"Cercasi Assessore donna". L'avviso pubblico di un comune nel Comasco

A norma di legge nella giunta del paesaggi di 3mila abitanti il 40% dei componenti deve essere assegnato a donne

Centro Valle Intelvi, piccolo comune nel Comasco, nato da poco più di un anno a seguito della fusione di Casasco d'Intelvi, Castiglione d'Intelvi e San Fedele Intelvi, “cerca un assessore donna” e per farlo ha messo sul sito dell’amministrazione un "avviso pubblico".

L'attuale giunta del comune che conto solo 3500 abitanti, è composta da tre assessori uomini e un assessore donna, poiché solo una tra i tre consiglieri di maggioranza ha dato la propria disponibilità a entrare nell'esecutivo.

A norma di legge, però, deve essere rispettato il 40percento di rappresentanza femminile e così il comune ha deciso di fare un avviso pubblico ed invitare la società civile al femminile ad entrare nell'amministrazione comunale.

Nello specifico, secondo l'articolo 46, comma 2 del TUEL (D.Lgs 267/2000) si prevede, difatti, che il Sindaco e il presidente della Pronvincia nominino, nel rispetto del principio di pari opportunità tra donne e uomini, la presenza di entrambi i sessi tra i componenti della giunta, tra cui un vicesindaco e un vicepresidente. In caso di mancanza di componenti elette disposte ad assumere l'incarico, l'articolo 47 del medesimo testo prevede la possibiltà di nomina alla carica di assessore di cittadini esterni al Consiglio comunale.

L'avviso, che scadrà il prossimo 28 marzo, pertanto, recita "considerando che l'attuale giunta comunale è composta da tre assessori uomini e da un assessore donna ... dato atto che, per quanto sopra esposto, si rende necessario effettuare una più approfondita istruttoria allo scopo di rinvenire una persona di sesso femminile in grado di ricoprire il ruolo di Assessore".

Unica richiesta, oltre a quelle previste da legge, quella “possedere un'adeguata esperienza tecnica, amministrativa e professionale, desumibile dal Cv”.

Commenti
Ritratto di llull

llull

Gio, 14/03/2019 - 17:31

Il buon senso vorrebbe che la selezione venisse fatta sulle competenze delle persone; avere un gruppo di sole donne, soli uomini o misto non deve rappresentare un problema, purché che si tratti di gente seria e competente.