Caserta, arrestato sacerdote di Trentola Ducenta: molestava una bimba di 11 anni

La piccola ha registrato con il suo telefonino le frasi choccanti pronunciate durante gli incontri tenuti con il prete nella parrocchia

È accusato di aver molestato una bambina di 11 anni il sacerdote Michele Mottola, arrestato dagli agenti del commissariato di polizia di Aversa, nel Casertano. Il parroco di Trentola Ducenta è finito in manette questa mattina; le prove nei suoi confronti sembrano essere schiaccianti, poiché ad incastrarlo è stata proprio la piccola. L’11enne ha registrato con il suo telefonino gli incontri con il prete avvenuti nella parrocchia, un elemento che ha permesso alla procura di arrestare don Michele.

“Non mi devi più toccare, lasciami stare”, le parole della bambina, a cui seguono quelle del sacerdote che dice: “È solo un gioco, stati tranquilla, non facciamo nulla di male”. Frasi choccanti, ascoltate anche dal vescovo di Aversa Angelo Spinillo alcuni mesi fa, che ha subito sospeso il parroco. Il cerchio si è chiuso con l'incidente probatorio, l'udienza che si svolge in camera di consiglio senza la presenza del pubblico, che ha messo vittima e carnefice uno di fronte all'altro; la bambina ha confermato che gli abusi andavano avanti da tempo, mentre don Michele si è difeso asserendo che la minore stava diceva bugie. La vicenda aveva avuto una risonanza mediatica notevole, finendo anche in televisione, nella trasmissione Mediaset delle Iene, che ha intervistato i genitori dell’11enne.

Dopo il programma, la diocesi di Aversa ha inoltrato un comunicato stampa nel quale ha chiarito alcuni particolari sull’accaduto. Il vescovo ha evidenziato che la sospensione disciplinare cautelativa, in attesa di procedimento giudiziario canonico è stata emanata nel giorno immediatamente successivo alla segnalazione dei fatti, presentati da un gruppo di alcuni fedeli che hanno accompagnato la mamma della minore in diocesi. “A seguito della segnalazione e dell’immediata sospensione del sacerdote – si legge nella nota – la diocesi ha fornito ai familiari della minore la propria collaborazione affinché fosse sporta anche regolare denuncia alle autorità giudiziarie”. Il vescovo Spinillo ci ha tenuto a precisare anche che “attualmente al sacerdote non è permesso celebrare pubblicamente o avere contatto di tipo pastorale con nessun gruppo di fedeli”.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

Commenti

Fjr

Ven, 08/11/2019 - 14:43

Galera!!fine della storia

Ritratto di Leo Vadala

Leo Vadala

Ven, 08/11/2019 - 16:29

La notizia deve essere vera. Tanto per cambiare, ci sono nomi e cognomi.

Ritratto di roberta martini

roberta martini

Ven, 08/11/2019 - 16:39

Se li mandassero a lavorare non avrebbero tempo per cose strane!!!!

agosvac

Ven, 08/11/2019 - 17:43

Ci sono quelli che vogliono i fasulli e quelli che molestano le bambine. Per fortuna ce ne sono ancora di quelli che svolgono con abnegazione il loro sacerdozio.

Trinky

Ven, 08/11/2019 - 18:27

Un altro fratello che ha sbagliato........

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 08/11/2019 - 18:36

Poi difendono anche i clandestini che delimnquono? Comunque la molestia sui minori è un reato grave da punire in modo serio.

baronemanfredri...

Ven, 08/11/2019 - 18:43

SE E' COLPEVOLE DICO QUESTO PORCO MAGARI ELOGIA I CxxI IN ARIA

Giorgio Rubiu

Ven, 08/11/2019 - 19:48

@ agosvac 17:43 - Purtroppo un a mela marcia può indurre a generalizzare e pensare che tutte le mele siano marce. Per fortuna non è così!

routier

Ven, 08/11/2019 - 19:51

Si usa dire che in un cesto di mele sane non è poi così difficile trovarne una marcia tuttavia stando alle cronache, nell'ambiente clericale le mele bacate cominciano ad essere troppe.

Ritratto di PollaroliTarcisio

PollaroliTarcisio

Ven, 08/11/2019 - 20:18

Sarei curioso cosa di ascoltare le frasi nelle registrazioni: forse "Questo è il corpo di Cristo, offerto in sacrificio per te, piccolina"?

Ritratto di pulicit

pulicit

Ven, 08/11/2019 - 20:49

Se lo facesse a una mia figlia o nipotina potrei ucciderlo con le mie mani.Regards

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Ven, 08/11/2019 - 20:50

La cosa più allucinante è che a quanto si legge la ragazzina è stata costretta a registrare perché i suoi stessi familiari non le avevano creduto. Pazzesco...

ziobeppe1951

Ven, 08/11/2019 - 20:59

Chi sono io per giudicare

brunog

Ven, 08/11/2019 - 21:13

La sessualita' fa parte della natura umana, la proibizione e la negazione da parte della Chiesa e' un reato contro natura. E le conseguenze ci sono e molto serie.

Giorgio5819

Ven, 08/11/2019 - 21:13

Questo va appeso per le palle in piazza...

Ritratto di luogotenente

luogotenente

Ven, 08/11/2019 - 22:06

Una mela marcia? Una? Tra scandali economici, banchieri impiccati sotto un ponte di Londra, cardinali americani dalla finanza fantasiosa, cardinali con appartamenti rimessi a nuovo con fondi di ospedale, monsignori che fanno coming out presentando il fidanzato al pubblico, lobby di preti gay nella chiesa di Cristo, novizi che devono difendere il deretano perfino nei seminari, due casi recenti di monache incinta, figuriamoci poi conventi di suore irlandesi i qui orti e giardini sono cimiteri di infanti, preti pedofili ed infine cardinali e papi santi subito che coprono il tutto con un bel manto bianco. Sorvolo su quanto succedeva negli orfanotrofi diretti da preti nei secoli scorsi. A questo punto mi pare che ci sia da chiedersi se nel frutteto, non nel cesto, ci sia almeno una mela sana.

sparviero51

Sab, 09/11/2019 - 08:34

QUANDO SI HANNO IN MANO PROVE COSÌ SCHIACCIANTI IL SOGGETTO ANDREBBE SEMILINCIATO E POI DENUNCIATO ALLA MAGISTRATURA !!!