Scandalo della carne equina E se i cavalli diventassero animali da compagnia?

Le tracce di carne equina in molti prodotti a base di manzo in tutta Europa. La proposta della Brambilla: stop alla macellazione degli equidi

Contro lo scandalo della carne equina in prodotti a base di manzo che sta dilagando in tutta Europa, arriva una proposta forte da Michela Vittoria Brambilla. La neo deputata nel corso della conferenza stampa all'Hotel Principe di Savoia (Milano) ha presentato la proposta di legge sullo stop alla carne di cavallo che a breve porterà alle Camere.

"Riconoscere cavallo, asino, mulo e bardotto come animali da compagnia, vietarne la macellazione, l’importazione e l’esportazione a fini alimentari, vietare la vendita e il consumo della carne equina, vietare l’utilizzazione degli equidi in spettacoli o manifestazioni pericolose o degradanti, assicurare la tracciabilità dei cavalli attraverso interventi sull’anagrafe equina". È questo il contenuto della proposta di legge che la deputata Pdl, in rappresentanza della Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente, depositerà a sua firma all’insediamento del Parlamento e che ha illustrato oggi a Milano insieme ad Antonio Nardi-Dei, presidente di Italian Horse Protection, prendendo spunto dallo scandalo delle "lasagne e polpettine al cavallo" che sta interessndo numerosi Paesi europei.

In attesa di una soluzione definitiva al problema, la Federazione ha chiesto ai ministri della Salute e delle Politiche agricole di sospendere in misura cautelarele importazioni di cavalli vivi e di carne di cavallo, per lo meno dai Paesi che non danno sufficienti garanzie per la salute dei consumatori.

Ad oggi, infatti, non solo non vi è l'obbligo di indicare la provenienza della carne di cavallo commercializzata nel nostro Paese (come ad esempio è invece d'obbligo per la carne bovina, interamente tracciata), ma vi è il fondato sospetto che sia all'estero sia in Italia, data la confusione regnante in materia, finiscano nella catena alimentare animali trattati con sostanze pericolose per la salute umana.

“Nei confronti del cavallo, l’uomo mostra spesso il peggio di sé, tradendo il suo patto plurimillenario con un vero amico – sostiene l’onorevole - Da sempre accanto al lui, per offrirgli la collaborazione in battaglia, nei lavori agricoli, come mezzo di trasporto e come amico fedele, questo meraviglioso animale continua ad essere sfruttato in mille modi: nei circhi, sulle piste delle ippodromi ufficiali, magari obbligato a rigide ed innaturali discipline agonistiche; nelle corse clandestine; sui sampietrini romani (e non solo) a trascinare carrozzelle sotto la pioggia o con il caldo torrido; lanciato a folle velocità sui tracciati medievali dei palii. Nella maggior parte dei casi, con il macello come ultima stazione, magari dopo avere affrontato interminabili viaggi dall’est in condizioni degradanti. Da noi, è una specie animale sfruttata - letteralmente – fino all’osso: mentre nel mondo anglosassone mangiare il cavallo è quasi inconcepibile – in alcuni Stati americani è addirittura illegale, l’Italia vanta invece il triste primato di maggiore consumatore di carne equina di tutta l’Europa”.

La tesi è chiara: è necessario cambiare l’inquadramento normativo attuale, che identifica il cavallo come “animale da reddito”, estendendo a questo animale tutte le tutele necessarie. La proposta di legge dell’ex ministro del turismo, oltre a riconoscere il cavallo come animale d’affezione (con tutto quello che comporta in termini di divieto di maltrattamento, di sfruttamento, di macellazione e di importazione ed esportazione di cavalli a fini alimentari), fissa criteri per la custodia e la cura degli equini, spesso detenuti in condizioni non adeguate. Istituisce un registro anagrafico degli equini presso le Asl che dia garanzia di tracciabilità e riconducibilità all’effettivo proprietario. Regola le modalità di addestramento. Abolisce le aste di equini di proprietà delle Forze armate e di altri enti pubblici, che potranno essere affidati ad associazioni. Per gli equini anziani o malati prevede convenzioni con strutture private o veri e propri “pensionati”. Introduce inoltre pesanti sanzioni per chi viola la legge.

Il boom dello scandalo carne di cavallo si sta allargando sempre più: Michela Brambilla inizia la sua nuova battaglia.

