La barba da hipster? È un covo di batteri

Circa 20mila batteri vivono nella barba. Ma sulla pericolosità per la salute gli esperti sono divisi

Nella barba stile hipster, curata nel dettaglio oppure lasciata incolta, come vogliono gli ultimi trend della moda, si annidano migliaia di batteri. A denunciarlo è stato uno studio pubblicato sulla rivista Anaestesia e riportato dal Daily Mail.

Lo studio portato avanti da Anthony Hilton, a capo del dipartimento di biologia dell’Aston University, ha esaminato le mascherine chirurgiche, per capire se catturassero batteri caduti dalle facce dei chirurghi e se questi batteri fossero di più nel caso in cui il medico avesse la barba. "Dai risultati - spiega Hilton - è emerso che gli uomini con la barba ospitano sul viso un numero significativo di batteri, molti più degli uomini senza barba e delle donne, circa 20mila".

Sulla pericolosità di questi batteri per la salute, però, gli esperti sono divisi. Se da una parte, infatti, la specialista in tricologia Carol Walker lancia l’allarme sottolineando come avere la barba possa portare a infezioni della pelle più frequenti e alla possibilità di trasferire ad altri i germi e batteri che vi si annidano e che rimangono intrappolati, come ad esempio lo stafilococco quando si ha il raffreddore, c’è anche chi come Hugh Pennington, professore emerito di batteriologia all’Universita di Aberdeen, "difende" la barba non riscontrando rischi particolari per la salute. "La barba crescendo tende ad arricciarsi e ad ammorbidirsi e a fare pieghe che intrappolano lo sporco", spiega la Walker evidenziando come "alcune persone hanno avuto infezioni della pelle causate da incrostazioni o eritemi provocati dai batteri nella loro barba". Se si ha il raffreddore, poi, il liquido che cola dal naso può rimanere intrappolato nella barba e i batteri essere facilmente passati agli altri aggiunge l’esperta. Secondo il professor Pennington, invece, "quelli della barba sono gli stessi batteri della pelle e non sono problematici o un rischio per la salute".

Commenti

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Ulisse Di Bartolomei

Ulisse Di Bartolomei

Lun, 16/03/2015 - 00:03

Tagliarsi la barba o meno è una questione nata con l'esigenza di differenziarsi. Gli ebrei per distinguersi dai gentili e i romani per distinguersi da tutti gli altri anche se non sono certo che fossero primigeni nella cosa. A prescindere ciò la barba è un problema igienico senza dubbio, poiché raccoglie continuamente piccole gocce di saliva dove i batteri aderiscono. I barbuti dovrebbero cautelarsi lavandosela spesso con lo shampoo ma non lo fanno. L'odore che si sente in loro presenza è significativo. Radersi inoltre è un massaggio per la pelle e al mattino è prezioso per quel sentore di reinizio, che aiuta nelle angustie della vita. Nell'antica Roma rasarsi significava anche essere puliti...

linoalo1

Lun, 16/03/2015 - 09:52

Ma anche le nostre mani e non solo,sono piene di batteri!In poche parole,tutti noi siamo,certo inconsapevolmente,pieni di batteri!Anche se facessimo una doccia al minuto!Se volete spaventarvi,provate a guardare la vostra pelle al microscopio!Dopo,verrebbe quasi da pensare che anche noi del Regno Animale,siamo solo dei parassiti di un corpo di una grandezza inimmaginabile!Comunque sia,questi batteri che ci popolano,ci servono per creare anticorpi!Quindi,lasciamo che i bambini si sporchino ed evitiamo di usare quei prodotti reclamizzati per uccidere i batteri!Sarebbe una battaglia persa in partenza e renderemmo i nostri bambini più sensibili alle malattie comuni!Lino.

sordo

Lun, 16/03/2015 - 14:19

Che notizia!!!Si è scoperto che se non ci si lava si è sporchi.Domani questi studiosi scopriranno che il buco del cxxo , avendo peli , è pieno di batteri.