Chapeau a Marine ma la destra-destra ora deve aprirsi

Convincono le analisi (molte le condividiamo anche noi), fanno paura - o comunque non persuadono fino in fondo - le soluzioni

In politica è tutto possibile, ma a occhio Marine Le Pen non ce l'ha fatta. Va al ballottaggio - non è poco - ma il «combinato disposto» del risultato del primo turno lascia poche speranze alla paladina della destra europea. È la cinica legge del «tutti contro uno» che non lascia spazio alle diversità. Potrei sbagliarmi, ma tra quindici giorni la maggior parte del voto dato ieri ai candidati sconfitti convergerà sul giovane Emmanuel Macron, ex hollandiano uscito in tempo dal naufragio dei socialisti, veri sconfitti di questa prima tornata elettorale. E quindi addio sogni di Eliseo per la Le Pen.

Marine è stata brava, merita rispetto e stima. Se la sinistra salottiera francese - faro della sinistra europea - è uscita a pezzi (il buon risultato di Melenchon, un neo comunista in salsa grillina, è la conferma) molto lo si deve al Front della Le Pen, che ha imposto ai francesi, dall'immigrazione all'economia, un'agenda realista, cioè coincidente con i veri problemi dei cittadini. Ma questo probabilmente è il massimo che una destra radicale può permettersi: convincono le analisi (molte le condividiamo anche noi), fanno paura - o comunque non persuadono fino in fondo - le soluzioni. Ieri la Francia ha bocciato senza appello la sinistra «al caviale» di Hollande, che tanti ammiratori ha avuto e ha anche in Italia. E questo è un bel segnale. Ma ha anche detto che una destra-destra non è la soluzione condivisa e maggioritaria, altrimenti Marine sarebbe andata ben oltre il venti e passa per cento, che ovviamente non è poco ma può rilevarsi inutile. Un po' come in Italia il 14 alla Lega o il 28 a Grillo. Tanta roba, ma poi?

L'opposizione è una parte fondamentale di un sistema democratico, ma se si autoriduce a essere sempre tale, alla fine è solo testimonianza. Cosa a cui è condannata la destra - le vicende degli ultimi vent'anni in Italia lo dimostrano - se non trova un alleato moderato che garantisca una base elettorale più ampia. So che Marine Le Pen non la pensa così: o tutto o niente, pensa lei. Potrei anche augurarle il tutto, ma mi spiace per il niente che oggi è la cosa più probabile. Anche se le imminenti elezioni per il rinnovo del Parlamento francese potrebbero portare a un pareggio. Che nel calcio vale un punto, in politica niente.

Commenti

nunavut

Lun, 24/04/2017 - 15:23

Non penso che la Signora Le Pen possa vincere il ballottaggio finale,detto questo trovo strano che questo giovane socialista con più di un salario(scrivo $alario!!)sia un vero centrista (come suole definirsi)dopo aver governato con Hollande.Pure lui nel suo discorso ammise che questa Europa non può funzionare con le regole odierne,dunque,quelli che non la vogliono più,in fondo,hanno tutte le ragioni d'andarsene per conto proprio.

Ritratto di sepen

sepen

Lun, 24/04/2017 - 15:40

Analisi totalmente sbagliata. Le Pen perde perché li ha tutti contro, perché fa paura. Anche Berlusconi, si dirà, li aveva tutti contro, ma lui aveva anche una strategia politica innovativa, che prese gli avversari in contropiede e li tenne in scacco per 20 anni. Inoltre appena entrato nella stanza dei bottoni fece circa il 10% di quel che avrebbe dovuto fare, ragion per cui alla lunga gli elettori lo hanno abbandonato. Grillo non suscita queste preoccupazioni perché è pro sistema che più pro sistema non si può, si veda Appendino che ha continuato nel solco dei suoi predecessori a suon di tasse e disservizi a go-go. La soluzione, doloroso dirlo, non è la democrazia dal basso (o dall'alto, da destra o da sinistra), ma la rivoluzione!

