Carcere San Gimignano, ipotesi reato di tortura: sospesi 4 agenti

Il Ministero della Giustizia sospende quattro poliziotti penitenziari. Le accuse sono di minacce, lesioni aggravate, falso ideologico commesso da un pubblico ufficiale e tortura

Svolta nell'inchiesta della procura di Siena che ha interessato 15 poliziotti penitenziari in servizio presso il carcere di San Gimignano: il Ministero della Giustizia - Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria ha provveduto all'immediata sospensione di quattro poliziotti penitenziari destinatari di provvedimento di interdizione da parte dell’autorità giudiziaria. In una nota si legge che il Dap prevede "doverose valutazioni disciplinari" per i 15 che hanno ricevuto l'avviso di garanzia.

Le indagini

Si tratta di un'indagine "complessa e delicata" - nata in seguito a diverse segnalazioni di alcuni detenuti - in collaborazione con la stessa Polizia Penitenziaria riguardante presunti maltrattamenti ad opera di agenti in servizio presso la casa di reclusione in questione. Gli agenti durante le percosse avrebbero gridato: "Tornatene al tuo Paese". Le accuse formulate dalla Procura di Siena vanno dalle minacce alle lesioni aggravate, al falso ideologico commesso da un pubblico ufficiale, alla tortura. Il riferimento è a un episodio di pestaggio ai danni di un tunisino.

Il Dap, nell'avviare l'iter dei provvedimenti amministrativi di propria competenza, ha approfittato per esprimere "la massima fiducia nei confronti dell'operato e della professionalità degli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria che svolgono in maniera eticamente impeccabile il loro lavoro". Il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria ha ribadito infine di confidare "in un accurato e pronto accertamento da parte della magistratura".

Commenti
Ritratto di anticalcio

anticalcio

Dom, 22/09/2019 - 12:30

ecco le leggi delle sinistre!! il reato di tortura...come nel congo,dove si pratica a tutt'oggi il cannibalismo??? sx...ridecoli!! Guardate quante agenti delle forze dell'ordine vanno al pronto soccorso al giorno....

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Dom, 22/09/2019 - 13:45

Al Tg hanno detto che la denuncia è partita da un gruppo di detenuti mafiosi e camorristi. Quanto di più affidabile!

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Dom, 22/09/2019 - 14:46

Perché le accuse di presunti pestaggi di detenuti arrivano spesso da parte di magrebini di origine tunisina o marocchina? Perché i residenti nei centri di espulsione che scatenano incendi e risse sono quasi sempre magrebini di origine tunisina e marocchina? Perché una parte di questi magrebini di origine tunisina o marocchina, senza alcuna legittimità di essere in Italia, una volta che ci entrano piantano casini a non più finire? Non sarebbe giusto analizzare il fenomeno e capire perché una parte di questi stranieri magrebini di origine tunisina o marocchina agiscono in questo modo? C'é forse qualcuno, dietro di loro, che ne fa degli strumenti ad uso e consumo della politica terzomondista?

aswini

Dom, 22/09/2019 - 15:14

chi intona bandiera rossaeicentri sociali potranno credere a questa balla creata ada arte, il resto degli italiani no.Qelloche mifa specie + che le forze armate hanno il coltello dalla parte del manico,ma non lo capiscono? inziate a rifiutare la scorta ai parassiti

killkoms

Dom, 22/09/2019 - 18:23

storia sicuramente montata!