Bocciato dai prof, ma promosso dai giudici: "Non c'è solo il rendimento"

L'alunno era stato respinto in prima media, ma il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso: "L'ammissione alla classe successiva deve fondarsi su un giudizio più ampio rispetto al singolo anno scolastico"

Era stato bocciato dai suoi professori, ma i giudici del Consiglio di Stato lo hanno promosso. Il caso arriva da un istituto scolastico della provincia di Cremona e vede come protagonista un giovane studente che lo scorso anno, a giugno, era stato bocciato alla conclusione delle lezioni di prima media. Ma il padre dell'alunno fin da subito non ha ben visto la decisione dei docenti e così ha iniziato una lunga battaglia legale contro il Miur e l'istituto scolastico della provincia.

I fatti

Le toghe amministrative del Tar di Brescia, in primo grado, avevano già dato ragione al ministero dell'Istruzione dell'università e della ricerca e alla scuola media cremonese. Poi però è arrivato il colpo di scena quando la sentenza si è ribaltata. I giudici del Consiglio di Stato hanno infatti accolto il ricorso presentato dal legale del padre e hanno promosso alla classe successiva, la seconda media, il giovane studente "bocciato". Ieri, come riporta il sito online La Provincia di Cremona, al ragazzo è stata notificata l'ordinanza pronunciata dalla sesta sezione del Consiglio di Stato. "L'ammissione alla classe successiva nella scuola secondaria di primo grado deve fondarsi su un giudizio che faccia riferimento a periodi più ampi rispetto al singolo anno scolastico, anche nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento attesi in una o più discipline", hanno spiegato i giudici del Consiglio di Stato.

Bocciato in prima media dai suoi professori, lo studente può ora festeggiare la sua promozione alla classe successiva grazie alla decisione dalle toghe. E ora, nonostante le lezioni scolastiche siano già iniziate da oltre due mesi, il ragazzino può decidere se frequentare o meno la nuova classe dove ad aspettarlo ci sono i suoi vecchi compagni.

L'ordinanza

L'ordinanza della sesta sezione del Consiglio di Stato, che si era già occupata di casi simili, ha in questo modo sancito un principio importante: di fatto non è giuridicamente possibile bocciare uno studente che ha concluso la prima media. O almeno non lo è per ragioni attinenti al solo rendimento scolastico: "L'ammissione alla classe successiva - hanno specificato le toghe - nella scuola secondaria di primo grado (in base agli articoli 1 e 6 del Decreto legislativo 13 aprile 2017 n. 62, ed alla circolare n. 1865 del 10.10.2017) deve fondarsi su un giudizio che faccia riferimento unitario e complessivo a periodi più ampi rispetto al singolo anno scolastico".

Commenti

ruggerobarretti

Ven, 22/11/2019 - 10:47

Bene mandatelo in seconda media e, se del caso, bocciatelo un altra volta. Dopo il padre, che evidentemente ha soldi da buttar via, ricitera' in giudizio Scuola e Ministero ed il Consiglio di Stato stabilira' che neanche due anni sono sufficienti per giudicare il rendimento del giovine e cosi si seguitera' fino al primo giorno di lavoro ed a quel punto per il non piu' giovinetto saranno .azzi seri, a meno che il datore non sia cotanto "babo".

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 22/11/2019 - 10:59

ccianno raggione le toghe,,,hiiii-hoooooo,hiiiiii,hooooooooooooo!XD

vince50

Ven, 22/11/2019 - 10:59

Le toghe sono al di sopra di tutto e di tutto,non si discute sia chiaro

Giorgio5819

Ven, 22/11/2019 - 11:10

Fabbrica di nuovi ignoranti ?? Certo che se invece di fare causa al miur facesse studiare il figlio....

venco

Ven, 22/11/2019 - 11:21

Giudici fuori dal loro ruolo e fuori di testa.

jaguar

Ven, 22/11/2019 - 11:49

La rovina degli studenti sono i genitori, se poi anche i giudici danno loro ragione, si capisce perchè l'Italia è piena di somari.

