"C'era uno incappucciato...". È caccia all'uomo dello spray in discoteca

I testimoni della tragedia di Corinaldo: "Un uomo è salito sul cubo e ha spruzzato spray". Sequestrata la discoteca

Sei morti, 100 feriti di cui 8 in gravi condizioni. È questo il bilancio della tragedia che ha colpito Corinaldo, piccolo centro in provincia di Ancona. Dopo la tragedia adesso si abbatte la bufera sulla discoteca Lanterna Azzurra. Gli investigatori finora hanno due punti fermi sulle indagini. Il primo riguarda l'uso di spary urticante all'interno del locale, il secondo invece riguarda la vendita di bioglietti: troppi per la capienza del locale. Ma in queste ore gli investigatori stanno cercando di capire quale è stata l'esatta dinamica dei fatti che hanno innescato il panico all'interno del locale. Decine di video sono stati posti sotto sequestro e veranno analizzati, ma si ascoltano anche le testimonianze di chi ha vissuto quell'inferno la scorsa notte.

Alcuni testimoni di fatto avrebbero raccontato di aver visto una persona incappucciata che sarebbe salita su un cubo proprio per spruzzare lo spray urticante. Subito dopo, sempre secondo il racconto dei testimoni, nel locale l'aria è diventata irrespirabile e in tanti sono scappati via dirigendosi verso le uscite di sicurezza. Ma in questo quadro investigativo gli inquirenti stanno valutando se sia ipotizzabile un collegamento tra la tragedia avvenuta nella notte al 'Lanterna Azzurra' di Corinaldo e un episodio analogo avvenuto nel gennaio 2017 a pochi chilometri di distanza, in una discoteca di Senigallia dove suonava, peraltro, lo stesso trapper.

La discoteca era il Mamamia: era da poco trascorsa la mezzanotte quando qualcuno spruzzò spray urticante tra la folla. Il personale riuscì ad aprire immediatamente le porte di emergenza ma tre giovani rimasero comunque intossicati. I precedenti non sono comunque pochi. L'ultimo episodio un mese fa, il 7 novembre, all'Alcatraz di Milano: poco prima dell'esibizione del rapper Achille Lauro, nelle prime file un ignoto ha spruzzato dello spray al peperoncino, causando panico. L'8 settembre scorso, a Mondovì (Cuneo), spray al peperoncino è stato spruzzato fra gli spettatori mentre sul palco del festival musicale 'Wake up', alla Mondovicino Arena, si stava esibendo proprio Sfera Ebbasta. Un episodio analogo inoltre si è registrato durante un concerto di Ghali. A quanto pare l'uso di bombolette spray al peperoncino sarebbe abbastanza comune tra i giovani che forse per uno stupido svago lo usano durante i concerti. Questo di spray, va sottolineato. può essere utilizzato solo in caso di legittima difesa ed è vietata la vendita ai minori sotto i 16 anni. Eppure al Lanterna Azzurra, qualcuno, probabilmente un ragazzino, l'ha usato scatenando il panico tra le centinaia di fan di Sfera Ebbasta.

Commenti

maricap

Sab, 08/12/2018 - 16:04

Nelle scuole dovrebbero essere fatti dei corsi, per insegnare a valutare la minaccia. Infatti, in casi del genere, il vero pericolo è l'accalcarsi verso l'uscita.

Ritratto di PollaroliTarcisio

PollaroliTarcisio

Sab, 08/12/2018 - 16:17

Sei morti, 100 feriti di cui 8 in gravi condizioni. Complimenti, bello scherzone.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Sab, 08/12/2018 - 17:07

Ricordate Piazza San Carlo a Torino? Fu una banda di giovani marocchini che hanno scatenato il panico per derubare la folla. Naturalmente non potranno mai e poi mai e poi mai ripagare economicamente la città dell'immenso danno arrecato. Chissà che fine hanno fatto. Quali pene staranno scontando? Forse potrebbe informarci il Procuratore della Repubblica, o il Questore, o il Prefetto di Torino. Il balordo o i balordi che hanno agito questa volta dovrebbero essere identificati al più presto e condannati a pene decisive.

Happy1937

Sab, 08/12/2018 - 17:12

Per me tutte le discoteche andrebbero chiuse perche’ sono posti dove i ragazzi si fanno , si ubriacano e vanno fuori di testa.

