Calabria, processione con la Madonna fa l'inchino al boss. Sciopero della Messa in carcere

A Oppido Mamertina (Reggio Calabria) durante una processione religiosa viene omaggiato un capoclan. E nel carcere di Larino (Campobasso) i detenuti saltano la messa dopo le parole di Bergoglio

Dal sito Oppidomamertina.com

Non è la prima volta che si scatena un putiferio per l'imbarazzante accostamento tra religione e malavita. L'ultimo episodio è avvenuto in Calabria, a Oppido Mamertina per l'esattezza, un comune di circa 5300 abitanti in provincia di Reggio Calabria. Ma vediamo subito cosa è successo alcuni giorni fa. La processione della Madonna delle Grazie nella frazione Tresilico del paese si ferma davanti all’abitazione del presunto boss Peppe Mazzagatti, 82 anni, condannato all’ergastolo per omicidio e associazione per delinquere (ai domiciliari per motivi di salute). Nel momento esatto della sosta - secondo quanto riporta stamani il Quotidiano della Calabria - il comandante della locale stazione dei carabinieri, maresciallo Andrea Marino, si allontana. Altri due carabinieri che erano con lui documentano quanto sta accadendo. Intanbto c'è da registrare un altro sgenale inquietante. Nel carcere di Larino (Campobasso) i detenuti (circa duecento) hanno deciso di disertare la messa dopo che il pontefice ha parlato di scomunica per i mafiosi. Lo "sciopero della fede", a quanto si apprende, è andato avanti per giorni sino ad oggi.

Ma torniamo alla processione con l'inchino. Giunta vicina all’abitazione di Mazzagatti, si ferma per circa trenta secondi. La statua della Madonna delle Grazie, portata da numerose persone, è preceduta da alcuni sacerdoti e amministratori locali. A quanto si apprende prima della processione di Oppido il maresciallo aveva incontrato gli organizzatori della festa-processione invitandoli a non effettuare "inchini" durante il tragitto. Invito che puntualmente è stato disatteso, come evidente gesto di sfida verso lo Stato. Quando il maresciallo, resosi conto dell'omaggio ricevuto dal presunto boss, si è allontanato, nessuno, tra le autorità presenti, pare lo abbia seguito, nonostante il sottufficiale dell'Arma avesse resi noti i motivi del proprio gesto.

"L’allontanamento del comandante della stazione dei carabinieri di Oppido Mamertina è stato un atto tecnico per consentire gli opportuni atti di polizia giudiziaria", ha tenuto a precisare il comandante provinciale dei carabinieri di Reggio Calabria, colonnello Lorenzo Falferi. "Nel nostro Paese ci sono state già altre vicende analoghe - racconta all'Huffington Post -. Non molto tempo fa è successo a Vibo Valentia". Poi chiarisce meglio quanto è accaduto: "Il maresciallo dei carabinieri e i suoi uomini quando si sono accorti di quello che stava per accadere si sono allontanati per poter documentare. Non hanno abbandonato il corteo". Anzi, "abbiamo video e fotografie sia di chi ha inchinato la statua sia di chi ha dato l'ordine di farlo". E aggiunge: "Gli esiti delle nostre attività confluiranno in una informativa che sarà inviata alla Procura di Palmi ed alla Dda di Reggio Calabria".

"I carabinieri hanno fatto benissimo ad allontanarsi", commenta con malcelato sdegno Nicola Gratteri, procuratore aggiunto presso il tribunale di Reggio Calabria. "I servitori dello Stato non possono tollerare il minimo compromesso o tentennamento nei confronti della ’ndrangheta".

