Caserta, Onlus non paga l'affitto, il comune la mette alla porta

I ritardi nei pagamenti si sono accumulati, così come i numerosi solleciti, rimasti inascoltati: il comune decide di mettere in atto lo sfratto e di riprendere il controllo dello stabile in gestione dal 2016 alla associazione "Il Girasole"

Vista la morosità nei confronti del comune di Caserta, la Onlus "Il Girasole" subisce lo sfratto.

Come riportato da "CasertaToday", l'ordinanza è arrivata nei giorni scorsi, a causa delle inadempienze contrattuali da parte della stessa associazione. Si fa riferimento, per la precisione, ad un complesso di proprietà del comune nella frazione Vaccheria, che fin dal 2016 si trovava sotto la gestione della Onlus ora messa alla porta.

In quell'anno "Il Girasole" aveva avuto la meglio nella procedura di gara d'appalto, prendendo il controllo dei locali dell'immobile, che erano stai destinati all'accoglienza degli stranieri con protezione internazionale e richiedenti asilo.

L'unico, grosso, problema è che gli accordi economici non sono stati affatto rispettati dalla Onlus. Accordi che, ovviamente, prevedevano il versamento di un canone di locazione nelle casse del comune di Caserta, un problema, a quanto pare, mai preso seriamente in considerazione.

Stando a quanto riferito dalla stampa locale, infatti, non solo il ritardo si sarebbe progressivamente accumulato nonostante i numerosi solleciti da parte dell'ente, ma non sarebbe mai stato effettuato alcun pagamento.

Una situazione andata avanti troppo a lungo, e conclusa con l'ordinanza di sfratto firmata dal dirigente Giovanni Natale. Dopo la risoluzione del contratto di locazione da parte del comune, ora la Onlus avrà 15 giorni di tempo per liberare lo stabile dalle attrazzature e spostare altrove gli ospiti.

Commenti

cgf

Lun, 29/07/2019 - 15:06

in casi come questo farei scattare in automatico indagini della GdF sulle cooperativa inadempienti e patrimoniali suoi singoli soci

ginobernard

Lun, 29/07/2019 - 15:42

sarebbe bello che la corte dei conti pubblicasse un rapporto giusto per vedere a chi sono finiti i soldi spesi dallo stato, cioè dai contribuenti, negli ultimi che so 4-5 anni per iniziative di accoglienza.

Malacappa

Lun, 29/07/2019 - 16:52

Mettete alla porta quei 4 sfaccendati della foto,pero' alla porta dell'Italia

bernardo47

Lun, 29/07/2019 - 18:29

vi e' un diffuso malaffare sulla questione migranti clandestini! Vergogna! colpire ed estirpare! dovremmo chiamare il sig. renzi dei 600000, per risolvere la questione! lui si che se ne intende! VERGOGNA!

manson

Lun, 29/07/2019 - 18:33

Appunto ospiti mostri bello schifo ancora manteniamo feccia africana e maomettana fancazzista parassita

Holmert

Lun, 29/07/2019 - 18:50

PECUNIA NON OLET. ALTRO CHE ACCOGLIENZA,ACCOGLIENZA. SENZA SOLDI NON SI CANTA NEMMENO LA MESSA. ALTRO CHE CXZZX.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 29/07/2019 - 18:55

Bene,una in meno.

uberalles

Lun, 29/07/2019 - 19:54

Sono convinto che, a ben guardare, sono decine e decine le coop rosse che hanno intascato fior di milioni pubblici, quindi degli Italiani, per dare una presunta assistenza (carità pelosa) ai clandestini, mettendosi in tasca il malloppo e mandando al diavolo tutto il resto...Ecco la carità delle varie Rakkiette, Cirinnà, Boldrini, DelRio, Martina, Fratojanni e kompagni belli...

kennedy99

Lun, 29/07/2019 - 20:24

ma che li sfrattassero tutti. verranno poi i soliti noti a fare polemica anche su questo.