Cgil, uno sportello a Bucarest per i lavoratori romeni

Anche la Cgil delocalizza. I lavoratori rumeni interessati a lavorare in Italia nel settore delle costruzioni potranno recarsi allo sportello del sindacato

Anche la Cgil delocalizza. I lavoratori rumeni interessati a lavorare in Italia nel settore delle costruzioni potranno avere, prima della partenza, tutte le informazioni utili sui diritti, le tutele, le protezioni sociali di cui potranno godere una volta arrivati in Italia. Lo faranno rivolgendosi allo sportello Inca-Fillea, che oggi viene inaugurato a Bucarest alla presenza del segretario generale degli edili Cgil, Walter Schiavella, del presidente dell’Inca Cgil, Morena Piccinini, e di rappresentanti dell’Ambasciata d’Italia a Bucarest, del ministero del Lavoro, del ministero degli Affari Esteri, delle istituzioni che si occupano della previdenza e
sicurezza sociale e delle organizzazioni sindacali rumene.

"Considerando il nuovo contesto migratorio -spiega l’Inca Cgil- si è avvertita sempre più l’esigenza di allargare la rete di sostegno del patronato Inca Cgil a paesi generatori di forti flussi migratori, come la Romania: i cittadini rumeni rappresentano, con un numero approssimativo di 1 milione, la più grande comunità di immigrati in Italia". "Il nostro obiettivo -sostiene- è facilitare l’accesso alle prestazioni previdenziali e assistenziali e agevolare il riconoscimento dei diritti sociali maturati dai cittadini rumeni in Italia e dai cittadini italiani in Romania, offrire informazioni, assistenza e tutela per una migrazione consapevole, contribuendo a migliorare la cooperazione in materia di protezione sociale tra Italia e Romania".

Commenti

SanSilvioDaArcore

Mer, 24/06/2015 - 14:30

Poi organizzano cortei, manifestazioni, presidi, per manifestare contro quegli imprenditori che assumono solo extracomunitari, che delocalizzano, che licenziano per assumere manodopera a basso costo, ecc... camusso, MA VAI A CAGARE

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Mer, 24/06/2015 - 14:36

I lavoratori italiani, cxxxxxxi da prendere per il kul.o, sono in via di esaurimento. La CGIL va dove la porta il cuore: in cerca di nuovi "cxxxxxxi" da prendere per il kul.o... secondo il vecchio adagio che diceva così: "caro compagno... tu lavori e io magno".

agosvac

Mer, 24/06/2015 - 14:44

Encomiabile ma da idioti matricolati!!! Se non c'è lavoro per gli italiani che...cosa ci sta a fare la cgil in Romania a "dirigere" eventuale lavoro per loro?????? Questa camusso è realmente la negazione dell'intelligenza!!!!!!!

paco51

Mer, 24/06/2015 - 14:46

Bene era ora che i sindacati emigrassero! E' l'unica notizia positiva di oggi ; se ne vanno!

Ritratto di gianky53

gianky53

Mer, 24/06/2015 - 14:59

Questi anti italiani andrebbero messi subito fuorilegge. Basta andare in una loro sede per rendersi conto di come sono diventati degli sportelli pro clandestini full time. In galera!

torodamonta

Mer, 24/06/2015 - 15:02

La Camusso cerca altri nuovi iscritti alla cgil. COME SI IMPEGNANO PER AIUTARE GLI STRANIERI.....

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Mer, 24/06/2015 - 15:10

...Brava CGIL! Poiché il lavoro in Italia si spreca e siccome di romeni ce ne sono già "pochi", andiamoli a prenderli a casa loro per portarli da noi a fare i disoccupati.

beowulfagate

Mer, 24/06/2015 - 15:42

Giusto che un'organizzazione a delinquere vada a cercare adepti in uno dei paesi più criminogeni del mondo.Già che ci sono,possono aprire anche uno sportello anpi.

