Bologna, pesta e ferisce 3 agenti: clandestino torna subito libero

Per il giudice non esistono presupposti di reiterazione di reato, per cui il nigeriano, già colpito da decreto di espulsione, torna subito a piede libero

Ha molestato pesantemente i clienti di un supermercato di Bologna, quindi si è scagliato contro gli agenti intervenuti sul posto mandandone tre al pronto soccorso.

Si tratta di un nigeriano di 31 anni, che durante lo scorso venerdì si è reso protagonista di una serie di disordini alla Esselunga di Santa Viola, nella periferia della città. Le intemperanze dello straniero hanno infastidito e spaventato numerosi avventori, i quali hanno richiesto l'intervento delle forze dell'ordine.

Sul posto è pertanto sopraggiunta una volante della polizia di Stato, cosa che ha fatto letteralmente dare in escandescenze l'africano. Aggrediti con violenza ben 3 agenti, che dopo una colluttazione sono riusciti con grande difficoltà a far scattare le manette ai polsi del facinoroso.

Per i feriti si è reso necessario il trasporto in ospedale, a causa dei traumi riportati nello svolgimento del proprio dovere. Colpito alla testa, uno dei poliziotti ha riportato un trauma cranico, ricevendo una prognosi di 15 giorni, mentre 7 e 5 sono quelli assegnati ai suoi colleghi per i lividi e le escoriazioni subìte.

Il nigeriano non avrebbe dovuto più trovarsi nel nostro paese, dato che era già stato colpito da un decreto di espulsione, ovviamente mai ottemperato. Tuttavia tutto ciò non è stato sufficiente a far si che il giudice di turno, durante il processo, determinasse per lui la misura cautelare del carcere, rimettendolo subito in libertà. Poche ore dopo la brutale aggressione contro gli agenti, l'africano torna per le strade perché non esistono presupposti di reiterazione del reato.

A riferire l'increscioso episodio è il Sap, sindacato autonomo di polizia, che pubblica un comunicato sul suo portale online. "Abbiamo iniziato a contare le aggressioni ai nostri colleghi, postando una cartolina sui nostri canali social. Abbiamo iniziato il 1° giugno e, ad oggi, le aggressioni sono già 10. L’ultima è avvenuta ieri mattina a Bologna".

Il segretario generale Stefano Paoloni si dice amareggiato e preoccupato per la situazione."Siamo lasciati soli. Siamo fin troppo rispettosi del lavoro della Magistratura, ma non è ammissibile rimettere in libertà chi ha usato violenza contro tre uomini in divisa che in quel momento rappresentano lo Stato. Queste decisioni li legittimano a continuare alimentando in loro il senso di impunità. Confidiamo in una celere approvazione del Decreto Sicurezza Bis affinché chi si macchia di questi reati sia punito severamente e non lasciato libero di aggredire il prossimo collega".

Commenti

silvano45

Dom, 09/06/2019 - 14:02

Auguriamo a questo magistrato di non trovarsi mai al posto del povero poliziotto.........e sappia che ha la stima e fiducia di molti cittadini!

agosvac

Dom, 09/06/2019 - 14:07

Francamente sono stanco di leggere come la giustizia italiana venga calpestata da certa magistratura. C'è da chiedersi se questi magistrati si rendano conto del danno immenso che stanno facendo alla loro categoria, più giusto forse usare il termine di "lobby".

venco

Dom, 09/06/2019 - 14:29

Sarà sempre peggio fin che i clandestini illegali vengono trattati meglio dei cittadini.

rawlivic

Dom, 09/06/2019 - 14:38

A Z Z E R A R E la magistratura e' imperative per rinascere

ROUTE66

Dom, 09/06/2019 - 14:53

se avessero usato il taser ora sarebbero accusati di uso improprio della forza. Perciò per certi CAMPIONI (TIPO IL SINDACO DI MILANO) MEGLIO I 3 POLIZIOTTI.IN INFERMERIA E LA RISORSA NUOVAMENTE LIBERA. AVANTI COSI COMPAGNI IL SOL DEL"AVVENIRE CI ASPETTA

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 09/06/2019 - 14:56

ccià raggione la toga rossa.. l'africano torna per le strade perché non esistono presupposti di reiterazione del reato...infatti i Poliziotti sono finiti all'Ospedale prima ed poi in convalescenza;pertanto,nei prossimi giorni non incontrano il ne..africano!

