Canton Ticino contro Islam: a Chiasso primo caso di burkini vietato in piscina

Nel lido della nota città di confine, l'amministrazione ha impedito a una donna musulmana, vestita con il costume integrale, di entrare in acqua. Ma gli svizzeri temono che l'invasione prenda il largo a partire dagli stabilimenti lacustri

La polemica sul burkini sta facendo rumore anche a Chiasso, nel Canton Ticino, dove l'amministrazione locale ha detto no al costume integrale islamico.

Nella città che sorge sul confine italo-elvetico vicino a Como, i gestori del bagno comunale hanno vietato a una donna musulmana, che si è presentata presso lo stabilimento lacustre completamente bardata dalla testa ai piedi, di entrare nella vasca. In realtà, il caposervizio ha chiarito che l'interdizione non riguardava tanto il burkini in sé, quanto il fatto che, in generale, non è consentito nuotare vestiti per motivi igienici, quindi neppure con indosso una semplice maglietta. Lo stesso regolamento vige qualche chilometro più in là, nella piscina pubblica di Bellinzona.

Leggi meno rigorose a Locarno, dove il controverso costume per donne musulmane viene tollerato in quanto ritenuto un completo da bagno alla stregua di quelli occidentali. Anche a Lugano i divieti valgono ma solo fino a un certo punto, tanto che a una cliente di fede islamica non è stato impedito di sguazzare in acqua indossando il burkini. Tuttavia il malcontento degli svizzeri si sta levando di lido in lido e le prime segnalazioni dei bagnanti ai gestori sono sintomatiche: il timore è che l'Islam, a partire dal costume 'total body' di marchio arabo, prenda il largo persino nel blindatissimo Canton Ticino.

Commenti
Ritratto di BenFrank

BenFrank

Lun, 22/08/2016 - 20:08

Annettiamoci alla confederazione svizzera!

piardasarda

Lun, 22/08/2016 - 20:08

al mare indossino pure ciò che vogliono, in piscina è una questione di igiene.

carlottacharlie

Lun, 22/08/2016 - 20:22

Gli svizzeri hanno ragione. I beduini cercano in ogni modo d'imporre e non vogliono integrazione. Mettiamoci anche che per loro la religione e' legge e si capisce dove vogliono arrivare.

Gabriele184

Lun, 22/08/2016 - 20:33

In piscina no, grazie, soprattutto per questioni igieniche! In Francia, ad esempio, in piscina sono consentiti esclusivamente slip: così è, e così deve essere in tutte le piscine pubbliche!

19gig50

Lun, 22/08/2016 - 20:37

Non mettete foto di ragazze carine, tra le beduine ci sono dei cessi paurosi.

Ritratto di nando49

nando49

Lun, 22/08/2016 - 20:56

Tutti paesi europei mettono "paletti" per evitare di essere sopraffatti dalle usanze islamiche. Tranne in Italia dove ogni giorno le più alte cariche dello Stato non percono occasione per fare dichiarazioni che alimentano l'arrivo di immigrati.

leserin

Lun, 22/08/2016 - 21:14

Se,poi è buon senso, in piscina si accede in costume da bagno, e si fa la doccia prima di entrare. Vestiti non è possibile. Punto.

Ticinese

Lun, 22/08/2016 - 22:00

No no…non prendera` piede nel Canton Ticino, perche` noi, non gli lasceremo fare come vogliono…Capito?? Parliamoci chiaro, la loro religione come tutte le altre (questo e` il mio parere) vanno praticate in casa propria, intendo la tua propria casa e non la Nazione. E poi, da quando si fa il bagno vestiti???

CesareGiulio

Mar, 23/08/2016 - 09:40

In tutti i casi... ma che idiozia il Burkini... dettame di una razza di maschi frustrati e possessivi...la libertà é imprescindibile!!