Solo quindici giorni fa Papa Francesco, nel corso della messa nella spiana di Sibari, con un discorso molto duro aveva scomunicato i mafiosi. "Quando non si adora il Signore - aveva detto Bergoglio - si diventa adoratori del male, come lo sono coloro che vivono di malaffare, di violenza, la vostra terra, tanto bella, conosce le conseguenze di questo peccato. La ’ndrangheta è questo: adorazione del male e disprezzo del bene comune. Questo male va combattuto, va allontanato, bisogna dirgli di no. La Chiesa che so tanto impegnata nell’educare le coscienze, deve sempre più spendersi perchè il bene possa prevalere. Ce lo chiedono i nostri ragazzi. Quelli - aveva concluso - che non sono in questa strada di bene, come i mafiosi, questi non sono in comunione con Dio, sono scomunicati".

"La lotta a tutte le mafie è anche nei comportamenti di chi si oppone ad antiche servitù e soggezioni di chi le omaggia ed è anche in chi prende le distanze da deplorevoli e ributtanti rituali cerimoniosi di chi soggiace alle loro logiche di violenza", ha commentato il ministro dell'Interno Angelino Alfano.

La protesta dei detenuti contro il Papa

I detenuti del carcere di Larino (Campobasso) sono rimasti molto colpiti dall’intervento del Papa due settimane fa in Calabria. E hanno detto: "Se siamo scomunicati, a Messa non vale la pena andarci". Ne hanno parlato con il cappellano; quest’ultimo ha invitato il vescovo al carcere per parlare e spiegare il senso dell’intervento del Papa. "Questo dimostra come non sia vero che dire certe cose, sia clericalismo - ha spiegato monsignor Bregantini - in realtà le parole del Papa, come quelle della Chiesa e di Gesù Cristo, hanno sempre una valenza etica che diventa poi sempre culturale ed economica, quindi con grandi riflessi politici".

Commenti

atlantide23

Dom, 06/07/2014 - 13:24

e vabbe'...l'italia fa l'inchino agli zingari, agli extracomunitari, ai delinquenti,ai mafiosi , ai tedeschi, all'europa , agli omosessuali e quindi che c'e' di strano se un paese fa l'inchino a un capo mafia ?

Gianca59

Dom, 06/07/2014 - 13:30

Un ottimo esempio di come funziona l' Italia.

giottin

Dom, 06/07/2014 - 13:31

Che ci volete fare, è terronia ragazzi!!!

Invisibleman

Dom, 06/07/2014 - 13:31

usi e costumi di quelle parti....

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 06/07/2014 - 13:53

Il clero sa benissimo quando non si parla sul serio e continua tranquillamente i suoi inchini ai mafiosi.

Giacinto49

Dom, 06/07/2014 - 14:10

Più che una sfida alle istituzioni mi sembra il caso di ricordare Don Abbondio con il suo "Il coraggio non può darselo chi non ce l'ha" che vale per i compaesani ma anche per il Mazzagatti. Non sarà una sosta di trenta secondi della statua della Madonna a cancellare crimini che il Signore considera imperdonabili e che conducono direttamente all'Inferno.

Paul Vara

Dom, 06/07/2014 - 14:30

Tra superstizione ed ignoranza ecco una bella fotografia del popolino Italiano.

vince50

Dom, 06/07/2014 - 15:05

Si è allontanato per compiere tutti gli atti di identificazione?balle.Si sarà allontanato per la vergogna,manifestando in questo modo l'impotenza delle leggi nei confronti di chi per molte ragione è temibile e quindi "da rispettare".

Ritratto di Ciccio Baciccio

Ciccio Baciccio

Dom, 06/07/2014 - 15:19

***Si è "ficcato" in un bel pasticcio Papa Francesco. Troppo buono ed istintivo. Non paga. Aridatece Benedetto XVI. Lui sì che la sa più lunga!*

pittariso

Dom, 06/07/2014 - 15:28

Cosa ne pensano piso e contalti?

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Dom, 06/07/2014 - 15:49

Io credo che se li acchiappassero vivo o morti, ma preferibilmente morti, tutto finirebbe e questi 7000 mafiosi non stavano in galera o al 41bis poco Cristiani e io pago! Siccome hanno l'aspetto umano ma sono mostri per non ripetersi come spesso succede “ il cane si morde la coda ” appena dopo il processo per direttissima, si fucilano un minuto dopo, ovvio, anche trafficanti, serial killer e stragisti vari! We I can?

