Offeso sulla chat va al campo di calcio e spara

A denigrare il 48enne, pregiudicato di Casal di Principe per reati contro il patrimonio, che ha esploso il colpo di pistola, però era stata un’altra persona. L’uomo ha sbagliato bersaglio

È successo tutto in una notte: si reca al campo di calcio con una pistola e spara, ferendolo gravemente, un uomo di 40 anni. Il motivo del gesto è da ricondurre alle offese ricevute su un gruppo WhatsApp, creato proprio per commentare i tornei amatoriali di calcio a cinque. Quelle parole scritte in chat non gli erano piaciute per nulla e ha deciso di vendicarsi.

A denigrare il 48enne che ha esploso il colpo di pistola, pregiudicato di Casal di Principe, nel Casertano, per reati contro il patrimonio, però era stata un’altra persona. L’uomo ha sbagliato bersaglio, mandando in ospedale, in condizioni gravi, l’amico della vittima designata, che aveva fatto da scudo, nel tentativo di difendere il compagno, rimanendo colpito all’addome.

Trasportato d’urgenza alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno il 40enne lotta tra la vita e la morte in sala rianimazione. L’uomo di 48 anni che ha sparato, invece, è accusato di tentato omicidio, è stato arrestato dai carabinieri di Casal di Principe e condotto nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

Commenti
Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 12/09/2019 - 11:52

in un altra cronaca,dicono:il GIP vedra' se convalidare il fermo o meno..quindi,ricapitoliamo:tentato omicidio,pregiudicato,arma con matricola limata..e dicono;:verra' convalidato il fermo?? ecco la "giustizia" all'italiana..quella garantista delle sinistre