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 09/06/2019 - 15:23

Dove e successoooo!!! A Bologna A BE SI BE!!!!!jajajajajaja

timoty martin

Dom, 09/06/2019 - 15:24

Nigeriano quindi libero di ricominciare ??? Questa giustizia, nemica della sicurezza, causa soltanto danni e più delinquenza. Se la vittima fosse stretto parente del giudice, l'esito sarebbe uguale?

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Dom, 09/06/2019 - 15:31

Ennesimo episodio in cui un invasore picchia ben tre poliziotti. Meglio sarebbe dire che tre poliziotti preferiscono farsi picchiare da un invasore pur di non ritrovarsi in situazione peggiore. La nefasta norma sulla tortura e il continuo depotenziamento delle ex Forze dell'Ordine ha prodotto questo. C'è una certa simmetria concettuale nella prima e seconda frase. Peccato che serva solo a sancire l'inevitabilità di un superiore 'Stato delle Cose' che è destinato a peggiorare. Lo strombazzato 'governo del cambiamento' per essere effettivamente tale avrebbe dovuto concentarsi subito e solo sulla giustizia stravolgendo in maniera opportunamente repressiva tutto l'attuale impianto ipergarantistico del procedimento giudiziario. Ma ora sembra essere troppo tardi. La situazione precipita. Sarà la gente comune a fare quello che non fanno più le ex Forze dell'Ordine. E' un passaggio ineluttabile in quanto la storia insegna che questo è uno dei dogmi della Legge della Giungla.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 09/06/2019 - 15:34

Ma non sono più sopportabili giudici così anti-italiani. Sono anticostituzionali, la solita e non richiesta invasione del Giudiziario nel Legislativo ed Esecutivo. Vanno spazzati via.

Reip

Dom, 09/06/2019 - 15:40

Ringraziate il giudice!

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Dom, 09/06/2019 - 15:47

D'ALTRONDE SE METTONO IN GALERA TUTTI I CLANDESTINI CHE DELINQUONO O STUPRANO, BISOGNEREBBE COSTRUIRE PIU' CARCERI CHE CASE

il_Caravaggio63

Dom, 09/06/2019 - 16:09

ma perchè non pubblicate i nomi di questi illustri magistrati e giudici, che il popolo sappia chi sono, e che la polizia rispolveri i vecchi sistema anni 70/80, visto che sanno chi sono, furgone anonimo, caricarli in borghese , portarli in qualche bosco e caricarli di mazzate.

Una-mattina-mi-...

Dom, 09/06/2019 - 16:12

LERNER PREPARERA' UNA TRASMISSIONE ANCHE SU FATTI QUOTIDIANI, FREQUENTI E REALI COME QUESTI, O E' TROPPO IMPEGNATO AD IMMAGINARE FASCISMI STRASEPOLTI?

honhil

Dom, 09/06/2019 - 16:54

Questo modo di amministrare la giustizia è sicuramente patologico. Ma il capo supremo del Csm, a quanto pare, non è proprio intenzionato, o non è all’altezza della situazione, a scrivere la parola fine a questo stato di cose. In un Paese serio, già da tempo sarebbe stato il Parlamento a mettere ordine e a pensionare l’inquilino del Quirinale. Ma l’Italia, dall’unità ad oggi, non lo è mai stato neppure lontanamente un Paese serio. Da ciò l’autolesionismo viscerale della magistratura: l’élite dell'élite. Non resta allora che l’Esercito. L’unica istituzione, con la credibilità e la forza necessaria che questo compito delicato richiede in tale sfacelo, che si dovrà fare carico di prendere in mano le redini dello Stato. Per il tempo necessario. Prima che il baratro inghiotta tutto e tutti.

Ritratto di scoglionato

scoglionato

Dom, 09/06/2019 - 17:03

Mandate i giudici per strada a mantenere l'ordine,almeno,speriamo di liberaci di loro,ipocriti e farisei.

unghiecondenti

Dom, 09/06/2019 - 17:05

Sul tema giustizia questo paese fa proprio schifo .

