L'omicidio della professoressa Gloria Rosboch fu premeditato

Nella notte la confessione di Defilippi e Obert. Nega tutto la madre. Ora le analisi su auto e cadavere

La cisterna dove è stato ritrovato il corpo di Gloria Rosboch

La confessione di Gabriele Defilippi, fermato dai carabinieri per l'omicidio dell'insegnate Gloria Rosboch, è arrivata nella notte. L'ex allievo della professoressa ha ammesso il delitto e ha ammesso di averlo messo in atto con l'aiuto di Roberto Obert, in manette anche lui e anche lui reo confesso.

È l'avvocato che difende Defilippi a confermare il dato, mentre Caterina Abbattista, madre di Gabriele, continua a negare ogni coinvolgimento nell'assassinio della Rosboch. L'accusa su cui si lavora è quella di un omicidio premeditato, ma c'è anche l'occultamento di cadavere. I due ragazzi "hanno entrambi visionato la cisterna dove è stata gettata la donna", nel Canavese, chiarisce il procuratore di Ivrea, Giuseppe Ferrando.

La procura ha spiegato in conferenza stampa anche che ci sono elementi che portano a pensare che la Abbattista non stia raccontando la verità, perché "la sua versione dei fatti contrasta con gli accertamente tecnici". E se entrambi gli uomini hanno confessato, entrambi sostengono che l'altro abbia strangolato la donna.

Chi abbia commesso materialmente l'omicidio è dunque ancora da chiarire. Quello che è certo è che l'uccisione avvenne in automobile, con un laccio stretto attorno al collo della donna. Il fatto che il cadavere sia rimasto per oltre un mese in una cisterna piena d'acqua renderà difficile individuare nuovi dettagli utili con l'autopsia. C'è però la Clio bianca di Obert da analizzare.

"Mi avete tolto un peso quando vi ho visto arrivare", ha detto lui ai carabinieri, che ieri lo hanno prelevato dalla sua casa a Forno Canavese, per portarlo a Torino e interrogarlo.

Commenti

baio57

Sab, 20/02/2016 - 11:59

Ho letto la notizia nei dettagli sulla Stampa,fin da quando il giovane ingannò l'ex insegnante e si fece consegnare 187 mila euro per entrare come socia in una fantomatica azienda,i risparmi di una vita suoi e dei suoi anziani genitori. Metterlo in cella per il resto della sua vita a pane e acqua è il minimo che si possa fare ,con una bestia del genere....

lorenzovan

Sab, 20/02/2016 - 17:15

caro baio ..peruna volta siamo sintonizzati al 100%..bessun pietismo e nessuna indulgenza per questo scarafaggio dalle sembianze umane

uggla2011

Sab, 20/02/2016 - 17:31

Ecco perché ci vuole la pena di morte.Per tutti e tre.

smoker

Sab, 20/02/2016 - 19:20

Come si può essere tanto stupidi da pensare di non essere individuati? Delirio di onnipotenza di un ragazzo che vive fuori dalla realtà , crede che la vita sia un gioco .E' vero che l'abito non fa il monaco , ma le sue foto sui social indicano che si crede bello , interessante , geniale , invece è una nullità qualunque che vive di espedienti , ora anche peggio.

smoker

Sab, 20/02/2016 - 19:20

Come si può essere tanto stupidi da pensare di non essere individuati? Delirio di onnipotenza di un ragazzo che vive fuori dalla realtà , crede che la vita sia un gioco .E' vero che l'abito non fa il monaco , ma le sue foto sui social indicano che si crede bello , interessante , geniale , invece è una nullità qualunque che vive di espedienti , ora anche peggio.

moshe

Sab, 20/02/2016 - 20:34

... BASTA PAROLE ... PENA DI MORTE !!!!!