Commenti

cgf

Lun, 04/03/2013 - 16:44

la Brambilla si faccia i cavolacci suoi, anzi dovrebbe mangiarne di cavallo e non si sa mai che non riprenda colore, cadaverica come è!

Dario40

Lun, 04/03/2013 - 17:11

non bastavano le perite di voti al Pdl che la Brambilla ha causato con la sua campagna anticaccia, adesso vuole proteggere anche i cavalli ! Pensi piuttosto a proteggere i lavoratori e i pensionati italiani. Non si rende conto che le sue assurde politiche animaliste hanno fatto perdere migliaia di posti di lavoro ? Si deve solo vergognare !

Baloo

Lun, 04/03/2013 - 17:12

Adorabile la Brambilla.Comunque la carne di cavallo è pregiata e credo possa essere tranquillamente dichiarata sulle confezioni.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 04/03/2013 - 17:23

Poi stop ai bovini, ai conigli, alle galline, ai tacchini, agli ovini, ai pesci tutti. Mangeremo mer.da. Piu' la vedo piu' non a teggo, piu' non votero' mai un partito dove c'e' questa. Stasera mi faccio una bella bistecca di cavallo ai ferri e domenica stufato d'asino alla faccia sua.

Ritratto di Situation

Situation

Lun, 04/03/2013 - 17:27

MA QUESTA É DEFICENTE TOTALE

Ritratto di tinycricket

tinycricket

Lun, 04/03/2013 - 17:32

Ma che ci spiega nel PDL? Vada insieme ai verdi e si levi dalle pa@@e!!! Va a finire a forza di diritti agli animali, anche agli scarafaggi verrà dato lo status di animali da compagnia. Qui se continua così si correrà il rischio di essere processati per omicidio colposo se qualche moscerino si spiaccica sui fanali delle nostre auto! O di omicidio volontario se si spruzza l'insetticida! Baaastaaa, ma non ci sono altri problemi in italia?

guglielmobellom...

Lun, 04/03/2013 - 17:37

mi pare giusto il cavallo e gli asini vengano dichiarati animali di compagnia .

kcastellano

Lun, 04/03/2013 - 17:45

Se il governo (se mai ne avremo uno) non fara' qualcosa per l'ippica vedrete quanti cavalli andranno al macello e poi di sfroso nei nostri piatti.

epc

Lun, 04/03/2013 - 17:55

Ma perchè gli ambientalisti devono sempre cadere in 'ste scemate? Dico: l'ecologia, che sarebbe di per sè, se ben portato avanti, un argomento tipicamente di DESTRA, assume, in Italia, sempre i toni di crociata contro i mulini a vento. Capisco gli ecologisti di sinistra, che come noto sono come le angurie (fuori sono verdi ma dentro sono rosse....) ma perchè anche la Brambilla, perchè?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 04/03/2013 - 17:56

Brambilla fatti furba stai rompendo colle tue cazz....e.Se non ti fa felice cambia uomo e magari sarai più serena e tranquilla.

paluello

Lun, 04/03/2013 - 17:57

VIVA LA BRAMBILLA. BEN FATTO. SEI L'ANIMA VERDE CHE VORREI FOTTE DI TUTTO IL PDL. VAI COSI' . DESIDERIAMO IL REFERENDUM CONTRO LA CACCIA PERCHE' FINISCA ANCHE QUESTA USANZA BARBARA. ADRIANO

libertyfighter2

Lun, 04/03/2013 - 17:59

Sto cacchio. A me la carne di cavallo piace. E sinceramente, avrei voluto poter assaggiare pure quella di cane e gatto, invece di essermeli dovuti sposare a norma di legge che adesso è più facile uccidere un cristiano che abbattere un cane. TOGLIETE AI POLITICI, sia la grappa, sia la possibilità di vietare il caxxo che viene loro in mente

epc

Lun, 04/03/2013 - 17:59

Forse qualcuno dovrebbe spiegare alla signora Brambilla che i cavalli, anche quando offrivano "collaborazione in battaglia, nei lavori agricoli, come mezzo di trasporto e come amico fedele", poi finivano regolarmente in pentola! Mi spiace per lei, ma è sempre stato così, e lo stesso valeva per i buoi: prima tiravano l'aratro, ma prima o poi finivano in brasato.

citano39

Lun, 04/03/2013 - 18:06

Il cavallo è un bellissimo animale, forte, resistente e veloce. Propongo di mettere tutti i vigili a cavallo almeno dentro le città.

