Bologna, festa islamica tenuta in parrocchia perché fuori piove

La celebrazione, che doveva tenersi in piazza, rischiava di saltare a causa del maltempo. La parrocchia di Sant'Andrea Apostolo ha quindi messo a disposizione i propri locali per accogliere i musulmani

A Bologna l'integrazione non si ferma, ed a riprova di ciò lo scorso sabato sera una festa islamica si è tenuta all'interno dei locali di una parrocchia. La notizia arriva dal quartiere di Barca, dove da tempo si sta cercando di instaurare un dialogo fra le varie comunità religiose presenti.

Due giorni fa, dunque, i musulmani residenti in zona avrebbero dovuto celebrare l'Iftar, ossia il pasto serale che interrompe il digiuno quotidiano rispettato nel mese del Ramadan. La festa, aperta a tutti i membri della comunità islamica, doveva tenersi in piazza Giovanni XXIII, nei pressi del centro culturale musulmano. Il clima avverso di questi giorni, tuttavia, stava per mandare all'aria tutta quanta l'organizzazione.

In aiuto dei celebranti si è però mossa la vicina parrocchia di Sant'Andrea Apostolo di Bologna, che ha deciso di mettere a disposizione alcune stanze perché la cena potesse comunque avere luogo. Oltre cento persone hanno perciò potuto riunirsi e festeggiare insieme l'interruzione del digiuno, restando al coperto. Per merito della parrocchia, dunque, l'evento ha potuto tenersi regolarlmente e non è stato cancellato.

Commenti

dagoleo

Lun, 20/05/2019 - 17:06

il gesto è positivo ed apprezzabile. lo dovrebbero apprezzare loro, i musulmani, in primis. ma spesso non lo fanno.

tricolore56

Lun, 20/05/2019 - 19:33

Ottimo esempio di integrazione della chiesa cattolica nei confronti dei musulmani e non viceversa.

Divoll

Mar, 21/05/2019 - 00:15

@ dagoleo - Ma quale gesto positivo e apprezzabile, e' solo un altro inchino agli islamici, una cosa assurda, che loro non avrebbero mai fatto per i cristiani. Lo sa cosa mi ha detto un arabo? "Voi non rispettate le vostre tradizioni e la vostra stessa religione, perche' dovremmo farlo noi?". Il rispetto degli altri comincia dal rispetto di se stessi.

ortensia

Mar, 21/05/2019 - 01:19

Il don ha coperto o nascosto i crocifissi?