Bracconeri e il volgare insulto a Giovanna Botteri

Fabrizio Bracconeri, ex volto noto della tv e del programma Forum "condivide" e retwetta un post contro la corrispondente Rai

Un retweet che non è passato inosservato. Fabrizio Bracconeri, ex volto noto della tv e del programma Forum di fatto è sempre molto attivo sui social. E soprattutto su Twitter. E questa volta ha "condiviso" sul suo prfilo il tweet di un utente che ha messo nel mirino la corrispondente Rai dagli Stati Uniti, Giovanna Botteri.

Un tweet abbastanza forte con cui è stata insultata la cornista di Viale Mazzini. "Cuordileone55 Vanni", questo il nome dell'utente retwittato da Bracconeri, ha postato una foto di Giovanna Botteri, l'inviata di Rai3, e aggiunge che "siamo pure obbligati a pagare sta troia". E quel gesto di "condivisione" da parte dell'ex ragazzo della "Terza C" non è passato in silenzio sui social. Non è la prima volta che Bracconeri con i suoi tweet va oltre le righe. Già qualche tempo fa aveva invocato ad esmpio "un attentato per liberarsi di clandestini e Pd", poi per finire, la sparata sui "governanti da fucilare con un plotone" per la valanga del Rigopiano.

Commenti

mariod6

Lun, 23/01/2017 - 10:56

Resta il fatto che questa giornalista (?) è spudoratamente di parte e che non perde occasione per sparare addosso al nuovo Presidente degli USA e incensare quella carampana pericolosa guerrafondaia della Clinton. Per fortuna che qualcuno dei dirigenti RAI ha avuto la faccia tosta di dichiarare che i giornalisti RAI sono obiettivi e non schierati. La cronaca è una cosa, la faziosità politica un'altra.

Scirocco

Lun, 23/01/2017 - 14:40

Sicuramente Bracconieri ha esagerato ma se i giornalisti RAI imparassero a lasciare le loro idee politiche personali fuori dagli studi televisivi non riceverebbero complimenti di questo genere. Comunque la Botteri, come tutti quelli che lavorano alla RAI sono NOSTRI dipendenti e non è detto che le loro idee politiche piacciano a tutti gli Italiani che sono costretti a pagare loro lo stipendio anche se magari preferirebbero mandarli a casa con una bella lettera di licenziamento.

apostata

Mar, 24/01/2017 - 10:03

All’inizio della campagna elettorale ero perplesso. Le due giornaliste tg1 hanno avuto un ruolo fondamentale. Non ne hanno azzeccata una. Come il chirurgo che sbaglia l’operazione dovrebbe dimettersi, anche loro, se la rai fosse un’azienda seria, dovrebbero sparire. Una delle due forse lo ha fatto, è rimasta la botteri ancora in piena campagna elettorale al seguito dei più facinorosi, non ha capito il senso dell’elezione e dei motivi che hanno ispirato la vittoria di trump, primo tra tutti il contrasto alla globalizzazione selvaggia.