Biotestamento, i luterani: "L'Italia ha compiuto un grande passo di civiltà"

I luterani italiani esprimono soddisfazione per l'approvazione della legge sul biotestamento. E sulle polemiche dei parlamentari cattolici: "Il confronto è sfociato in contrasti ideologici, talvolta anche esasperati"

"Il risultato raggiunto, dopo tanti mesi di incertezze e confronti anche aspri in Assemblea, colma un vuoto normativo che, per anni, ha determinato effetti pesanti e drammatici su troppe famiglie italiane”. A parlare è Heiner Bludau, decano della Chiesa Evangelica Luterana in Italia che dopo il via libera definitivo al Senato, esprime “soddisfazione” per la nuova legge sul “fine vita".

Già nel marzo scorso, quando il ddl sulle Disposizioni anticipate di trattamento (DAT) era approdato all’esame della Camera, i luterani avevano fatto appello ai parlamentari italiani chiedendo un’accelerazione dei lavori e l'approvazione della norma entro fine legislatura. “Per noi, nessuno al di fuori di Dio può o deve disporre il momento della morte propria o altrui – ha chiarito il decano - ecco perché abbiamo sempre rifiutato qualsiasi ipotesi di aiuto attivo a morire, quale l'eutanasia attiva o l'assistenza al suicidio". Ma la nuova legge, per i luterani "riconosce un principio fondamentale: quando la morte è inevitabile, è preferibile dare la priorità a una fine dignitosa rispetto a un artificiale prolungamento della vita”. “Quel vuoto normativo abbandonava alla propria solitudine non solo il morente e i propri familiari, ma anche medici e operatori di cura, proprio nel momento dell'assunzione di decisioni di enorme rilievo – prosegue il pastore protestante - da oggi non è più così".

Il percorso che ha portato all'approvazione senza modifiche del testo della legge sul biotestamento, licenziato alla Camera lo scorso aprile, non è stato semplice. Negli ultimi mesi il dibattito è stato contrassegnato da divisioni e accese polemiche, soprattutto da parte dei parlamentari della Lega e dei centristi, che vedono nella legge votata ieri dall’inedita maggioranza Pd-Cinque Stelle-Ala, un primo passo verso l’eutanasia legale. "Questo governo di finti moderati impone di fatto l'eutanasia e rende i deboli più deboli", ha accusato la capogruppo di Forza Italia al Parlamento Europeo, Elisabetta Gardini. Anche i suoi colleghi di partito italiani, che erano stati lasciati liberi di votare secondo coscienza su un tema così legato alla sensibilità personale, ieri in Senato si sono pronunciati in blocco per il no. “Era inevitabile che la regolamentazione normativa di una materia tanto complessa portasse spesso il confronto d'idee a sfociare in contrasti ideologici, talvolta anche esasperati”, commenta in una nota il decano dei luterani italiani, “ora è importante superare questi contrasti, comprendendo anche chi, oggi, si sente smarrito davanti a un cambiamento così rilevante per ciascun individuo, ogni famiglia, l'intera società".

"Sono convinto che oggi l'Italia abbia compiuto un grande passo di civiltà”, ha concluso Bludau, “la concezione luterana è fondata sulla Bibbia da cui ha origine l'attitudine ad accettare il limite della vita e a integrare il poter-dover lasciar andare”. Durante la discussione in aula alla Camera, la scorsa primavera, la Celi aveva pubblicato anche un “Vademecum per il fine vita da una prospettiva cristiana”, mirato ad offrire un “orientamento sul tema delle direttive anticipate di trattamento da molteplici prospettive: teologica, etica, medica e giuridica”.

Commenti

istituto

Ven, 15/12/2017 - 13:43

Luterani a braccetto con comunisti, sinistra e grillini sulla eutanasia mascherata che dà adesso è legge. Questi sono gli eretici scismatici con cui ci si vuole fondere in una Chiesa cattocomunista interconfessionale. Ma io resto cattolico,secondo il vero Magistero della vera Chiesa Cattolica di 2000 anni . Potete cambiare tutto quello che volete poi ne risponderete a Cristo Giudice. Di sacerdoti ancora non compromessi con la Neo Chiesa 2.0 ce ne sono ancora tanti.

Ritratto di mircea69

mircea69

Ven, 15/12/2017 - 13:43

Pienamente d'accordo con i luterani. Non mi è piaciuto il comportamento (secondo me bigotto) del centro destra.

mifra77

Ven, 15/12/2017 - 14:27

Essere smarriti di fronte ad una legge? non proprio! Questa legge comunque, più che essere approvata e basta, andrebbe normata con norme severe e perennemente monitorato il suo impiego, affinché non ne venga fatto lo stesso uso e consumo di quelle sull'aborto e sul divorzio.

manson

Ven, 15/12/2017 - 15:02

Questa legge non è completa non parla infatti della rianimazione. Il cervello dopo un tot di minuti senza ossigeno comincia a morire e le cellule non si rigenerano. Se io voglio rifiutare a prescindere la rianimazione nemmeno con questa legge posso farlo. L'unica cosa buona è che ha tolto potere di vita e di morte a troppi medici che si sentono dei padreterni senza averne nè le competenze nè le capacità.

istituto

Ven, 15/12/2017 - 15:03

Un omicidio resta sempre un omicidio anche se gli si cambia nome.

istituto

Ven, 15/12/2017 - 15:05

Al centro destra il cervello e la ragione funzionano ancora. Un omicidio resta sempre un omicidio anche se gli si cambia nome.