Aristofane etneo

Dom, 06/07/2014 - 15:51

"giottin - Dom, 06/07/2014 - 13:31" scrive: "Che ci volete fare, è terronia ragazzi!!!" Sussurrato da "sporco terrone" in quanto Siculo, a "ottuso polentone" come immagino che Lei sia, concordo senza se e senza ma con quanto lei scrive. Da Italiano ammalato di sviscerato amore per la propria Patria mi chiedo, porchidando, ma ... e le autorità religiose che presenziavano la cerimonia erano distratte quando il Papa argentino ha lanciato il suo anatema contro i "mafiosi" della Sicilia, della Puglia e della Calabria? Che si tratti di una strategia molto ben congegnata per farci rimpiangere Mussolini (sì quello che ha debellato la Mafia e "faceva arrivare i treni in orario" e poi ha commesso l'ingenuità di promulgare leggi razziali in un mondo di Nazioni razziste contro le quali ha dichiarato la guerra facendoci bastonare)?

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 06/07/2014 - 16:49

evidentemente i cittadini ricevono + aiuto e considerazione da costui che dallo Stato che vedono come un mangiasoldi senza far nulla di concreto se non chiederne ancora e vessare i propri cittadini colpevoli soltanto di essere nati in Italia. Se i politici si interogassero sul perchè avvengono queste cose......

Ritratto di cable

cable

Dom, 06/07/2014 - 17:05

Manca il commento del finto 'padano originario' Roul Pontalti, proprio lui che apprezza più queste cose che le vicende che riguardano il Nord (O Nodde, come lo chiama lui..)

Ritratto di cable

cable

Dom, 06/07/2014 - 17:09

Raoul Bondaldi, ma niende digi di guesti inghini? Non gi fai sabere niende niende? Eddai, e barla..

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Dom, 06/07/2014 - 17:18

Commento a margine di @atlantide23: si porta rispetto alle ideologie, agli uomini, o alle classi, o alle categorie di uomini di cui si ha paura.

Corleone

Dom, 06/07/2014 - 17:24

Sarebbe bello non avere a che fare con i malavitosi,di qualsiasi genere,nello specifico caso della processione,secondo me si è ripetuto l'antico gesto sia per la vecchia usanza,sia per il cattivo esempio che danno alcuni politici e in parte anche la chiesa,sebbene il Papa scomunica i mafiosi,sicuramente a volte gli sbagli vengono fatti per ripicca..Se le leggi si applicassero con rispetto e dando possibilità di lavoro a tutti,credo che si eviterebbero tante cose brutte...

Alessio2012

Dom, 06/07/2014 - 17:58

Bergoglio attacca i mafiosi "moderati" per non disturbare i mafiosi potenti, quelli che stanno nei palazzi di giustizia.

Ritratto di Scassa

Scassa

Dom, 06/07/2014 - 18:07

scassa Domenica 6 luglio 2014 Questa mi mancava ,comunque ,al di la di polemiche ,non vedo cosa possa fare la magistratura . Ricordate il Concordato ? Libera Chiesa in libero Stato,o no ? Però quando si impedisce al Papa di parlare alla Sapienza a Roma,tra l'altro Ateneo costruito dalla Santa Sede ,quell'atto va bene ,vero ? La coerenza non appartiene a tutti ! Silvana Sassatelli .

Non so

Dom, 06/07/2014 - 18:14

... ma dov'è il problema? Se sono scomunicati cosa andrebbero a messa a fare?

turista

Dom, 06/07/2014 - 18:16

Questa è la realà. Prima di andarre in parlamento Europeo a fare il figo con tanto di discorsi sui Selfies e sulla necessaria rotamazione, Renzi dovrebbe tentare di tirare il proprio paese fuori dall'ignoranza medievale.

