Brescia, torturano il fidanzato della figlia con scariche elettriche

La vicenda a Brescia, dove due genitori indiani sono stati denunciati per le violenze commesse contro un ragazzo di vent'anni

Due genitori hanno torturato con scosse elettriche il fidanzato di loro figlia. La vicenda a Brescia, dove i responsabili delle violenze commesse sono stati denunciati dalle forze dell'ordine con l'accusa di sequestro di persona, maltrattamenti in famiglia e, appunto, tortura.

Quel padre e quella madre – entrambi indiani – era fortissimamente contrari alla frequentazione della loro figlia 16enne con quel ragazzo di vent'anni. Tanto contrari da spingersi oltre, molto oltre.

Il giovane, come racconta il Giornale di Brescia, avrebbe subito maltrattamenti con un cavo della corrente, subendo scariche elettriche; la barbarie subite sarebbero avvenute nelle scorse settimane, nel mese di agosto, quando la "preda" fu portata e chiusa in una stanza dai due adulti, che lo avrebbero pure preso a bastonate.

La teenager è stata allontanata dal nucleo famigliare, venendo portata in una comunità: gli inquirenti stanno indagando anche per capire se la stessa ragazzina abbia subito simili angherie dai propri genitori, che ora rischierebbero fino a dieci anni di galera per la brutalità commessa.

Commenti

Adespota

Ven, 06/09/2019 - 10:33

Cosa blaterava quella tizia ..? sì, ora ricordo: " le loro usanze saranno le nostre"...

Gibulca

Ven, 06/09/2019 - 12:26

I progressi dell'immigrazione dal terzo mondo e i risultati dello scontro di civiltà. Noi abbiamo avuto Leonardo, Michelangelo, Verdi, Bernini, Tintoretto e migliaia di altri. E loro?

Divoll

Ven, 06/09/2019 - 15:54

Si, ma questi 10 anni dovrebbero scontarli nel loro paese. Non ci sono guerre in India (Marocco, Egitto, Pakistan, Nigeria, ecc. ecc. ecc.) perche' diamine queste persone hanno avuto il permesso di stare in Italia? Ma, soprattutto, quante ancora ne arriveranno grazie al PD?