Brescia, baby squillo per 20 euro

Un'altra storia di "baby squillo". Questa volta tocca a Brescia. Cinque ragazze tra i 15 e i 17 anni, studentesse di un istituto professionale di Brescia, si prostituivano per pochi euro, da 20 a 40 euro, in base alla prestazione sessuale

Un'altra storia di "baby squillo". Questa volta tocca a Brescia. Cinque ragazze tra i 15 e i 17 anni, studentesse di un istituto professionale di Brescia, si prostituivano per pochi euro, da 20 a 40 euro, in base alla prestazione sessuale. Lo ha scoperto la polizia provinciale di Brescia: un uomo di 45 anni è indagato per violenza. Secondo quanto ricostruito, le minorenni avrebbero avuto rapporti sessuali anche a scuola tanto da spingere il preside dell'istituto a far chiudere i bagni dove le giovani avevano rapporti pare talvolta solo per ottenere una ricarica telefonica. Più in generale le adolescenti contattavano i clienti attraverso i social network e li incontravano nei parcheggi dei centri commerciali.

Una delle giovani, come racconta ilTempo, ha ammesso il suo comportamento, mentre quattro hanno negato ogni addebito. A far scattare l'indagine è stata la madre di una quindicenne che vedeva spesso la figlia tornare a casa la sera accompagnata da un adulto, un 45enne ora indagato per violenza. A casa dell'uomo sono state trovate centinaia di pillole, con ogni probabilità Viagra.

Annunci

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Sab, 23/01/2016 - 14:33

Quali sono i valori con cui vengono educati i fgli? Telefonino, ricarica, jeans, soldi, madre e figlia di 15 anni in giro assieme con il perizoma, tette fuori, tutto e' permesso. Siccome per tutto questo servono i soldi che e' difficile guadagnarli, usano l'antico metodo che usano le donne da millenni, la danno via. Da qui nascono le troie quindicenni.

ammazzalupi

Sab, 23/01/2016 - 16:08

Stenos... sintetico e chiaro. Moooolto chiaro!!!!

Ritratto di Scassa

Scassa

Sab, 23/01/2016 - 16:12

scassa sabato 23 gennaio 2016 "stenos" lei ha perfettamente ragione e coraggio di rendere note idee considerate aut dalla maggioranza dei "così detti" moderni benpensanti di mente aperta ! A mia volta ,essendo donna,rincaro la dose e a seguito della frase ......:è mia e la gestisco io" credo delle femministe ,che hanno venduto la femminilità ,unico vero pregio,...per un piatto di lenticchie !!!!!!!!!!!scassa.

franco-a-trier-D

Sab, 23/01/2016 - 16:21

QUESTA NON è COLPA DEI MUSULMANI O SBAGLIO? CRITICAVATE LE TEDESCHE?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 23/01/2016 - 17:02

@stenos:.....analisi condividibile!....Questa è la progenie(progressista),di quelle 68tine,che gridavano:..."l'utero è mio"!!

maurizio50

Sab, 23/01/2016 - 17:59

Magari cominciano così, poi, magari si mettono in politica e diventano ministre o presidente!!!!

Ritratto di pravda99

Anonimo (non verificato)

ullo

Sab, 23/01/2016 - 19:56

@zagobian, si può anche dire che questa è la generazione delle puttenelle stile grande fratello, veline, uomini e donne. Insomma, tutta la televisione del papi di Arcore.

tRHC

Sab, 23/01/2016 - 19:57

@stenos:: Bello il post davvero veritiero... quello di maurizio50 e' incredibilmente realistico... complimenti a tutti e due.Saluti

zen39

Sab, 23/01/2016 - 20:09

Bisogna sempre andare a monte del problema. Se i genitori sono separati oppure litigano in continuazione è facile che gli adolescenti subiscano un trauma e finiscano per comportarsi in tal modo. Spesso è facile che una brava ragazza si lasci convincere da un'amica ma anche in tale ipotesi c'è sempre qualcosa che non va magari dall'infanzia. Sono problemi che la categoria degli psichiatri dovrebbe affrontare. Occorre che il problema vada posto all'attenzione della società. Il disfacimento della famiglia sta producendo da tempo i suoi guasti sotto gli occhi di tutti. Ma tutti se ne infischiano.

Ritratto di lettore57

lettore57

Sab, 23/01/2016 - 20:30

@maurizio50 quoto fortissimamente il suo post

Ritratto di pigielle

pigielle

Dom, 24/01/2016 - 08:31

@franco-a-trier-D ...che ca22o di commento è il tuo? ..ore 16.21 e già ciucco?

franco-a-trier-D

Dom, 24/01/2016 - 09:22

la conclusione quale è? Che molti di voi cittadini italiani siete kornuti anche da parte di vostra figlia senza saperlo auguri..

timoty martin

Dom, 24/01/2016 - 09:26

Queste giovani non hanno proprio più moralità ne rispetto per se stesse. Cosa hanno insegnato genitori e scuola? chi ha sbagliato di più? Chi non ha visto o non ha voluto vedere? Che ne sarà del loro avvenire? ma anche del nostro se i nostri giovani (in generale) non capiscono l'importanza del rispetto?

amedeov

Dom, 24/01/2016 - 09:55

timoty Che cosa hanno insegnato scuola e genitori? E cosa vuoi che insegnano.Se un professore rimprovera un alunno,orde di genitori si scagliano contro l'insegnante,se un genitore rimprovera il figlio,orde di assistenti sociali e magistrati dei minori si scagliano contro il genitore.

MelalavoDomenica

Dom, 24/01/2016 - 17:58

Stenos fanno il paio con le mignotte di Roma, le bagasce di Genova, le zoccole di Napoli e il "log" di Piacenza tutte rigorosamente di 15-16-17 anni. Mamme comprese .