Cassazione: "Politico può dire basta stranieri se delinquenti"

La caricatura di stranieri che delinquono è messaggio politico "grossolano" e carico di "pregiudizio", ma non costituisce reato, specie se si è in periodo di campagna elettorale

La caricatura di stranieri che delinquono è messaggio politico "grossolano" e carico di "pregiudizio", ma non costituisce reato, specie se si è in periodo di campagna elettorale. La Cassazione ha assolto con questa motivazione, perchè il fatto non sussiste, un politico friulano, Stefano Salmè, candidato alle elezioni europee del 2013 con la Destra Sociale - Fiamma Tricolore. L’Italia "assediata" da un nero spacciatore, un cinese venditore di merci contraffatte, un musulmano con cintura esplosiva, due rom pronti depredare e un Abramo Lincoln, rappresentazione della finanza americana, attorniato da dollari svolazzati, e lo slogan "basta usurai - basta stranieri": questo il messaggio con cui Salmè aveva approcciato la competizione elettorale. E che gli era costato una condanna, in primo e secondo grado, a una multa di tremila euro per aver propagandato idee fondate sulla superiorità di una razza e sull’odio razziale. I giudici di merito avevano ritenuto di sanzionare il fatto in base alla legge 654 del 1975, che ratifica le disposizioni sulle manifestazioni di discriminazione razionale contenute nella convenzione di New York del 1966.

Il politico si era difeso in giudizio sostenendo che il volantino, diffuso in un periodo di febbrile attività politica, non prendesse di mira genericamente gli stranieri ma "gli stranieri che delinquono", ritenendo necessario porre loro un argine. Una tesi accolta dagli ermellini (sentenza numero 36906 della Terza sezione penale) che hanno sottolineato come "la discriminazione per l’altrui diversità è cosa diversa dalla discriminazione per l’altrui criminosità", e che "in definitiva un soggetto può anche essere legittimamente discriminato per il suo comportamento, senza che si incorra in sanzionale penale". Il volantino in questione, ad avviso della Cassazione, "in maniera alquanto grossolana, vuole veicolare un messaggio di avversione politica verso una serie di comportamenti illeciti che, con una generalizzazione che appare una forzatura anche agli occhi del destinatario più sprovveduto, vengono attribuiti a soggetti appartenenti a determinate razze o etnie". Ma non costituisce "una propaganda penalmente rilevante". Il giudice di merito, afferma la Corte, "sarà chiamato di volta in volta a valutare nel caso concreto", e qui "siamo di fronte, evidentemente, ad un messaggio politico che risente di un pregiudizio", per cui certi reati vengono commessi "prevalentemente dai membri di determinate etnie", tuttavia "appare nell’occasione prevalere il diritto alla libera manifestazione del proprio pensiero politico nell’ambito di una competizione elettorale".

Commenti
Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 14/09/2015 - 18:09

chi e' il genio che lo ha denunciato?

glasnost

Gio, 02/03/2017 - 13:46

In Italia è tutto finto! La magistratura persegue chi usa termini non politicamente corretti e lascia liberi ladri ed assassini che ti penetrano in casa. Non è ora di ribellarsi davvero? Ma a fatti non a parole.