Giacinto49

Dom, 06/07/2014 - 18:21

Il cappellano, con tutto il rispetto, doveva solo celebrare la messa anche in assenza di partecipanti. Il buonismo, a tutti i livelli, non ha mai dato risultati apprezzabili.

gigetto50

Dom, 06/07/2014 - 18:26

....francamente io questo Papa non lo capisco....alle volte mi sembra tanto ingenuo...

gigi0000

Dom, 06/07/2014 - 18:31

Anch'io ho immediatamente esclamato: "Son proprio terroni!". Nessun razzismo, ma semplici constatazioni: l'Italia, come moltissime altri stati del mondo, è formata da un'accozzaglia di gente diversa, con lingue, abitudini, educazione, capacità ben diverse. Non m'interessa chi sia meglio e chi peggio, ma capire perché tantissimi fatti accadano di più in taluni territori di altri e siano quasi normali per alcuni, mentre facciano inorridire alcun'altri. Siamo diversi. Punto. L'unico rimedio possibile appare la regionalizzazione dei popoli con autodeterminazione e completa autonomia sulle proprie risorse e dalle decisioni prese altrove. Naturalmente la solidarietà, laddove necessaria, non mancherebbe, ma per la propria salvaguardia dovrebbe essere possibile rimpatriare gli alloctoni che delinquono e gli indesiderati (mafiosi a casa loro). Le decisioni dovrebbero essere prese da chi dimostrasse adeguato albero genealogico e non dagli ultimi arrivati. Quanti problemi in meno! Tutte le altre considerazioni sono fuffa.

michele lascaro

Dom, 06/07/2014 - 18:39

Perché le autorità di polizia, conoscendo i propri polli, non hanno fatto, prima, avvertenze precise?

buri

Dom, 06/07/2014 - 18:47

è inutile, neanche la scomunica li ferma, e poi la popolazione sta dalla parte dei delinquenti, dal prete in poi, sono tutti mafiosi, non ho mai votato per la lega, ma vedendo cosa è successo con il saluto della processione al boss, di certo la prossima volta voterò per Salvini

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Dom, 06/07/2014 - 18:56

...Ritenendosi colpiti da scomunica e, per tali ragioni disertato la messa, i detenuto si sono riconosciuti quali appartenenti alla mafia.

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 06/07/2014 - 18:59

Il fatto dimostra ampiamente lo scollamento della Chiesa dai suoi doveri spirituali, per immergersi in fatti sociali. Cosa che determina la mancanza di fiducia, verso di essa, da parte dei molti dei suoi fedeli. Ben inteso i mafiosi sono da condannare sia da parte delle esigenze di sicurezza della collettività sia da un punto di vista morale. Tuttavia la posizione della fede cristiana è stata sempre che si condanna il peccato ma non il peccatore. Cristo perdonò ai due ladroni che si trovavano sulla croce vicini a lui, perché costoro si pentirono, non si sognò minimamente di interferire nella giustizia di Pilato, giusta o sbagliata che fosse, sia nei confronti dei due ladroni che di Barabba che, addirittura, nei suoi. La sua stessa osservazione di dare a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio la dice lunga. Cristo si preoccupava unicamente dell’anima e non delle azioni terrene, giuste o sbagliate che fossero. La stessa protezione che i confessori danno a chi si è confessato, fosse anche il mostro di Firenze, nel non rivelare la sua colpa terrena a costo di finire in galera loro, lo dimostra. Eppure il Papa e i vertici ecclesiastici è ormai da tempo che s’infilano continuamente, e in maniera diretta, nelle vicende umane, interferendo non solo con lo Stato e i peccatori ma con lo stesso portato della loro fede. Quell'inchino ad un mafioso da parte della Madonna, anche se sbagliata dal punto di vista della collettività e di chi l’ha fatto eseguire, in realtà dal punto di vista della fede è corretto. Per la fede siamo tutti figli di Dio, onesti e peccatori, il giudizio spirituale arriva alla fine, se ci si pente e si rientra nelle grazie di Dio. Cristo a chi voleva lapidare la Maddalena disse di scagliare la prima pietra a chi non si fosse sentito in colpa. Fede che non ha niente a che fare con la giustizia di Cesare né con i vertici ecclesiastici. I vertici della Chiesa e molti suoi subordinati, non seguono più le tracce della loro stessa fede e la gente se ne accorge e finisce per allontanarsi da essa. Il lasciare peccare chi vuol peccare è un problema che riguarda unicamente il peccatore e non la Chiesa, al cui unico compito è demandato di guidare sulla corretta strada della fede le sue pecore. Minacciare addirittura di scomunica dei peccatori è fuori da qualsiasi regola. La scomunica era ed è riservata solo a coloro che vogliono stravolgere la fede di Cristo. Il Papa e i vertici della Chiesa farebbero bene a scomunicarsi da soli.

