Brennero, per costruire il muro austriaco anti-profughi ci vorranno solo due mesi

Si prepara una carreggiata separata per i controlli e diversi container per identificare i migranti. Probabile anche l'installazione di una recinzione anti-fughe

Controlli alla frontiera austro-slovena

Di sicuro ci saranno una carreggiata stradale di controllo e dei container per la registrazione dei profughi. Molto probabile invece la costruzione di una recinzione anti-migranti.

Queste, secondo il quotidiano locale Tiroler Tageszeitung, le caratteristiche della barriera che l'Austria si prepara a costruire al Brennero e ad altri valichi confinari con l'Italia. Barriera che dovrebbe entrare in opera fra poche settimane e la cui costruzione non richiederebbe più di otto o dieci settimane, nonostante i tentativi delle autorità austriache di minimizzare la portata del provvedimento.

Oltre a quello del Brennero, controlli rafforzati per frenare il flusso dei profughi provenienti dall'Italia verrebbero introdotti anche ai valichi alpini in Val Venosta e Val Pusteria. La decisione del governo di Vienna, ufficializzata nei giorni scorsi, è stata accolta con aspre critiche dai politici locali tirolesi. "La caduta delle barriere al Brennero - ha sottolineato il governatore della provincia autonoma di Bolzano Arno Kompatscher- è stata infatti una pietra miliare nella riunificazione delle parti separate del Tirolo". La protesta di Kompatscher, peraltro, ha trovato appoggio nella posizione del governatore della Provincia di Trento Ugo Rossi e in quella del suo omologo per il Tirolo austriaco, Gunther Platter. I tre governatori delle tre regioni che compongono l'Euroregio Trentino-Alto Adige-Tirolo intendono muoversi in modo coordinato per impedire controlli troppo rigidi.

Nel frattempo il ministro degli Esteri austriaco, Sebastian Kurz, ha annunciato oggi da Skopje che nei prossimi mesi Vienna prevede la chiusura delle frontiere, non appena sarà raggiunto il numero massimo di migranti che è possibile ospitare: l'Austria ha accolto circa 90mila richiedenti asilo nel 2015 e per il 2016 ha fissato il limite a meno della metà.

Il cancelliere austriaco Werner Faymann, dopo un incontro con Matteo Renzi a Palazzo Chigi ha ricordato che "la Ue non può lasciare solo a risolvere il problema dei migranti", cercando su questo tema la sponda del governo di Roma.

Ieri il tribunale di Korneuburg, vicino a Vienna, ha condannnato cinque passatori di migranti arrestati a settembre con l'accusa di aver fatto entrare illegalmente nel Paese più di duemila migranti nel corso di 2015, per un ricavo complessivo stimato in oltre trecentocinquantamila euro.

@giovannimasini

Mappa

Commenti

sottovento

Ven, 12/02/2016 - 20:50

Domanda: dove andranno a finire tutti questi signori??

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 13/02/2016 - 01:07

@sottovento risposta: provi un po' a indovinare... Io vado da molti anni in ferie in Austria, anche se non passo dal Brennero. Chissà se quest'anno mi lasceranno passare, nella mia qualità di cittadino Italiano.

seccatissimo

Sab, 13/02/2016 - 02:14

x SOTTOVENTO. Se gli italiani insieme agli austriaci avessero buon senso, le palle, pragmatismo, maggiore realismo ed il coraggio necessario, questi signori andrebbero tutti affondati in mare !

linoalo1

Sab, 13/02/2016 - 07:43

Finalmente qualcosa si muove per ostacolare questa Invasione!!Ora,però,si debbono muovere,nella stessa direzione,anche tutte le altre Nazioni Europeee!!!

corto lirazza

Sab, 13/02/2016 - 08:27

Per fortuna che ci siamo noi ad accogliere gli scarti dei paesi europei! E' la miglior terapia per far scendere il debito pubblico, garantire un lavoro a tutti, aumentare lo sviluppo, ridurre le tasse e combattere la criminalità...

gigetto50

Sab, 13/02/2016 - 09:58

...mi viene da ridere perché mentre in Austria nel Nord Tirolo si fanno questi controlli, nel Sud Tirolo, in Italia, invece succede di tutto e di piu'....boh sara' che preferiscono i clandestini agli italiani...possibile...

franco-a-trier-D

Sab, 13/02/2016 - 10:10

sottovento..in Italia dove vuoi che vadano in Giappone?Bloccare anche agli italiani.

Holmert

Sab, 13/02/2016 - 11:45

Ognuno ha il rispetto che merita. E pare proprio che in seno all'UE l'Italia non ne abbia affatto,nemmeno una parvenza. Fino a quando l'immigrazione selvaggia via mare, riguardava l'Italia, si abbatté su di essa un fuoco di fila al calor bianco, sulla sua mala gestione, sulla incapacità di salvare vite umane, sulla negligenza a dare degna sistemazione a tanta povera gente, papa Cecco compreso. Ora che l'immigrazione selvaggia, tanto da essere una vera invasione, riguarda anche i popoli della mittel europa, schizzinosi e frxgnoni verso gli altri, infischiandosene di tutte le belle parole profferite verso di noi poveri italioti,si sono affrettati, in barba ai regolamenti, ad innalzare barriere ed a ripristinare le frontiere,senza chiedere ordini a chicchessia. E l'Italia? Subisce ,prona e servile.Tanto ormai ci considerano la pattumiera dell'Europa.