Caldo, anche le mucche soffrono: meno 10% di latte prodotto

È l'allarme lanciato dalla Coldiretti che sottolinea gli effetti del super anticiclone africano Flegentonte che si stanno facendo sentire soprattutto nelle aree della pianura padana

L'ondata di caldo che sta infuocando l'Italia non mette a dura prova solo le persone. Anche gli animali nelle case e nelle fattorie sono in sofferenza. Lo stress da caldo ha colpito le mucche che, a cusa delle alte temperature, stanno producendo fino al 10 per cento di latte in meno rispetto ai periodi normali. È l'allarme lanciato dalla Coldiretti che sottolinea gli effetti del super anticiclone africano Flegentonte che si stanno facendo sentire soprattutto nelle aree della pianura padana dove si concentra il maggior numero di allevamenti e dove l'umidità soffocante aumenta la temperatura percepita che sfiora i 40 gradi.

"Per le mucche - riferisce la Coldiretti - il clima ideale è fra i 22 e i 24 gradi, oltre questo limite gli animali mangiano poco, bevono molto e producono meno latte. In soccorso sono già scattate le contromisure anti afa nelle stalle dove gli abbeveratoi lavorano a pieno ritmo perchè ogni singolo animale è arrivato a bere con le alte temperature di questi giorni fino a 140 litri di acqua al giorno contro i 70 dei periodi più freschi. In funzione anche ventilatori e doccette refrigeranti per aiutare a sopportare meglio la calura. Al calo delle produzioni di latte si aggiunge dunque anche - conclude la Coldiretti - un aumento dei costi alla stalla per i maggiori consumi di acqua ed energia che gli allevatori devono sostenere per aiutare gli animali a resistere all'assedio del caldo."

Commenti

moshe

Lun, 06/07/2015 - 14:03

Considerato che, grazie al nostro governo, importiamo già più del 50% del latte che consumiamo, non avremo certo problemi ad aumentare la quota di importazione!!!

19gig50

Lun, 06/07/2015 - 15:46

Che gli frega a quelli che ci governano se le nostre mucche fanno meno latte. Tanto loro per sudditanza a questo schifo d'europa vogliono che sia consumato il latte in polvere prodotto da chi e chi sa con cosa.

titina

Lun, 06/07/2015 - 16:33

ecco perchè , i parlamentari previdenti, hanno deciso di rifilarci il latte in polvere nei latticini !Se li mangino loro

Raoul Pontalti

Lun, 06/07/2015 - 17:01

Il clima ideale per le bovine da latte corrisponde alla temperatura di 15°C e comunque nell'intervallo 10-18 °C al di sopra e al di sotto di quell'intervallo l'animale dissipa energia per rispettivamente disperdere o produrre calore. A temperature elevate aumenta anche l'ingestione di acqua. Il rimedio al caldo: in zone umide doccette e ventilatori, basta dotarsene. Altro rimedio gestionale: vacche in asciutta in luglio e agosto. Importante anche la valutazione del THI o indice di stress termico che deve essere compreso idealmente tra 64 e 72, valori incompatibili con le temperature date dalla Coldiretti nell'articolo come ideali. Sulle elucubrazioni dei bananas: il latte lo importiamo perché quello estero costa meno e spesso è anche migliore. Ricordiamoci che sono state abolite le quote latte....