horus53

Dom, 06/07/2014 - 18:59

se le parole del papa non fossero state chiare nel diritto canonico esiste il rito della scomunica e anatema :praticamente Vescovo parato con amitto, stola, piviale nero o violaceo e mitra semplice, assistito da dodici preti in cotta, e tutti con in mano delle candele accese, siede sul faldistorio davanti all’altare maggiore, e qui pronuncia l’anatema contro la persona o la categoria di persone che infrangono pervicacemente la legge di Cristo. ve lo immaginate lo straordinario peso morale di questo gesto con papa Francesco che esegue questa liturgia in piazza San Pietro davanti alle tv mondiali e scomunica definitivamente quei mascalzoni , idolatri senza Dio???? eppoi voglio vedere se esisterà un prete ancora capace di far inchinare la Madonna davanti a lui.... mi sa che sono un illuso!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Dom, 06/07/2014 - 19:01

Sono sicuro che se i malavitosi se si rivolgeranno alla Camusso, il Papa tornerà indietro sulla decisione di scomunicarli!

Ritratto di pediculus

pediculus

Dom, 06/07/2014 - 19:06

Ahia, ...la Chiesa che è tanto impegnata! ... Ma dove, ma quando ? E' forse una battaglia fra mafie ? Poveri italiani !

Ritratto di laghee100

laghee100

Dom, 06/07/2014 - 19:12

... siamo sicuri che i sindaci di quella parte non facciano anche loro l'inchino ai capi mafia ? e magari tutti i giorni e non solo quando c'è la processione !

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Dom, 06/07/2014 - 19:23

Un gesto che dimostra lo sfacelo dell'italia ormai siamo in mano a dei faccendieri che sono buoni a chiacchierare e basta.Vediamo ora se il governo con il ministro Alfano, altro incapace prenderà provvedimenti verso le autorità presenti,oppure saranno puniti i carabinieri che hanno subito l'affronto.via quei politici che vigliaccamente si sino inchinati qualsiasi coloro essi abbiano politicamente

Ritratto di falso96

falso96

Dom, 06/07/2014 - 20:05

Se Dell'Utri è stato arrestato per Il reato di [ concorso esterno in associazione mafiosa ] questo gesto di che cosa si tratta??? Mi aspetto che lo stesso giudice si dia una mossa contro il prete e i portantini!!! ... VEDERE LA "MADRE DI DIO" INCHINARSI .... sarà mica mafiosa anche lei? oppure questo giudice è solo un antiDell'Utri e basta.

NON RASSEGNATO

Dom, 06/07/2014 - 20:10

I mafiosi non vanno a messa? e chi se ne frega!!!!

