Il caso del contratto energia a Desenzano del Garda

Ci sono cose che a noi, poveri umani, non è dato comprendere. Una per tutte il caso del contratto di energia appena stipulato dal comune di Desenzano...che pare vada a bene a tutti tranne, guarda caso, ai propri cittadini. Ma andiamo con ordine.

All’inizio del 2014 una società privata (yousave spa) offre al comune di Desenzano uno studio gratuito degli impianti di riscaldamento e di pubblica illuminazione e un progetto atto a riqualificarle in ottica di risparmio energia.
Dopo una fase approfondita di analisi e studio la società propone un dettagliato progetto che consentirebbe al comune di risparmiare circa il 30% in termini di emissioni di co2 in atmosfera.
Il comune quindi trasforma il progetto, senza alcuna modifica di rilievo, in un bando di gara con un ottica di finanzia di progetto.

In questi casi un'amministrazione competente dovrebbe esaminare il progetto e modificarlo (ovvero standardizarlo) nelle componenti specifiche al fine di ottenere il potenziale interesse del maggior numero di operatori dei settore.

In secondo luogo trasformare il proponente in “promotore” del progetto fa sì che il promotore del progetto abbia il diritto di aggiudicarsi la gara, sempre, anche se non propone l’offerta più bassa: questo perchè ha il diritto, dopo l’apertura delle buste, di intervenire eguagliando l’offerta vincente. Va da sé che avendo questo vantaggio il promotore offrirà sempre il prezzo più alto e che i concorrenti difficilmente impegneranno tempo e risorse sapendo che l’offerta risulterà sempre potenzialmente perdente.

Dunque, il contratto di finanza di progetto è stato aggiudicato con un'unica offerta (quella appunto di yousave.spa) fatta al massimo costo indicato in bando. (fonte Comune di Desenzano del Garda)

Ma entriamo nel merito del contratto.
Il contratto ha una durata ventennale. Se pensiamo che l'amministrazione del comune di Desenzano del Garda è già ampiamente osteggiata dai suoi cittadini (che si sono uniti in gruppi spontanei di discussione sui social e reali) viene da pensare che sottoscrivere contratti ventennali, in un settore a rapido sviluppo tecnologico come quello dell’energia, sia quantomeno poco prudente.

Il contratto sottoscritto, inoltre, ha un costo annuale di 1.600.000 Euro: la spesa per gas ed energia attualmente è identica, non vi è alcun risparmio per i cittadini. (Fonte dati Ragioneria dello Stato – SIOPE)

La società yousave infatti garantisce una riduzione dei consumi del 30% (480.000 euro / anno). Ma tale risparmio non verrà inserito in bolletta ma rappresentarà il guadagno dell’azienda fornitrice di gas e elettricità. Per ottenere tale risparmio yousave investirà in impianti e punti luce circa 2.900.000 Euro (fonte Assessore Ecologia Maurizio Maffi e Giornale di Brescia)

Se facciamo un rapido calcolo ci rendiamo conto che yousave srl recupererà i costi dell’investimento in 6 anni e guadagnerà, a spese dei cittadini di desenzano circa 480.000 euro ogni anno per i successivi 13 anni.

Quindi yousave incasserà in totale SEIMILIONISETTECENTOVENTIMILA euro oltre al normale guadagno sulla fornitura di energia. Soldi che i cittadini di Desenzano avrebbero potuto risparmiare in bolletta ma che per il cattivo contratto fatto vengono di fatto assegnati a Yousave.

Inoltre, se esaminiamo i costi del contratto scopriamo che yousave spenderà in impianti circa 2.900.000 (fonte giornale di Brescia) e i rimanenti 29.100.000 euro rappresenteranno invece la pura fornitura di energia

Un progetto di project financing con la parte di investimenti del 9% pare piuttosto cosa strana. E, quando alla riunione pubblica con sindaco e giunta, i cittadini chiedono se questo modo di operare sia etico, la risposta è: "Comandiamo noi: quando comandarete voi, farete i contratti che vorrete." Servono commenti?