Ritratto di scoglionato

scoglionato

Dom, 09/06/2019 - 17:05

Giudici rossi"razza bxxxxxxa"

Giorgio Rubiu

Dom, 09/06/2019 - 17:22

La prossima volta i poliziotti picchino e feriscano il clandestino in maniera tale che, se anche un giudice lo lasciasse libero, non sarebbe mai più in grado di godersi la libertà concessa. Poi vadano in cerca del Giudice "liberatore" e picchino e feriscano anche lui; così, giusto per mandare il messaggio a tutti gli altri giudici.

antonio54

Dom, 09/06/2019 - 17:28

E' stato messo in libertà, in quanto il clandestino non potrà più reiterare quel tipo di reato. Come se lo avesse scritto in fronte. Ormai i tempi sono maturi per una bella riforma della giustizia, non più rinviabile. Siamo fuori tempo massimo… abbiamo superato anche i supplementari.

carlottacharlie

Dom, 09/06/2019 - 17:33

Una volta, tanto tempo fa, se picchiavi un agente venivi bastonato. Dopo la cura dei rossi sinistri se picchi un poliziotto sei quasi un eroe e non paghi nulla. Mondo di vermi, questo d'oggi,- prendere tutti i vermi italici che non sentono l'esigenza di castigare chi non rispetta la legge, che deridono correttezza e giustizi e lo Stato,- prenderli e schiacciarli come, appunto, vermi.

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Dom, 09/06/2019 - 17:42

Onefirsttwo(Uno that says do love not war) dice : Ma cosa ha fatto il nigeriano non è dato di sapere !!! STOP Per forza che si arrabbia se lo fanno arrabbiare !!! STOP Forza fratello nero , resisti !!! STOP L'Africa nera è con te !!! STOP Yeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhh .

steluc

Dom, 09/06/2019 - 17:46

Prima votano rosso poi chiamano la polizia? Ma cari agenti, ma non andateci nemmeno o se andate, sirena a randa , lungo giro dell isolato fin che la risorsa non si allontana. Vorrete mica finire all ospedale o nei guai per chi vota contro l’Italia o per qualche toga ideologizzata...

killkoms

Dom, 09/06/2019 - 17:52

licenza di delinquere!cosa dice il so mar?

hectorre

Dom, 09/06/2019 - 17:54

ma i sinistri sono felici di leggere simili notizie????...forse per restare nell’ignoranza e poter avvalorare la loro ideologia farlocca, non leggono questi articoli!!!

19gig50

Dom, 09/06/2019 - 17:56

Come si fa ad andare avanti con questi str@nzi di giudici?

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Dom, 09/06/2019 - 17:56

Giusta decisione della sapiente Toga. Perché mai il Nigeriano dovrebbe reiterare il reato? Tutti sappiamo che è RARISSIMO il caso in cui una preziosa risorsa Nigeriana appare nella cronaca nera, addirittura malmenando qualcuno. Tale increscioso comportamento è completamente sconosciuto a queste risorse, dotate di superba cultura e grandissima coscienza civica. Si tratta pertanto di un caso isolatissimo, frutto probabilmente di un'incomprensione. Mi domando se la sapiente Toga abbia anche disposto per un indennizzo da versare alla Superiore risorsa Nigeriana per tutto il tempo che gli abbiamo fatto perdere, che avrebbe potuto meglio impegnare a regalarci la sua cultura, di cui abbiamo estremo bisogno.

Ritratto di frank60

frank60

Dom, 09/06/2019 - 18:05

Pura follia. ...

Reip

Dom, 09/06/2019 - 18:07

Oramai non fa neanche piu’ notizia. Quasi TUTTI i criminali responsabili di violenze, omicidi, stupri e rapine, sono pregiudicati, e per un motivo o per un alteo qualche giudice li ha rimessi in liberta’! E non mi riferisco soltanto agli extracomunitari! Inutile dire poi che nei confronti dei finti profughi clandestini il lassismo e’ assoluto! Cosi si puo’ andare avanti! Urgono delle leggi speciali per ripristinare un barlume di sicurezza e di giustizia! E’ assolutamemte necessario punire quei giudici che non incarcerano e rimettono in liberta’ questi animali. La responsabilita’ penale per i giudici e’ d’obbligo! Salvini non basta, e’ il Popolo che deve reagire! La sicurezza e’ un diritto sacrosanto! NON SI TRATTA DI POLITICA, BENSI’ DI GIUSTIZIA E SOPRAVVIVENZA!

Ritratto di moshe

moshe

Dom, 09/06/2019 - 18:08

la magistratura è al culmine della delinquenza !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

patrenius

Lun, 10/06/2019 - 07:34

Certo è che queste sentenze che si ripetono qualche dubbio lo provocano e danno ragione a Salvini.

pushlooop

Lun, 10/06/2019 - 08:25

E c'è ancora chi crede nel mito del "buon selvaggio"? Via, a casa nella savana!!

cgf

Lun, 10/06/2019 - 09:59

il diritto di cronaca imporrebbe di rendere noto il nome di chi parla in nome di coloro egli/ella vuole rappresentare, se non il diritto di cronaca, almeno la buona educazione.