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 06/07/2014 - 20:14

Il fatto dimostra ampiamente lo scollamento della Chiesa dai suoi doveri spirituali per immergersi in fatti sociali. Cosa che determina la mancanza di fiducia, verso di essa, da parte dei molti dei suoi fedeli. Ben inteso i mafiosi sono da condannare sia da parte delle esigenze di sicurezza della collettività sia da un punto di vista morale. Tuttavia la posizione della fede cristiana è stata sempre che si condanna il peccato ma non il peccatore. Cristo perdonò ai due ladroni che si trovavano sulla croce vicini a lui, perché costoro si pentirono, non si sognò minimamente di interferire nella giustizia di Pilato, giusta o sbagliata che fosse, sia nei confronti dei due ladroni che di Barabba che, addirittura, nei suoi. La sua stessa osservazione di dare a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio la dice lunga. Cristo si preoccupava unicamente dell’anima e non delle azioni terrene, giuste o sbagliate che fossero. La stessa protezione che i confessori danno a chi si è confessato, fosse anche il mostro di Firenze, nel non rivelare la sua colpa terrena a costo di finire in galera loro, lo dimostra. Eppure il Papa e i vertici ecclesiastici è ormai da tempo che s’infilano continuamente e in maniera diretta nelle vicende umane, interferendo non solo con lo Stato e i peccatori ma con lo stesso portato della loro fede. Quell’inchino ad un mafioso da parte della Madonna, anche se sbagliato dal punto di vista della collettività e di chi l’ha fatto eseguire, in realtà dal punto di vista della fede è corretto. Per la fede siamo tutti figli di Dio, onesti e peccatori, il giudizio spirituale arriva alla fine, se ci si pente e si rientra nelle grazie di Dio. Cosa che non ha niente a che fare con la giustizia di Cesare né con i vertici ecclesiastici. I vertici della Chiesa e molti suoi subordinati, non seguono più le tracce della loro stessa fede e la gente se ne accorge e finisce per allontanarsi da essa. Il lasciare peccare chi vuol peccare è un problema che riguarda unicamente il peccatore e non la Chiesa, al cui unico compito è demandato di guidare sulla corretta strada della fede le sue pecore. Minacciare addirittura di scomunica, dei peccatori, è fuori da qualsiasi regola. La scomunica era ed è riservata solo a coloro che vogliono stravolgere la fede di Cristo. Il Papa e i vertici della Chiesa farebbero bene a scomunicarsi da soli.

bernaisi

Dom, 06/07/2014 - 20:23

Ma adesso non possono prendere quei preti presenti e cacciarli a calci in culo e smettere di fare queste pagliacciate visto che non si può stare nell'ambito della fede ?

ghorio

Dom, 06/07/2014 - 20:37

Abbasso i mafiosi e i cosiddetti "ndranghitisti"

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Dom, 06/07/2014 - 21:09

Cari Mafiosi rivolgetevi alla Camusso, ci penserà lei ad intercedere con Papa Furbesco per fargli revocare la scomunica che ha lanciato contro di Voi. Dopo tutti i quattrini che continuate a regalare a Preti, Vescovi e Cardinali sarebbe incomprensibile un simile provvedimento. E poi i quattrini dove li andrebbero a prendere? Il Vaticano crede forse che provvederanno Franceschini o Rosy Bindi per assicurarsi anche loro la sepoltura in qualche importante Basilica romana????? Suvvia, non scherziamo!!!

Linucs

Dom, 06/07/2014 - 21:39

"Da Italiano ammalato di sviscerato amore per la propria Patria mi chiedo..." Se c'è una cura, e la troverà sicuramente nel proprio passaporto.

Linucs

Dom, 06/07/2014 - 22:01

Menghia! I minchiamorta hanno fatto sciopero della messa! NotiZZiona!

atlantide23

Dom, 06/07/2014 - 23:18

Bene, che non vadano a Messa....chi se ne frega ?Il Papa ha fatto bene a scomunicare questa teppaglia, senza Dio, senza pieta', senza rispetto se non per un altro dio: il denaro. Pero' il Papa dovrebbe scomunicare un sacco di altre persone che non sono in galera, pur essendo rapinatori spietati.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 07/07/2014 - 00:01

Sarebbe stato compito del parroco del paese SCEGLIERE COLORO CHE DOVEVANO PORTARE LA MADONNA. Se non l'ha fatto vuol dire che anche lui è succube di quel delinquente che evidentemente comanda ancora il paese malgrado sia stato condannato all'ergastolo.

