Carabiniere arresta tunisino sotto effetto di droghe

Un carabinierie, all'uscita dalla messa, arresta un tunisino irregolare sotto effetto di sostanze stupefacenti: il giovane stava fuggendo da un posto di blocco

Era da poco finita la funzione religiosa quando il carabiniere ha sentito le sirene di una volante. Il militare, libero dal servizio, è uscito di corsa in strada giusto in tempo per assistere ad uno scontro fra un'automobile e uno scooter. Il motociclista che ha causato l'incidente, un 34enne tunisino irregolare sul territorio italiano senza fissa dimora e con precedenti penali, ha quindi provato a darsi alla fuga.

Il militare, vedendolo, si è quindi qualificato cercando di fermalo. Ne è nata una colluttazione, nella quale il tunisino ha colpito il carabiniere alla caviglia nel tentativo di darsela a gambe ma, il militare, non si è lasciato fermare e lo ha atterrato, bloccandolo.

Sul posto, oltre alla polizia, sono arrivate anche due pattuglie dei carabinieri. Il nordafricano infatti, prima dello scontro, aveva saltato un posto di blocco a pochi metri dalla piazza nella quale si è poi consumato l'incidente. Il 34enne è stato così trasportato al pronto soccorso dove ha ricevuto le cure mediche in seguito alle ferite riportate nella collisione con la vettura, dopodiché è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate; il giudice ne ha quindi diposto la custodia in carcere.

Infine l’uomo, risultato positivo alla test per la cocaina, è stato deferito in stato di libertà dalla polizia locale di Carrara per guida in stato di alterazione dovuta all’assunzione di sostanze stupefacenti. Uleriori accertamenti hanno poi permesso di accusarlo anche per il reato di ricettazione in quanto, il mezzo su cui viaggiava, è risultato essere stato rubato il giorno precedente a La Spezia.