Il centro sociale dove ha parlato la Balzerani in un immobile occupato

Nella bufera non è finita soltanto l'ex brigatista per le sue parole sulle vittime del terrorismo, ma anche il centro sociale di Firenze sud che l'ha ospitata

Il caso Balzerani ha avuto uno strascico di polemiche. Nella bufera non è finita soltanto l'ex brigatista per le sue parole sulle vittime del terrorismo, ma anche il Cpa Firenze sud che l'ha ospitata per il suo intervento che tanto ha fatto discutere. Infatti il centro sociale è in una struttura occupata abusivamente da circa 10 anni. E così il centrodestra a Firenze ha presentato una mozione in cui viene invitato il sindaco a intraprendere quelle inziative idonee per recuperare l'immobile e sgomberarlo. Alla mozione ha risposto su Facebook proprio il centro sociale: "Il Centro popolare non si tocca. Contro le speculazioni della destra. Contro chi vorrebbe cancellare qualsiasi voce di dissenso in questa città. Per chi pensa sia ancora necessario aprire spazi di lotta, incontro, dibattito e solidarietà. Per chi non vuole regalare questa città all'egoismo ed ai reazionari... Il centro popolare non si tocca! Seguiranno una presa di posizione ufficiale da parte dell'assemblea del Cpa Fi-sud".

E di fatto alle polemiche scatenate dalla reazione del Cpa, il centro sociale ha incassato la solidarietà di Potere al popolo: "Sarebbe stato un atto di cautela e di buon senso da parte della maggioranza consiliare quello di evitare facili strumentalizzazioni del quarantennale del rapimento Moro. Sono anni che la destra, nelle sue varie anime, chiede lo sgombero del Cpa e ci pare assurda la reattività con cui si è accolto l'ennesimo pretesto della destra. Avremmo voluto che una reattività simile si fosse dispiegata su connessioni molto più semplici, l'omicidio di Idy Diene e il razzismo di Pirrone ad esempio". Insomma il caso non è chiuso e di fatto le polemiche dureranno a lungo...

Commenti

ziobeppe1951

Mar, 20/03/2018 - 21:17

I cessi sociale, esaurita la funzione che li contraddistingue..vanno dati alle fiamme pureficatrici