Ritratto di ateius

ateius

Ven, 15/12/2017 - 15:53

istituto mi scusi lei parli per lei...resti cattolico luterano invochi le sue divinità segua i loro precetti prescrizioni e riti.- ma se permette la Mia VITA e la mia morte.. per quel che mi compete, me la gestisco io e a modo mio, secondo i miei precetti usanze e convinzioni.. nel pieno rispetto delle Sue. e non si permetta assieme ai suoi compari cleriali.. di voler decidere oltre che della vita Sua.. anche della Mia.- molto gentile. grz

killkoms

Ven, 15/12/2017 - 16:09

i seguaci di quel monaco ribelle,che nel libello "gli ebrei e le loro menzogne" ,propugnava la distruzione delle sinagoghe,il rogo dei testi di torah e il lavoro "coatto" per i giovani e le giovani ebrei/è?

Tuthankamon

Ven, 15/12/2017 - 16:14

Va precisato che non tutti i gruppi luterani sono d'accordo. E in ogni caso un altro ottimo motivo per NON aver a che fare con i luterani!

VittorioMar

Ven, 15/12/2017 - 16:47

..MI PIACEREBBE CONOSCERE IL PARERE AUTOREVOLE DEL PAPA VERO : BENEDETTO XVI !!..I CATTOLICI VERI SONO MOLTO DISORIENTATI...UN PO' PROTESTANTI...UN PO' ISLAMICI...SI VA DOVE CONVIENE ???

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Ven, 15/12/2017 - 17:02

BENE!!! e non è di DX o SX! Le parole che seguono sono di VITTORIO FELTRI ...Non c' è verso di convincere i cattolici, in particolare, e in generale i nostri compatrioti, che la vita appartiene a chi ce l' ha e ne può quindi disporre come gli garba, magari togliendosela perché stanco di stare su questa terra benedetta o maledetta, dipende dalle opinioni. Stavolta a farsi secco non è stato un personaggio famoso, bensì un anonimo ingegnere di Como affetto da depressione acuta. Costui non ne poteva più di combattere contro la malattia che lo affliggeva da anni e, al culmine della disperazione - la cui intensità noi non abbiamo facoltà di valutare - ha optato per trasferirsi presso il creatore, ammesso esista un creatore. Dove è lo scandalo? Una persona sarà padrona di gestire la propria esistenza o no? Secondo i bacchettoni siamo creature di Dio..---At----Atena

Nick2

Ven, 15/12/2017 - 17:16

Istituto, tu sei certo dell’esistenza di un dio che, nel giudicarti, premierà la tua intolleranza, il tuo razzismo, il tuo odio nei confronti dei diversi, delle minoranze, degli ultimi? Io non sono credente, ma ti faccio presente che il Cristianesimo esiste perché è esistito Cristo e non può prescindere dalle sue parole, dal suo insegnamento, che sono esattamente l’opposto dei vostri ideali. Voi poveracci, fomentati e manipolati da beceri demagoghi senza scrupoli, per il fatto che difendete stupidi dogmi medievali, vi ritenete “baluardo della cristianità”, ma credete in un dio razzista, lepeniano, quasi hitleriano. Possibile che nessuno di voi mai si sia fermato un attimo a pensare?

Tergestinus.

Ven, 15/12/2017 - 17:26

Ai luterani, come ai valdesi, non importa un fico secco del merito della questione, importa semplicemente dire il contrario di quel che dice la Chiesa cattolica, anche a prezzo di acrobazie dialettiche funamboliche. Fanno pena.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 15/12/2017 - 17:40

Ho la sensazione che, in fondo in fondo, si vogliano limitare spese di mantenimento in vita di queste persone colpite dalla mala sorte. Costa non poco quel genere di trattamento e, per di più, apre la strada all'eutanasia. Convengo per il resto con quanto scritto da Istituto.

istituto

Ven, 15/12/2017 - 19:05

Ateius se ti vuoi gestire la tua vita come meglio crede non c'è bisogno di imporre una legge contro la maggioranza della nazione contraria. Legge che sarà cancellata col prossimo governo. Un omicidio resta sempre un omicidio anche se gli si cambia nome. Punto.

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Sab, 16/12/2017 - 10:17

Biotestamento, anche i medici cattolici di Milano plaudono alla legge…. “La legge, frutto di un onorevole compromesso, rispetta i dettami della Costituzione e la carta dei diritti…. Rispetta l'autonomia decisionale del malato e al contempo l'autonomia professionale e responsabilità del me dico. Valorizza la relazione di cura nel la forte alleanza terapeutica medico -paziente e familiari, attraverso decisio ni partecipate nella pianificazione delle cure. Garantisce la libertà del malato nella sua fragilità per non sentirsi abbandonato, né oggetto di un'applicazione rigida e impersonale di schemi terapeutici inadeguati o sproporzionati. Dice un no chiaro all'eutanasia e va ben oltre l'accani mento terapeutico. L'obiezione del medico non si pone perché il medico può disattendere le DAT quando sono palesemente incongrue" – Dott. Alber to Cozzi, Presidente AMCI Milano

Tuthankamon

Dom, 17/12/2017 - 11:16

Tergestinus. Ven, 15/12/2017 - 17:26 ... esatto! L'importante per loro è affermare il contrario dei Cattolici. Checché ne dica Francesco.