'gnurante

Lun, 04/03/2013 - 18:14

la brambilla vuole mettersi sotto protezione o che?

Ritratto di gattomannaro

gattomannaro

Lun, 04/03/2013 - 18:17

Giustissimo: già oggi i somari possono farsi eleggere.....

Ritratto di semovente

semovente

Lun, 04/03/2013 - 18:27

Al cavallo si deve un rispetto senza pari considerato quanto ha fatto per l'uomo in qualsivoglia circostanza.

ghibli10

Lun, 04/03/2013 - 18:28

ma Berlusconi non ha ancora capito che mettere la Brambilla come capolista fa perdere voti vuole chiudere la caccia e quindi lasciare 100000 persone senza lavoro e perdere un giro di affari annuo di oltre 8 miliardi di euro speriamo che per le prossime votazioni si possa votare il candidato e non la lista perchè se no Berlusconi prenderà un'altra scoppola se la ricandida e poi lei vuole che gli animali abbiano più diritti degli umani come in quell'incidente in toscana dove una ragazza ha perso unbraccio per chè si è scontrata con un cervo. grazie agli animalisti il cervo è stato portato alla clinica veterinaria per essere curato a spese della collettività , la ragazza non avrà nenche un rimborso perchè doveva tenere una guida più prudente per non investire gli animali in transito ma queste sono le leggi volute dagli animalisti

Ritratto di woman

woman

Lun, 04/03/2013 - 18:30

Basta con questo razzismo animalesco:perchè si protegge un cavallo e non un vitello o una gallina o un pesce? Non sono tutte creature di Dio? In America molti tengono un maialino come animale da compagnia ... quidi, per coerenza, bisognerebbe abolire TUTTA la carne dalla nostra alimentazione. Tranne il fatto che il buon Dio lascia che i leoni mangino le gazzelle ...

vince50

Lun, 04/03/2013 - 18:43

Mi astengo dal commentare come vorrei riguardo questa signora,per ovvi motivi e altro ancora.Solo una cosa,in gran parte è la responsabile della non raggiunta maggioranza del PDL.

venessia

Lun, 04/03/2013 - 19:07

penso che la sig.ra Brambilla se ne guardi bene dal mettere il piede in un macello.Piuttosto sappia che la carne equina sta diventando cara e faccia giusta politica su prezzi contenuti e non giochi con sentimenti che appartengono ad una cultura europeista che non ci identifica. Meglio la carne equina del vitello e la invito ad informarsi da nutrizionisti e gente del settore.

mariano1963

Lun, 04/03/2013 - 19:43

Signora brambilla visto che lei e' titolare di 2 aziende ittiche e uccide milioni di pesci "merluzzo norvegese" perche' non li dichiara di compagnia anche loro?

billyjane

Lun, 04/03/2013 - 19:44

Brava, brava Brambilla. Avrai il sostegno di gente di cuore, mio compreso.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 04/03/2013 - 19:49

Credo si stia cadendo in un altro eccesso. Con la scusa di proteggere gli animali, non ci si sta curando più di proteggere l'uomo. Dai cani randagi e non randagi, per esempio. Mute di cani circolano, purtroppo, liberamente di giorno e di notte nei paesi e fanno paura, soprattutto la notte. Ma anche dai cani, tenuti in braccio e baciati amorevolmente dai padroncini e dalle padroncine, che li portano a spasso senza catena e senza museruola e fanno fare la cacca ovunque, quasi impedendo agli altri di transitare. Alcuni di questi cani, tenuti pure nei negozi, ringhiano e fanno paura. E magari il cliente cambia idea e non entra.

Doktorfaust

Lun, 04/03/2013 - 20:03

Sono allibito dai commenti che leggo. Anche la carne umana è commestibile perché allora invece della pensione non c´è la macelleria? Sai che risparmio per lo stato e quanti posti di lavoro salvati....ma andate tutti a f.....la bestia umana non si smentisce mai...

luigi civelli

Lun, 04/03/2013 - 20:29

Una bistecca di cavallo no,una costata di manzo si:dov'è la coerenza? MVB dovrebbe dichiararsi seguace del movimento vegano e sostenerne le idee,rispettabili anche se non necessariamente condivisibili.

