Brescia, espulso un 23enne tunisino: "Indicazioni per colpire l'Italia"

"Rientrato in Italia il 15 agosto scorso, dopo un prolungato periodo in Tunisia, il cittadino tunisino aveva manifestato chiari indicatori di radicalizzazione"

Con un volo decollato questa mattina da Roma Fiumicino e diretto a Tunisi, è stato espulso, per motivi di sicurezza dello Stato, un 23enne tunisino, residente in provincia di Brescia.

Lo fa sapere il Viminale. "Le indagini di polizia - spiega il ministero dell'Interno in una nota - hanno documentato che lo straniero era collegato a un foreign fighter marocchino, già domiciliato nel milanese, con il quale era in contatto tramite social network. Rientrato in Italia il 15 agosto scorso, dopo un prolungato periodo in Tunisia, il cittadino tunisino aveva manifestato chiari indicatori di radicalizzazione".

"Le attività investigative, operate anche con la collaborazione internazionale e dei servizi di intelligence, - si legge nella nota - hanno evidenziato che a metà novembre 2016 aveva ricevuto indicazioni, da persona a lui nota, di compiere attentati in Italia simili a quelli compiuti in Francia e in Belgio, per ritorsione contro le operazioni dell'Italia in Libia. Inoltre, il tunisino espulso oggi, aveva manifestato l'intenzione di lasciare l'Italia quanto prima per unirsi allo Stato Islamico".

Con il provvedimento eseguito oggi, annota ancora il Viminale, "salgono a 132 gli espulsi con accompagnamento in frontiera dal gennaio 2015, di cui 66 dal 1 gennaio 2016".

Commenti

claudio faleri

Gio, 29/12/2016 - 13:26

fra tre giorni rientra, accolto da rifondazione anche con le scuse

Ritratto di malatesta

malatesta

Gio, 29/12/2016 - 14:13

Ritornera' entro un mese come povero migrante che fugge dalle guerre nei barconi della disperazione, con la benedizione di Franceschiello..

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Gio, 29/12/2016 - 15:02

Hanno usato il nuovo format del "decreto di espulsione", a quattro veli in carta profumata col logo del Ministero dell'Interno?

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Gio, 29/12/2016 - 15:07

Aiutatemi a capire, perché da solo non ci riesco. "Le attività investigative hanno evidenziato che a metà novembre 2016 aveva ricevuto indicazioni, da persona a lui nota, di compiere attentati in Italia simili a quelli compiuti in Francia e in Belgio, per ritorsione contro le operazioni dell'Italia in Libia. Inoltre aveva manifestato l'intenzione di lasciare l'Italia quanto prima per unirsi allo Stato Islamico". E i provvedimenti presi, anziché di metterlo in condizioni di non nuocere per il resto dei suoi giorni, sono quelli di pagargli il viaggio di ritorno in Tunisia, da dove è libero di tornare quando vuole. Sempre meglio che consegnargli un decreto di espulsione, però ............

gustinet

Gio, 29/12/2016 - 15:29

Appena rientrato si metterà in fila per essere "salvato" dai mezzi marittimi inviati dal nostro "buon governo" sulle spiagge della Libia e illuso nelle sue "buone" convinzioni che l'Italia è spopolata e che le industrie non ancora espatriate e molte in via di estinzione hanno tanto bisogno di mano d'opera disoccupata ...

Marzio00

Gio, 29/12/2016 - 15:51

Bravi lo avete mandato in Tunisia così fra 1 settimana è in Italia come migrante, ma speditelo a combattere in Siria o Iraq!!!

Albius50

Gio, 29/12/2016 - 16:55

Fra 3 giorni rientra lo ricontrollano lo fanno dormire al RESORT in attesa che l'On.Minniti trovi i soldi x l'aereo e rispedirlo in TUNISIA

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Gio, 29/12/2016 - 18:14

la prevenzione e la difesa dei cittadini continua a funzionare. Bene.

maurizio50

Gio, 29/12/2016 - 18:26

secondo tentativo. Nel 2016, circa 180.000 arrivi di soggetti di cui aventi diritto ad asilo più o meno il 10%. Espulsi SESSANTASEI, (66).Al Ministero dell'Interno abbiamo dei veri fenomeni: E poi dovremmo credere a chi pretende di tranquillizzarci???????????

dakia

Gio, 29/12/2016 - 19:08

Cioè, tutti i paesi rimpatriano clandestini mentre noi per il rotto della cuffia ne abbiamo fatti passare 136 in 4 anni dichiarando che i paesi destinatari a noi ce li respingono. Siamo diventati il teatro circense più esteso di pagliacci che fanno ridere l'intero mondo, infatti c'è chi fa i muri e nessuno critica mentre noi non siamo capaci neppure a fare dogane ma, perché aspettiamo che ci ammazzino, non possiamo suicidarsci soletti...o lo abbiamo già fatto senza ce ne accorgessimo?

dakia

Gio, 29/12/2016 - 19:10

Espulso un 23enne, vaja baldoria perché non attacchiamo manifesti per mostrare quanto siamo bravi.

PaoloPan

Gio, 29/12/2016 - 19:11

Lo accoglierà l'imam argentino... chi non accoglie non è cristiano!

pinco pallino

Gio, 29/12/2016 - 19:28

Purtroppo anche Amri era stato espulso, non sarebbe meglio metterli in galera? Certo c'è purtroppo la magistratura che si opporrebbe, bello schifo!

Linucs

Gio, 29/12/2016 - 19:54

Arabi e negri, arabi e negri, arabi e negri.

ziobeppe1951

Gio, 29/12/2016 - 21:04

riflessiva..18.14...questa è solo la punta dell'iceberg..finita l'abbuffata ..si aprono le danze

Una-mattina-mi-...

Gio, 29/12/2016 - 21:19

ODDIO! RISCHIA IL FOGLIO DI VIA....terribile!

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Gio, 29/12/2016 - 23:08

Poi ci si lamenta se qualcuno dice che queste sono Leggi idiote pensate da idioti e applicate da idioti. Mah!

Ritratto di franco.a.trier_DE

franco.a.trier_DE

Ven, 30/12/2016 - 09:35

ah espulso non in galera? Se preparassi un attentato io verrei espulso o andrei in galera? Mi raccomando mandatelo a Hammamet zona turistica là c'è un bel sole non freddo come qui.