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Lun, 07/07/2014 - 07:22

ecco dove li ha presi i voti pinocchietto, immigrati, gay e mafiosi. Oltre naturalmente le varie caste intoccabili. Che ci vuole è un bel facilissimo oggi più che mai. Auguri Italia!

atlantide23

Lun, 07/07/2014 - 07:28

Ma scusate,di quale "sciopero della Messa " parlate ? Sono mafiosi? Sono stati scomunicati dal Papa ? ( e ancora sono fortunati! ) .Quindi, che io sappia, non andare a Messa e' normale. Questa volta si' , mi sembra che la stampa stia dando troppa visibilita' a un fatto che e' automatico...Sono ladri, ricattatori, assassini,rapinatori, gente senza rispetto per gli onesti, personaggi senza Dio , esseri per i quali conta solo il denaro e il potere (no...no... non vorrei che vi confondeste ,non mi riferisco alle nostre CASTE!! ) Non vanno a Messa? PER ME DEVONO ANDARE AL DIAVOLO !

rossini

Lun, 07/07/2014 - 07:35

L'Italia sta affondando. La disoccupazione è ai massimi storici. Non ci sono soldi per pagare la CIG, i debiti dello Stato e le pensioni. Lavoriamo fino al 29 settembre di ogni anno per pagare le tasse. E perdiamo tempo per commentare una puttanata del genere? Una Statua si è fermata davanti all'abitazione di un vecchio mafioso morente; e allora? Occupiamoci di cose serie. Stiamo affogando!

Ritratto di Manieri

Manieri

Lun, 07/07/2014 - 07:43

Quando mafia ed istituzioni erano una sola cosa i preti non la nominavano nemmeno, adesso che la mafia alle istituzioni non serve più, è diventata il demonio. Ora i silenzi della Chiesa coprono nuove realtà colluse con il potere, peggiori della mafia.

colapesce

Lun, 07/07/2014 - 08:15

nel paese delle meraviglie la realta e finzione e viceversa , come le prediche , come i riti , il papa parla , viene applaudito ma è una finzione nel senso che non ci crede nessuno ......

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 07/07/2014 - 08:25

Cari Mafiosi rivolgetevi alla Camusso, ci penserà lei ad intercedere con Papa Furbesco per fargli revocare la scomunica che ha lanciato contro di Voi. Dopo tutti i quattrini che continuate a regalare a Preti, Vescovi e Cardinali sarebbe incomprensibile un simile provvedimento. E poi i quattrini dove li andrebbero a prendere? Il Vaticano crede forse che provvederanno Franceschini o Rosy Bindi per assicurarsi anche loro la sepoltura in qualche importante Basilica romana????? Suvvia, non scherziamo!!!

CARLINOB

Lun, 07/07/2014 - 08:39

Da Berlusconi . . in avanti hanno comandato loro !! Ora che l'Italia sopravvive con gran parte dei loro capitali è chiaro che vopgliono comandare . E con il fatto che il pregiudicato ha affondato d'insulti l'autorità della Magistratura che giudica in nome del Popolo Italiano aggiugo per bene , ora i mafiosi lavorano in modo esplicito e palese . Presto Reina e company affiancheranno il Pregiudicato per modificare ed aggiornare ala Ns Cpstotuzione !! M è ovvio !!