Joe Larius

Mer, 24/06/2015 - 15:46

I sinistri hanno sempre idee grandiose. A realizzarle devono darsi da fare obbligatoriamente gli altri. Ma in definitiva non sanno fare altro che i sinistri.

eloi

Mer, 24/06/2015 - 15:48

La Cgil ah perso in Italia buona parte degli iscritti, quindi delle tessere. In sostanza ha perso deleghe per il mantenimento dei fancazzisti. Li è andati a cercare in Romania. Ci manca solo che li tesseri all'arrivo a Lampedusa, a Pozzallo, ecc... ecc...

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Mer, 24/06/2015 - 15:49

La camusso come Cristoforo Colombo alla ricerca di nuovi lidi.

SanSilvioDaArcore

Mer, 24/06/2015 - 15:52

Almeno, però, i rumeni sono bianchi e si confondono tra la folla...

mare_vostrum

Mer, 24/06/2015 - 16:35

Dovrebbero delocalizzare in Libia è pieno di RISORSE da portare in italia

Ritratto di Aulin

Aulin

Mer, 24/06/2015 - 17:05

Finiti gli italiani la CGIL va a infinocchiare i rumeni.

acam

Mer, 24/06/2015 - 17:12

ha che bello cosi rovina pure quelli, ma essendo furbi quelli ce la rimandano indietro e vedrete che le imprese italiane delocarizzeranno anche là

mifra77

Mer, 24/06/2015 - 17:14

La cgil si trasferisce a Bucarest? finalmente in Italia si potrà cominciare a lavorare seriamente. Non c'è qualcuno che prenda anche gli altri sindacati antilavoratori ed antitutto? E se si trasferisse nel deserto anche la confindustria ed il PD di Renzi?

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 24/06/2015 - 17:29

E i dipendenti italiani bestia gli prendono pure la tessera.

maurizio50

Mer, 24/06/2015 - 17:30

Certo che la CGIL SEMPRE rema contro gli Italiani!!!!!!!!!!

pastello

Mer, 24/06/2015 - 17:50

Nei futuri libri di storia: poi, un brutto giorno di giugno del 2015 per l'Ungheria ebbe inizio la fine.

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 24/06/2015 - 19:04

Per me l'unico SPORTELLO che dovrebbero aprire è quello del TRENO per buttarsi giu!!!lol lol Saludos dal Nicaragua

dare 54

Mer, 24/06/2015 - 23:09

Splendida iniziativa! Così i manovali stranieri impareranno ad allineare le loro tariffe a quelle italiane, e gli imprenditori italiani continueranno a scappare all'estero!

Ritratto di Tipperary

Tipperary

Mer, 24/06/2015 - 23:34

Camusso ti sei accorta che c'è qualche milioncino di disoccupati italiani che hanno bisogno? Va a cagher!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 25/06/2015 - 00:54

Stanno perdendo credibilità e per tappare i buchi vanno a prendere per i fondelli anche i lavoratori rumeni. QUANDO VERRÀ FATTA CHIAREZZA SUI BILANCI DEL SINDACATO DI QUESTI IMBONITORI?

TonyGiampy

Gio, 25/06/2015 - 01:48

C'e' da capirli.Le tessere scarseggiano perche' i lavoratori italiani hanno capito. Prendono le tessere dai romeni che ancora non li conoscono. Ma come, in Italia c'e' tanta disoccupazione e loro cercano i lavoratori in Romania? Lo sportello lo avreste dovuto aprire in Italia. Queste furberie dovrebbero far riflettere gli italiani. C'e' chi dice che siamo alla frutta. Io, invece, penso che sia ancora l'aperitivo.

acam

Gio, 25/06/2015 - 05:14

vedete gli italiani sono tutti contenti... non ce n'è uno che sil lamenti. la furbacchione delocalizza ma non va in nigeria la avrebbero anche sicuramente bisogno di lei ma i cinesi la castigherebbero subbedo subbedo con l'imputazione de rompiballe

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 25/06/2015 - 07:30

Ma non vedo il motivo di snobbare l'africa,non siate razzisti aprite anche lì.Aprite.......aprite.!!!!

vigpi

Gio, 25/06/2015 - 07:50

In Romania la disoccupazione è al 7% (dati eurostat 2014). Cioè la metà che in Italia e un terzo di quella spagnola. Per forza tutti i loro sbandati, nomadi ecc. ce li prendiamo noi!