La cannabis aumenta l'ansia? Falso. Ma può portare all'alcolismo

Un nuovo studio prova a confutare una teoria molto diffusa. Ma i cannabinoidi possono portare ad altri problemi

Sugli effetti, positivi o negativi che siano, dell'assunzione di cannabis, si discute da tempo, a suon di ricerche che puntano una volta per tutte a diradare la nebbia su un tema molto controverso, ma che spesso sono in realtà in contraddizione tra di loro.

L'ultimo studio di questo tipo, pubblicato sulla rivista Jama Psychiatry e realizzato da alcuni ricercatori della Columbia University, sostiene che chi metta in relazione l'assunzione di cannabinoidi e l'ansia sbagli, ma non si limita a dire questo, aggiungendo che chi ne fa uso regolare può incorrere in altri problemi, non da poco.

Lo studio, realizzato su un campione di 35.000 adulti negli Stati Uniti, ha fatto emergere che depressione e ansia non sarebbero collegati in nessun modo alla cannabis, ma anche che i consumatori hanno tre volte più probabilità di sviluppare problemi con l'alcool e due volte di più con il fumo.

Si tratta insomma di "una maggiore vulnerabilità a sviluppare un disturbo nell'uso di alcol, anche tra coloro che non hanno alcuna storia di questo tipo".

Commenti
Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 22/02/2016 - 13:46

Mi sembra una colossale sxxxxxxxa questo studio. Trovo abbastanza ovvio che chi di suo è già abbastanza indulgente ad un vizio (qualunque esso sia ivi compreso quello dell'uso di cannabis) lo sia anche nei confronti di altri. Se è per questo ci sono anche studi che dicono che chi fuma (normalissimo tabacco) con maggiore probabilità eccederà anche con l'alcol....

tzilighelta

Lun, 22/02/2016 - 14:22

Tre volte in più del fumo due volte in più dell'alcol poi fai una giravolta falla un'altra volta e vattene affantulo assiane a tutti gli studiosi di questa mega boiata!

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 22/02/2016 - 15:05

....l'unica cosa certa ...che non è neppure più oggetto di studio tanto è palesemente conclamata--è l'enorme ricchezza che la criminalità organizzata realizza dalla vendita di queste sostanze-prosit

bruno.amoroso

Lun, 22/02/2016 - 15:07

l'unica cosa certa è che proibirlo fa guadagnare le mafie, oltre a immettere sul mercato un prodotto tossico. Bisogna consentire l'autoproduzione e la vendita regolamentata (e tassata)

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 22/02/2016 - 15:29

bruno.amoroso---telepatia o cosa? lol

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 22/02/2016 - 17:11

Emerge molto chiaramente una cosa. La cannabis non produce né depressione né ansia. Il giorno che si smetterà di essere ipocriti si farà caso al fatto che si combattono battaglie indicibili per mantenere la cannabis nel novero delle "cose proibite" (riempiendo le tasche della criminalità organizzata) e si tollera tranquillamente l'uso dell'alcol che invece è sempre e comunque tossico per l'organismo e conduce, lui si, a depressione e ansia. Se qualcuno è curioso vada a cercare in internet come e perché la marjuana è diventata l'erba del diavolo. E' molto istruttivo per capire il mondo moderno.

joecivitanova

Mar, 23/02/2016 - 02:11

L'unica cosa scientificamente provata è che almeno da quarant'anni i medici sanno benissimo che la cannabis fa male e distrugge le cellule celebrali, oltre, ovviamente, ad aver analizzato che tutti quelli che credono di aver capito il contrario, scientificamente non potranno capire che quello..!!.. G.