Ritratto di marcello.sanna

marcello.sanna

Lun, 04/03/2013 - 20:44

Doopo il fallimento politico si è reinventata animalista talebana. Una persona totalmente ignorante in materie scientifiche che procura anche gravi danni in settori avanzati della ricerca. Per non parlare dei danni economici derivati dal fuggi-fuggi generale di aziende farmaceutiche che avevano ancora un minimo di fiducia nell'Italia. Puh !

Massìno

Lun, 04/03/2013 - 20:55

Giusto non mangiamo più carne di cavallo che la Brambilla piange. Magari mangiamo pesce, meglio se prodotto dagli allevamenti ittici della Brambilla

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 04/03/2013 - 21:01

Ormai siamo ridotti che una di queste va in clinica, abortisce, impedisce ad un essere umano di esistere, e non fa una piega, pero',caxxo, guai a mangiarsi un cavallo o pestare la coda a un gatto.

Ritratto di rebecca

rebecca

Lun, 04/03/2013 - 21:11

Sono d'accordo con la proposta della sig.ra Brambilla, sempre attenta al benessere degli animali. La battaglia per la chiusura di GH insegna. Brava Michela!!!

gamma

Lun, 04/03/2013 - 21:20

Io sono d'accordo con la Brambilla. La carne di cavallo è piena di schifezze chimiche perchè non ci sono controlli sulla carne equina. Inoltre proviene quasi tutta dai paesi dell'Europa orientale senza alcun controllo. Nei paesi dell'Europa occidentale è praticamente sconosciuta. Addirittura in certi paesi del nordeuropa se qualcuno chiedesse della carne di cavallo lo guarderebbero inorriditi come se fosse un barbaro. Infine ho avuto la prova tempo fa di ciò che sostiene la Brambilla. Un mio amico che viveva in campagna aveva comprato un puledrino. Quet'animale sembrava un cagnolino: quando lo vedeva arrivare con la macchina gli correva incontro, infilava il muso attraverso il finestrino e lo strofinava sul collo del mio amico, poi lo invitava a giocare con lui saltellando e spingendolo alle spalle. Quando questo mio amico gli portava del fieno a volte sembrava che scherzasse perchè addentava il fieno e d'improvviso glielo buttava in faccia. Fu molto commovente una volta che il mio amico dovette stare a letto per diversi giorni perchè ammalato. Il puledro si piazzò davanti alla finestra della sua camera da letto e lo guardava facendo dei piccoli nitriti e non volle accettare il cibo finchè non stette bene e non fu lui a darglielo. Se non è questo un animale da compagnia ...

Ritratto di Svevus

Svevus

Lun, 04/03/2013 - 21:47

Consiglio alla on. Brambilla di venire in Sala Operatoria nei grandi ospedali e vedere come giornalmente si procurano gli organi per i trapianti. Potrà constatare come si macellano gli esseri umani che a Lei non sembrano interessare occupata com' è con cavalli, muli, bardotti ed asini.

Corsicana77

Lun, 04/03/2013 - 21:55

Sono orgoglioso di condividere le idee di questa splendida donna (certo non mi riferisco solamente al lato estetico), e mi faccio quattro risate sull' immondizia che esce dalla bocca di sinistri, cacciatori e altra roba nei suoi confronti. @situation: Michela Vittoria Brambilla è un' imprenditrice di successo, laureata in filosofia, ex giornalista, ex Ministro che ha saputo mettere faccia e cuore per i suoi ideali. Secondo lei (uso la forma di cortesia unicamente per mantenere le distanze) "questa è deficente totale"? E lei chi si crede di essere, Einstein? Oltre ad non saper formulare correttamente una frase di cinque parole, l' avrà tradotta dal suo dialetto

vince50

Lun, 04/03/2013 - 22:00

L'erba cattiva non muore mai,tranne se trattata con il diserbante adeguato per le erbacce infestanti.

Nadia Vouch

Lun, 04/03/2013 - 22:08

Purtroppo, essendo originaria dell'est dell'italia, so che la carne di cavallo e di asino sono da sempre un piatto prelibato. Per me, è come mangiarsi un cane o un gatto. ma mi rendo conto, tra le persone che ho attorno nel quotidiano, specialmente dove c'è ancora una mentalità rurale, non è così. Siamo impotenti difronte alla gola di chi ama saziarsi di alcune, definite, "prelibatezze".

