Catania, arrestati corrieri albanesi che trasportavano droga per un valore di 160 mila euro

I due sono arrivati dalla Calabria a bordo di due mezzi differenti, la polizia sorvegliava il porto di Messina e li ha bloccati

Avrebbe fruttato circa 160 mila euro di incassi la droga sequestrata ieri a Catania se il piano, messo in atto dai trafficanti, non fosse stato scoperto in tempo dalla polizia. È fallita così in pieno la missione di due pregiudicati albanesi Doraci Beshir e Xhafa Leonard, rispettivamente di 33 e 28 anni, corrieri della droga.

Tutto è nato dalle indagini condotte da parte della squadra mobile catanese venuta a conoscenza della data di arrivo, direttamente dalla Calabria,di un corriere albanese carico di importanti dosi di marijuana. Dunque alle prime luci del giorno la polizia ha iniziato a sorvegliare il porto di Messina in corrispondenza dell’imbarco dei traghetti unitamente ai caselli autostradali nel lato ingresso a Catania.

Ad un certo momento è stata notata la macchina della quale gli agenti avevano ricevuto segnalazione, ovvero una Bmw Station Wagon di colore grigio. L’auto, era guidata da Leonard e faceva da “staffetta”ad un altro mezzo guidato da Beshir. Le due auto sono state bloccate e sottoposte a perquisizione.

All’interno del portabagagli dell’auto guidata dal 33enne sono stati rinvenuti 22 involucri contenenti marijuana aventi un peso complessivo di 70kg che, se piazzati sul mercato, avrebbero fruttato circa 160 mila euro. La droga è stata sequestrata e i due pregiudicati albanesi sono stati arrestati per il reato di detenzione e trasporto di marijuana.