Keplero17

Lun, 24/04/2017 - 15:53

No sono i moderati che devono andare verso la destra destra senza inciuci con la sinistra.

giovanni PERINCIOLO

Lun, 24/04/2017 - 16:18

La fortuna della Le Pen non la hanno certamente fatta gli "estremisti" di destra bensi i delusi dai socialisti e ancor più dai comunisti. Il programma socio-economico del FN é la fotocopia di quello di Mélenchon e questo spiega perché le regioni dove ha sfondato sono le regioni nordiche un tempo tempio assoluto delle sinistre.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Lun, 24/04/2017 - 16:22

concordo pienamente con Keplero17. i moderatismi sono falliti

Armando62

Lun, 24/04/2017 - 16:38

Analisi perfetta . Ma se Berlusconi non trova un leader capace di aggregare attorno a se un 25% non ci libereremo mai di quella preudo-destra perdente (ormai ovunque) che giustifica dittatori-torturatori, crede ai complotti e ci vorrebbe tutti nella valle a slinguazzarci un oligarca russo .

hornblower

Lun, 24/04/2017 - 16:41

"se non trova un alleato moderato che garantisca una base elettorale più ampia".....ogni riferimento a Berlusconi è voluto.....vero Sallusti ???

Ritratto di Risorgere

Risorgere

Lun, 24/04/2017 - 16:47

Analisi suggestiva, ma ancorata a categorie del passato: destra e sinistra. Oggi la nuova contrapposizione sociale è tra elite e popolo. Trump, Le Pen, Grillo, Salvini sono leader vincenti che si sono posizionati in maniera netta e chiara contro le elite e per il popolo, mentre le sinistre si sono ovunque smarrite dietro gli interessi delle elite finanziarie, votandosi alla sconfitta entro pochi anni. E voi da che parte state? Finora avete fatto cerchiobottismo, senza uscire allo scoperto; lisciate il pelo ai populisti, fate la corte a Salvini, ma anche strizzate l'occhio alla Merkel. Siete elitari nel dna, ma più pragmatici e intelligenti dei cattocomunisti. Decidete cosa volete fare da grandi. Volete l'inciucio con Renzi e Alfano, o una grande forza conservatrice popolare per il riscatto orgoglioso dei nostri valori?

salvatore40

Lun, 24/04/2017 - 17:04

O tutto o niente. E' una proposta grande,chiara,netta,senza sottobanchi alla Berlusconi,Fini,Casini,Patto del Nazareno ! E' una proposta coraggiosa,alla Charles De Gaulle. Soprattutto in questa epoca sciagurata. Il nostro nemico è il duplice Totalitarismo : quello del CAPPIO EUROPEO, con lento strangolamento degli stati nazionali ; e quello rappresentato dai futuri nostri piissimi conquistatori in nome di Allah ! Se i francesi scelgono il Programma Moderato,pace alla loro vita. Voltaire ci aveva indicato una via diversa : Ecrasez l' Infame !

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Lun, 24/04/2017 - 17:06

Va certamente, o quasi certamente, il vento verso dove sono gli interessi forti; mica dove vorrebbe il Popolo. La povertà diffusa, la disoccupazione, l'austerità che si traduce in mancanza di libertà ed infine la resa di fronte all'immigrazione selvaggia voluta e orchestrata dalla Massoneria fanno da sfondo a questo quadro desolante della Francia. Se tutti i giornali, come anche pare il suo, si sbagliassero a considerare il Popolo cieco? La Storia insegna che nessuno dava un briciolo di fiducia a Santa Giovanna D'Arco eppure lei mantenne le promesse fattegli dal Signore riguardo al Delfino di Francia. Occupiamoci di altro per il momento e tiriamo le somme alla fine diceva Fioretto (così al mio Paese di uno scemo del Villaggio). Shalòm.

nopolcorrect

Lun, 24/04/2017 - 17:16

La Destra italiana ha ricevuto una lezione: solo un Centro-Destra può vincere, solo un'alleanza Forza Italia + Lega + Fratelli d'Italia + altri gruppi di Destra. Altrimenti si fa solo "testimonianza", come scrive giustamente Sallusti. Aggiungo: secondo me il Senatore Romani potrebbe essere un ottimo successore di Berlusconi a capo di una Forza Italia di cui il Cavaliere resterebbe pur sempre il padre nobile.

