRUTTURE? E ...QUINDI .........!!!CHE CAZ C'AZZEZZA!!! CI PORTI LA SUA LUXURIA PD.Ciao bello ciao ..si è svegliato?

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Tuvok

Sab, 18/03/2017 - 19:47

@Fossil ma quale coraggio di denunciare, bisogna RIFIUTARE di lavorare per queste organizzazioni, se tutti RIFIUTASSERO di lavorare per loro questi FALLIREBBERO e anche il BUSINESS verrebbe seriamente compromesso. Invece c’è tanta gente che si vende per TRENTA DENARI e collabora alla distruzione sistematica della nostra società.

uberalles

Sab, 18/03/2017 - 20:34

Femministe in corteo, bandiere arcobaleno, megafoni con "donne"(?) che urlano slogan antimaschilisti....Niente, in questo caso?

killkoms

Sab, 18/03/2017 - 23:52

tollerano i fointi migranti per i 35 € cadauno!

st.it

Dom, 19/03/2017 - 08:21

@cgf complimenti per la vivacità della sua mente sinistra.