Bitonci, il sindaco con pistola. Ha ottenuto il porto d'armi

Dopo le minacce di morte, il primo cittadino di Padova ha ottenuto il permesso di girare armato

Qualche mese fa una busta con dentro un proiettile e un biglietto contenente minacce di morte, in relazione alla vicenda della fusione Aps-Busitalia Veneto, lo ha allarmato. Così, il sindaco di Padova, Bitonci, ha fatto richiesta del porto d'armi, poco prima di Natale.

Ora la prefettura di Padova sulla base di una relazione dei carabinieri di Cittadella, Comune di cui Bitonci è stato sindaco dal 2002 al 2012 e dove ancora risiede insieme alla famiglia, ha rilasciato la licenza al primo cittadino di Padova. Ad oggi Bitonci aveva soli il permesso di detenzione di un'arma. Ovvero l'autorizzazione di tenere l'arma in casa. Con il porto d'armi potrà portarla anche in giro. "È un diritto difendersi da chi ti minaccia" ha detto il sindaco in un'intervista su Repubblica. E ha aggiunto: "Come sindaco, per le cose che faccio e che dico, sono esposto a rischi. E una persona esposta a rischi ha il diritto di chiedere il porto d'armi per difendersi. L'ok l'ha dato il prefetto". Bitonci non vuole fare polemica, cerca - come afferma sul quotidiano fondato da Scalfari - "di non far pagare ai cittadini i costi per la mia sicurezza. E per lasciare i poliziotti sulle strade. Giro con la mia auto".

Commenti

maricap

Mer, 03/02/2016 - 20:13

Mio padre 75 enne, ha fatto richiesta di porto d'armi. Dice che se aggredito, ora non può più difendersi senza un'arma. A chi gli ha chiesto cosa di tanto prezioso da difendere porta in giro, ha risposto con. " Quando esco, porto in giro il bene più prezioso, ovvero la mia vita" Dite che gli concederanno di girare armato? Italia, nazione in mano a dei rincogli.oniti e a basta.rdi di grosso calibro!