Nadia Vouch

Lun, 04/03/2013 - 22:15

Aggiungo al mio precedente commento che, a nemmeno dieci chilometri dall'Italia, in territorio sloveno, ci sono ristoranti che servono ai clienti, evidentemente annoiati dalle solite carni, cibi a base di coccodrillo, canguro, orso, e altre carni così. Come dire che, in Italia, siamo ancora "romantici" a difendere solo i cavalli e gli asini e tutte queste sfortunate creature.

Doktorfaust

Mar, 05/03/2013 - 00:49

Belve umane!

cicikov

Mar, 05/03/2013 - 03:59

la crudeltà sta pure nel cavalcarli, propongo che si possano solo rincorrere.

guidode.zolt

Mar, 05/03/2013 - 07:14

A Verona c'è qualche macelleria che tratta soltanto carne di cavallo e, qualche volta ci prendevo un arrosto...un po' dolciastra come carne, ma non mi sembra di aver notato un prezzo differente da quella bovina...l'unica accortezza era di non dir nulla a mia figlia che, frequentando i maneggi, si sarebbe categoricamente rifiutata di mangiarla.

precisino54

Mar, 05/03/2013 - 07:57

Che la Vittoria Brambilla sia un’animalista convinta lo abbiamo capito chiaramente e da tempo; ma questa ultima battaglia mi sembra proprio tirata per i capelli. Non sono un amante della carne equina, anche se da catanese sembra quasi un controsenso. Il problema principe sta tutto nella tracciabilità degli animali, allo stato praticamente impossibile, vista la provenienza degli stessi spesso da percorsi equivoci, per non dire delle macellazioni in mano a ben individuati soggetti. Anni fa in una trasmissione di P Angela si disse che: in Italia sono pochi i distretti in cui culturalmente se ne consuma maggiormente, uno è il modenese mi par di ricordare; orbene da quelle parti è stranamente frequente una patologia collegata a questo consumo. Poiché a naso non è possibile addebitare questo problema alla macellazione, certamente fatta secondo i corretti canoni, immagino il problema stia tutto dalla provenienza delle bestie, spesso i paesi balcanici dove i controlli lasciano a desiderare. Ecco il punto della questione, lo scandalo non è ovviamente nella tipologia della carne, ma evidentemente nell’aver utilizzato un prodotto meno controllato per cui meno caro, non già meno pregiato: la truffa sta ovviamente nella differenza tra quanto indicato e quanto effettivamente contenuto. Pensare di assimilare il cavallo, o altro quadrupede della famiglia, ad animale di compagnia mi sembra proprio una forzatura, con questa logica diventeremo per obbligo di legge vegetariani. Da tempo evito di consumare carne di coniglio, avendone avuto uno come animale da compagnia, ma “ciccio” scorrazzava quasi liberamente per casa, non per questo impongo agli amici e parenti di farne uso!

Ritratto di scriba

scriba

Mar, 05/03/2013 - 08:02

VIVA LA BRAMBILLA. Ha perfettamente ragione il cavallo può essere un animale da compagnia, lo so per certo in quanto io ne ho cinque, tutte femmine e sono buone e affettuose come qualsiasi altro animale, basta trattarle come si deve e ti vengono dietro come un cane. Non le cavalco, non le faccio lavorare e vivono libere giorno e notte con i box aperti a disposizione. Mi rifiuto di mangiare tale carne come qualsiasi altra, sono vegetariano. Chiudiamo la cacia che nel 2000 è una cosa barbara la gente va ad uccidere per divertirsi e non per necessità come era un tempo. Forza Brambilla riesci in questa impresa.

Ritratto di venividi

venividi

Mar, 05/03/2013 - 08:26

Certo la carne di cavallo è buona, ma non è una buona ragione per mangiarla. A questo punto, esagerando, anche la carne umana lo è. Questa legge sarà un passo verso la civiltà : in realtà non abbiamo più bisogno di mangiare carne, esistono altre sostanze che la possono sostituire. Non vado fino a predicare il vegetarianismo, ma penso che certi animali dovrebbero essere rispettati. E' il mio pensiero, non insultatemi. Fra l'altro potrei anche rispondere tono su ntono, ma oggi non ho tempo.

eureka

Mar, 05/03/2013 - 08:34

Adesso stiamo esagerando, la Brambilla può fare la vegetariana con le scarpe di pelle di mucca o capretto ma il cavallo insieme al manzo e al montone sono carni commestibili. Lei si potrà permettere nella sua tenuta di tenere pure i cavalli ma non può obbligarci a non mangiarne le carni.