INGVDI

Lun, 24/04/2017 - 17:20

Non sono d'accordo. Ha vinto la gauche, cambiano i personaggi, le sigle, ma non la sostanza delle proposte politiche. La Francia continuerà ad essere laicista, europeista, pro euro, praticamente anticristiana con il lasciapassare alla cultura islamica che la distruggerà. Francia condannata per scelta degli stessi francesi. Succederà in Italia con limitato ritardo temporale. Processi irreversibili, nonostante Le Pen e Salvini.

stefano.colussi

Lun, 24/04/2017 - 17:26

Egregio direttore .. ma se i Francesi hanno bocciato la Sinistra al Caviale .. perchè dovrebbero votare la Sinistra all'Aragosta ? o al Tartufo di Alba ? o al Dom Perignon di Annata ? ma speriamo bene .. noi tifiamo Le Pen .. colussi, cervignano del friuli, udine, italy

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Lun, 24/04/2017 - 17:36

Emerito Direttore, l'analisi è quasi perfetta. Mi permetto però di far osservare che l'Italia non è la francai e il "centrismo" francese è sempre pronto a far comunella con i socialisti. In mancanza di questi puntelli di "pseudo-sinistra" il desolante Fillon e la sua compagnia di Opere buone, la grandeur gollista dell'ipocrisia, ora si appoggiano a Macron, l'ometto senza idee, al servizio di banche, di Merkel e, prima, di Hollande. In Italia prevale invece il Giacobinismo degli ignoranti (5S) e il "compagno" Renzi. Berlusconi più saggiamente segua il suo illuminato consiglio sotto-traccia, lasci perdere il "macroniano" Renzi e molli una parte di programma a chi parla con la voce del "vero" popolo: Salvini.

Griscenko

Lun, 24/04/2017 - 18:36

Le Pen non vincerà perché dietro la facciata è come gli altri partiti. Tutti figli dell'ideologia dei diritti umani individuali. Si dovrebbe avere come obiettivo quello di trasformare la Nazione in una sorta di paradiso terrestre dove ciascun singolo ed il suo benessere è subordinato al benessere collettivo non solo umano ma degli animali e delle piante. L'ideologia dei diritti umani ha ristretto l'obiettivo del benessere dalla società umana, come accadeva fino alla metà del 1900, al singolo individuo. Occorre porci come obiettivo primario il benessere all'interno della nazione Italia delle comunità umane, animali e vegetali. I diritti umani dei singoli vengono dopo.

titina

Lun, 24/04/2017 - 18:47

xquesta "Europa non può funzionare con le regole odierne". giustissimo, la soluzione è cambiare le regole e non uscire dall'euro che ci farebbe impoverire ancora di più.

giosafat

Lun, 24/04/2017 - 20:30

@titina....cioè accettiamo, in nome dell'euro, di restare poveri? Ma per carità, che muoia l'euro con tutti gli euristei: qualcuno che butterà giù le colonne dell'eurotempio prima o poi arriverà, oh se arriverà. E finalmente usciremo a riveder le stelle....

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 24/04/2017 - 21:25

Vorrei poter dire -Francesi, non promuovete questo omosessuale, e non per banale discriminazione, ma perchè, prescindendo da posizioni politiche empatiche, il suo profilo perverso infetta e contagia lo spirito di una estesa collettività, in Francia come in tutta l'Europa. Peggio della peste bubbonica derivata dalle funzioni dei ratti. Non intendo demonizzare la categoria all'unisono, che ha sfaccettature complesse. Ma questi ruoli istituzionali devono severamente escludere l'accesso a nature pericolosissime come è questa di Macron.- -riproduzione riservata- 21,25 - 24.4.2017

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Sarudy

Sarudy

Lun, 24/04/2017 - 23:12

W Marine...

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Mar, 25/04/2017 - 07:42

purtroppo il cancro degli interessi incrociati dei partiti e (specialmente in francia) dello stato, non permetterà mai ad un partito "contro" di affermarsi per via democratica, qualsiasi sia la base elettorale. Troppa gente avrebbe troppo da perdere, come in Italia.

Maver

Mar, 25/04/2017 - 08:48

Se la Destra Destra (che poi è la sola ed unica Destra), si alleerà con il Centro liberista diverrà insignificante mentre per il momento possiede un'identità chiara, pur essendo minoritaria. La maggioranza del'opinione pubblica è ossessionata dello spauracchio di fantasmi creati ad hoc, ( sedicente fascismo di ritorno, minaccia d'indigenza da abbandono dall'euro ecc..), così si accontenta del centro liberal-cerchiobottista che promette inani riforme di facciata. Ma presto arriverà la vera crisi, quando l'Europa sarà definitivamente sottomessa ed umiliata dai frutti di questi decenni di invasione e di evirazione identitaria: allora e solo allora sarà necessario poter contare su una Destra non compromessa, libera e credibile.