Egli

Sab, 08/12/2018 - 17:15

Spero che venga trovato e linciato.

Martinico

Sab, 08/12/2018 - 17:29

Prevenzione amici miei prevenzione. Quando si arriva alla repressione abbiamo già perso.

titina

Sab, 08/12/2018 - 17:41

Maledetto psicopatico.

Mogambo

Sab, 08/12/2018 - 17:53

Un altro incappucciato?Non bastava quello del delitto di Seriate? Mo'siamo a posto, partirà un altro martellamento asfissiante per tutta la stagione su tutte le reti TV, senza naturalmente cavare un ragno dal buco (come a Seriate).Le incolpevoli vittime e i loro parenti non lo meriterebbero proprio...

Ritratto di armandoesse

armandoesse

Sab, 08/12/2018 - 18:05

E vedrete che quel bastardo avrà urlato allah akbar

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 08/12/2018 - 18:10

Quanto li odio gli incapucciati. Mentre moltissimi non si mettono nemmeno un cappello, vedo spesso personaggi dal fare poco raccomandabili sempre con il cappuccio in testa.

Ritratto di adl

adl

Sab, 08/12/2018 - 18:11

Sei ragazzi bussavano disperatamente alla porta del sig. STATO, ma l'unica risposta avuta è stata un cartello con la scritta TORNO SUBITO.

flip

Sab, 08/12/2018 - 18:15

Ipotesi: forse, a qualcuno nei dintorni, dava fastidio il baccano ed ha pensato che un pò di sostanza urticante avrebbe placato il baccano.

Ritratto di pierluigiv

pierluigiv

Sab, 08/12/2018 - 18:28

se lo spruzzatore era un immigrato, di sicuro le toghe rosse lo rilasceranno subito. Se era italiano, marcira' in galera finche' campa.

Michele Calò

Sab, 08/12/2018 - 18:31

La ripetitivita' di queste idiozie dovrebbe comportare il divieto di esibizione in luoghi chiusi di propalatori di droga e violenza come i rapper, drogati che a loro volta influenzano le gia' minate menti di ragazzini senza criterio.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Sab, 08/12/2018 - 18:47

Non trovo scusanti o ragioni per questi atti delinquenziali se non appellandomi al fatto che molti giovani sono privi di identità e sono schiavi delle loro passioni giovanili; soltanto questo può giustificare la violenza gratuita ma non del tutto quando ci sono morti. Shalòm e Forza Italia.

stefi84

Sab, 08/12/2018 - 18:56

Se era uno scherzo il risultato è stato tragico e comunque in un luogo chiuso è decisamente pericoloso.

Ritratto di roberto_g

roberto_g

Sab, 08/12/2018 - 19:30

Confermo che ritengo assurda e criminale la presenza in discoteca alla una di notte di ragazzini di 11 e 14 anni. Questo è vietato in tutto il mondo civile, tranne che in Italia.

investigator13

Sab, 08/12/2018 - 19:31

potrebbe essere un nuovo Bataclan. Similmente piazza S. Carlo Torino no, per i ladruncoli poteva diventare una trappola pure per loro. Un incappucciato sul palco con lo spray urticante sembra proprio un terrorista. Folla e luogo chiuso sono le condizioni giuste per un atto di terrorismo.

Idrissecondo

Sab, 08/12/2018 - 19:35

A sto punto si dovrebbero perquisire, ormai, tutte le persone prima che entrino in discoteca, al cinema o teatro, nei ristoranti e qualsiasi luogo pubblico frequentato da gente. E se sto tizio incapucciato fosse salito sul cubo con un mitra? Dio che razza di società !

HARIES

Sab, 08/12/2018 - 20:03

Attenzione alla emulazione e alla troppa propaganda di queste sostanze. Anzi, rivedere la legge e i permessi per questi oggetti. E, soprattutto, monitorarne il commercio.

Ritratto di saggezza

saggezza

Sab, 08/12/2018 - 20:44

Condivido “do-ut-des”. Anche a me capita spesso di vedere molti giovani incappucciati anche quando la temperatura non lo permette. Ed è un modo per non farsi riconoscere ed avere quindi qualcosa da nascondere. Diffidate di chi non mostra chiaramente il proprio volto.