Raoul Pontalti

Mar, 05/03/2013 - 09:37

La solita Brambilla che trasforma in emme tutto ciò che tocca. La questione della tracciabilità della carne equina è materia comunitaria e ora lo scandalo nato in Gran bretagna e sparsosi a macchia d'olio sul continente forse servirà a smuovere i renitenti che tutelano le lobbies dei produttori dell'agroalimentare d'oltralpe (gli italiani sono invece da tempo sostenitori della tracciabilità completa delle carni di tutte le specie e dell'etichettatura completa di tutti i prodotti contenenti carne). La materia tracciabilità quindi nel disegno di legge non può trovare sede. L'unica cosa azzeccata è il trasferimento dell'anagrafe equina dalla competenza del ministero delle politiche agricole a quello della salute come per tutte le altre specie animali per cui è costituita un'anagrafe. Ritenere di poter evitare le truffe della carne equina mediante l'espunzione dalle specie macellabili degli equini è una pia illusione: tra l'altro molti prodotti carnei vengono importati dall'estero ed il loro blocco avviene (o non avviene di fatto) sulla base di norme già esistenti che devono essere invece fatte applicare. Ritenere che gli animali da macello siano in quanto tali maltrattabili per il solo fatto di avere quella destinazione è una scemenza: in realtà oltre ad essere vietato il loro maltrattamento come per tutti gli animali proprio questi sono trattati meglio per far superare loro indenni i controlli ispettivi dei veterinari al macello. La Brambilla ovviamente non ha alcuna idea della differenza tra abbattimento e macellazione di un animale e non sa nemmeno che gli animali che non si macellano vengono comunque abbattuti anche per ragioni umanitarie, rari essendo i mammiferi domestici che giungono a morte spontanea al termine del loro ciclo vitale. Il perché poi secondo la Brambilla ci si possa cibare di pesci e carni bovine o suine o di pollo mentre di equino no rimane un mistero.

angelomaria

Mar, 05/03/2013 - 19:02

continuano a menanarcela quando in italia si mangia carne di cavallo da sempre e salumi d'asino che ds me mangiati non hanno niente da invidiare a quelli di porco dov'e'tutto sto'scandalo!?

angelomaria

Mar, 05/03/2013 - 19:06

poi non gli bastano i danno causati dalla precedente campagna sui cani quanti fini ti in mezzo ad una strada ora i cavalli domano le galline poi le uova no la grnte come lei che sfrutta occassioni ma continua a fare acuisti a dubai!?

billyjane

Mar, 05/03/2013 - 20:53

per guidode zolt. se Lei fosse mio padre, la porterei io al macello.

lucipo

Mar, 05/03/2013 - 22:06

B R A V A italiani mi vergogno profondamente per la vostra ignoranza nei confronti del rispetto degli animali tutti quanti cavallo compreso dovreste imparare a capire cosa vuole dire amare e rispettare la natura perché fra un po si continua cosi sara la natura stessa a farvela pagare e sarebbe anche ora di smetterla. vergognatevi italiani ignoranti

lucipo

Mar, 05/03/2013 - 22:11

vi siete mai chiesti perche ci sono macellerie separate per le carni di manzo e per quelle di cavallo?? beh provate a mettere due bistecche di entrambi insieme in frigo e vedrete cosa succede alla carne di manzo! la stessa cosa succede alla vostra di carne altro che far sangue e ferro !! informatevi prima di parlare e fatevi una bella insalata che é piu salutare

lucipo

Mar, 05/03/2013 - 22:17

ma con tutte le cose buone che la natura ci offre dalla terra ma proprio il cavallo vi dovete mangiare ??? smettetela di non avere rispetto per gli animali

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 06/03/2013 - 11:52

Forse è anche ad individui come questa invasata a senso unico che si deve la disaffezione dell'elettorato nei confronti del PDL. Quando vi deciderete a metterla nel ripostiglio delle scope?