Ritratto di Blent

Blent

Lun, 07/07/2014 - 08:50

forse hanno ragione a omaggiare i mafiosi da come stanno le cose sembrano meno peggio che lo stato.

venessia

Lun, 07/07/2014 - 08:50

mi chiedo perchè una processione non possa fermarsi davanti alla casa del mafioso. A maggior ragione se fossi un prete farei fermare una processione davanti al carcere di Larino. Forse è intenzione del Sacerdote far rinsavirei i mafiosi con l'aiuto della Madonna, Informazione ipocrita, Alfano ipocrita,"scherza con i fanti lascia stare i santi"

Ritratto di Azo

Azo

Lun, 07/07/2014 - 09:14

Non dò tutte le colpe a queste popolazioni DIMENTICATE DA DIO STESSO. I governanti, locali, provinciali e statali, hanno agevolato queste BANDE-MAFIOSE, hanno dato loro la forza di ingrandirsi ed ora fanno finta di combatterle. Non abbiamo ancora capito, che la VERA MAFIA SI È INRADICATA AL GOVERNO CON I SIMBOLI " PD , PSI , E PCI ", Possiamo costatare che dal dopoguerra in qua, questi 3 partiti, hanno combiato spesso la sigla, ma AL COMANDO SONO RIMASTE LE STESSE PERSONE. Tutta gente corrotta che della popolazione SE NE FREGA E PIAN PIANO STA ROVINANDO IL PAESE, ( ma, NON IL LORO CONTO IN BANCA ).

atlantide23

Lun, 07/07/2014 - 14:39

CARLINOB le ricordo che la trattativa stato-mafia, e' avvenuta PRIMA che Berlusconi si affacciasse in politica....Prima di scrivere minchiate, si documenti un minimo...E le ricordo che il vostro presidente sinistro, tale napolitano, MOLTO ...MA MOLTO INFORMATO SUI FATTI, si e' RIFIUTATO DI presentarsi davanti ai magistrati che volevano interrogarlo. E gli asini raglianti li rendi felici con il bunga bunga!

Alessio2012

Lun, 07/07/2014 - 14:49

Fossi il Papa avrei scomunicato i magistrati... così sì che avrei dimostrato di avere gli attributi... Che ci vuole a condannare chi è già condannato?

tonipier

Dom, 13/07/2014 - 09:18

" MA QUALE INCHINO" Oggi per sopravvivere altro che inchino devi fare a questi marpioni delle istituzioni .... chi ADORA è mafioso,chi DISONORA porta la toga questo non si dice. Le parole del PAPA non sono sufficiente per fermare questa piaga allargatosi in diverse DIOCESI, tipo esempio quella di NOVARA, ALTRO che CALABRIA.... ci sarebbe da mettersi le mani nei capelli. / MA NESSUNO FA NIENTE,NON SI MUOVE NEMMENO UNA FOGLIA, LA CORRUZIONE NON SI CHIAMA SOLO CALABRIA,questi onesti filabustieri vanno a braccetto con i marpioni delle ISTITUZIONI..prendersela con la CALABRIA.. troppo facile inguaiare una REGIONE con la scusa dell'inchino.(BISOGNA ANDARE OLTRE.( CHI SI INFILA NELLA MISCHIA?).( chiudo alla buona,per chiarimenti, sono sempre disponibile.)tonipier

tonipier

Dom, 13/07/2014 - 09:19

" MA QUALE INCHINO" Oggi per sopravvivere altro che inchino devi fare a questi marpioni delle istituzioni .... chi ADORA è mafioso,chi DISONORA porta la toga questo non si dice. Le parole del PAPA non sono sufficiente per fermare questa piaga allargatosi in diverse DIOCESI, tipo esempio quella di NOVARA, ALTRO che CALABRIA.... ci sarebbe da mettersi le mani nei capelli. / MA NESSUNO FA NIENTE,NON SI MUOVE NEMMENO UNA FOGLIA, LA CORRUZIONE NON SI CHIAMA SOLO CALABRIA,questi onesti filabustieri vanno a braccetto con i marpioni delle ISTITUZIONI..prendersela con la CALABRIA.. troppo facile inguaiare una REGIONE con la scusa dell'inchino.(BISOGNA ANDARE OLTRE.( CHI SI INFILA NELLA MISCHIA?).( chiudo alla buona,per chiarimenti, sono sempre disponibile.)tonipier