Catania, i Nas sequestrano tonnellate di miele di dubbia provenienza

Il provvedimento è stato eseguito nei confronti delle aziende che operano nel settore apistico nella zona etnea

A Catania i carabinieri del Nas hanno posto sotto sequestro decine di tonnellate di miele semilavorato. Il provvedimento è stato il frutto di una serie di controlli a tappeto eseguiti nei confronti di diverse aziende apistiche della zona etnea molto conosciute dai consumatori.

Dagli accertamenti eseguiti sulle aziende è emersa l’omissione dell’indicazione che dimostra l’origine e la provenienza del prodotto, in violazione della procedura di rintracciabilità commerciale. Nessuna informazione sulle confezioni che attestasse la natura dell’alimento e dei suoi componenti, compresi gli allergeni, nessuna etichetta che indicasse la provenienza del miele e lo stabilimento produttivo.

Per i consumatori è venuto meno quel sistema di trasparenza, la “filiera alimentare”, che consente di conoscere non solo le caratteristiche qualitative del prodotto ma anche la provenienza con la garanzia della salubrità dell’alimento in tutte le sue procedure di preparazione.

Dunque tutta la quantità di miele semilavorato che non corrispondeva ai requisiti della trasparenza è stato sottoposto a vincolo sanitario. Nei prossimi giorni il personale medico dell’Asp eseguirà le analisi chimiche sui campioni prelevati per accertare la salubrità del prodotto.

Commenti

seccatissimo

Lun, 14/10/2019 - 12:38

Italia, il Paese dove di norma la truffa paga, salvo poche eccezioni come questa citata nell'articolo !

tiromancino

Lun, 14/10/2019 - 18:10

Pagherà sempre perché la galera non è contemplata