ziobeppe1951

Ven, 22/11/2019 - 11:49

Adesso non serve più il 6 politico..sono gli stessi asini del 6 politico che promuovono

sbrigati

Ven, 22/11/2019 - 11:54

Precedente ad hoc.Altrimenti come faranno ad essere promossi quelli che hanno seri problemi a parlare e scrivere in italiano?

titina

Ven, 22/11/2019 - 12:01

Difficilmente bocciano alla scuola media, se questo ragazzo era stato bocciato vuol dire che proprio doveva essere fermato per il suo bene e permettergli così di recuperare. Evidentemente il padre è ignorante e gli interessa solo il pezzo di carta da usare come carta igienica.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 22/11/2019 - 12:21

ruggerobarretti - 10:47 Ben detto. L'importante è, per la famiglia del ragazzino oltre che buttar soldi, che lo stesso abbia il solito "pezzo di carta"..

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Ven, 22/11/2019 - 12:31

Un altro dei danni dello stramaledetto '68 dei sinistrati!

Divoll

Ven, 22/11/2019 - 12:54

Ovvio, le elite vogliono un popolo fatto di ciucci, scansafatiche e arroganti che conoscono solo la parola "diritti", ma non la parola "doveri".

agosvac

Ven, 22/11/2019 - 14:17

Ottimo: i professori lo bocciano, i magistrati lo promuovono. Ma chi ha promosso questi magistrati??? Ecco il dilemma!!!!!!!

ROUTE66

Ven, 22/11/2019 - 14:46

ORA GLI FARANNO FARE 3 ANNI IN UNO,POI ISCRIZIONE ALLA GRANDE SCUOLA SEMPRE 3 IN UNO E PER L"UNIVERSITà MA QUELLA CHE STUDI A CASA TRANQUILLO E ALLA FINE UN BEL POSTO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. LA STESSA CHE TI HA PROMOSSO. CHE BELLA LA VITA PER I LAZZERONI. DEL RESTO SE SEI TROPPO INTELLIGENTE FAI FARE BRUTTE FIGURE,PERCIò VAI AL"ESTERO A LAVORARE

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Ven, 22/11/2019 - 15:53

Bocciato in prima media e salvato dal Consilio di Stato? Un vero sfigato...

steacanessa

Ven, 22/11/2019 - 17:16

Tutte le magistrature italiane di ogni ordine e grado meritano la cancellazione.

routier

Ven, 22/11/2019 - 18:51

Siamo a posto. Adesso gli "asinifici" hanno l'imprimatur delle toghe. Il volgo deve restare incolto e incapace di analisi critiche nei confronti del potere, altrimenti le cose potrebbero anche cambiare in meglio. Non sia mai!

Yossi0

Ven, 22/11/2019 - 20:50

ora si sostituiscono anche agli insegnanti ... sfacciata invadenza? o gratta gratta stai a vedere che aveva qualche raccomandazione ?

kyser

Sab, 23/11/2019 - 09:23

direi che non va aggiunto altro: L'ordinanza della sesta sezione del Consiglio di Stato ha in questo modo sancito un principio importante: di fatto non è giuridicamente possibile bocciare uno studente tutti promossi e a sto punto non fate pure le lezioni. Aboliamo la lezioni tanto per andare avanti servono le raccomandazioni e non studiare.

Calmapiatta

Sab, 23/11/2019 - 10:38

Bene, la magistratura è entrata di diritto a scuola...a quando l'entrata trionfale nelle chiese?

Cheyenne

Sab, 23/11/2019 - 12:54

ormai i sedicenti giudici pontificano su tutto. A quando la revisione del Vangelo?

ilrompiballe

Sab, 23/11/2019 - 14:21

Sono anni che a scuola si promuove l'ignoranza, e i risultati si vedono. Il guaio è che li paghiamo tutti.

cgf

Sab, 23/11/2019 - 15:13

Questo dimostra il merito di chi ha giudicato. A chi mi riferisco? se ai professori o ai giudici? bella domanda