Maver

Mar, 25/04/2017 - 09:08

Se la Destra Destra (che poi è la sola ed unica Destra), si alleerà con il Centro liberista diverrà insignificante mentre per il momento possiede un'identità chiara pur essendo minoritaria. La maggioranza del'opinione pubblica è ossessionata dello spauracchio di fantasmi creati ad hoc, ( sedicente fascismo di ritorno, minaccia d'indigenza da abbandono dall'euro ecc..), così si accontenta del centro liberal-cerchiobottista che promette inani riforme di facciata. Ma presto arriverà la vera crisi, quando l'Europa sarà definitivamente sottomessa dai frutti di questi decenni di invasione e di evirazione identitaria: allora e solo allora sarà necessario poter contare su una Destra non compromessa, libera e determinata.

Piut

Mar, 25/04/2017 - 09:59

@hornblower: non capisco il senso del suo commento...è ovvio che il riferimento è a Berlusconi e lo specifica pure prima di citarlo indirettamente: "le vicende degli ultimi vent'anni in Italia lo dimostrano"...vale a dire che senza Berlusconi i vari Fini e Bossi (An e Lega per intenderci) non sarebbero mai andati al governo!tutto molto chiaro, il riferimento a Berlusconi è corretto e riprende l'opinione di Sallusti secondo il quale, solo con questa strategia, la Destra più estrema può andare al governo!

Piut

Mar, 25/04/2017 - 10:05

Purtroppo ha vinto ancora la sinistra caro Sallusti...perché al ballottaggio, tutta la sinistra francese voterà questo omino pilotato il quale, peraltro, proviene proprio dalla galassia salottiera di sinistra che ha abbandonato solo per convenienza...e francamente, vedendo il risultato, mi viene quasi da dire che era già tutto scritto!di fatto non cambia niente...l'unica speranza resta il voto locale dove amministratori lepenisti possono fare la differenza e mettere i bastoni tra le ruote al governo centrale!

Dodds

Mar, 25/04/2017 - 10:22

Spero che per gli italiani l'attuale lezione francese serva da severo monito. Marine LePen non ce la farà perchè Macron è una delle tante pedine usate della grande finanza e sistemate nei gangli vitali delle democrazie. Il perchè Marine LePen perderà è scritto nei dati delle elezioni: nella regione parigina, quella più popolosa e con periferie storicamente stracolme di immigrati maghrebini ha ottenuto uno striminzito 5%. Il voto dei 15 milioni di musulmani maghrebini in Francia fa la differenza. Insieme alla pedina Macron, quel voto è lo strumento attraverso il quale saranno diretti i destini economici, religiosi e politici della Francia. Eliminazione della classe media e appiattimento globale al basso. L'Islam, acritico e bigotto, è funzionale a questo disegno. Dodds

Atlantico

Mar, 25/04/2017 - 10:24

Maggiuli, ma tu lo sai quanti omosessuali non dichiarati ci sono tra i politici ? Forse qualcuno lo hai persino votato ultimamente ... Ma da dove esci fuori, dal Medioevo ?

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mar, 25/04/2017 - 11:17

Salvatore40, rispondo a te che di anni ne hai sulle spalle, ed è proprio per questo che dovresti aver imparato qualcosa in più dalla Vita; grazie di comporre la tua elegia alla sapienza di Victor Ugò. Eppure dello stesso come dimenticare "l'Uomo che ride"? Io rimango molto perplesso conoscendo un Individuo che essendo nato senza tanto cervello, ride in continuazione anche se tu gli pestassi due piedi; questo, talvolta mi dona un senso di rabbia per come siamofatti. Mi viene in aiuto un proverbio Antico: "Quello che manca non si può computare"; ecco allora che io penso, se fosse vero che più siamo convinti della vittoria della Le Pen più questa si concretizzerà e così in Italia. Shalòm.

Atlantico

Mar, 25/04/2017 - 11:20

Dodds, hai ragione: se la Le Pen perde è colpa di Soros, delle banche e dell'Alta Finanza. C'è evidentemente un complotto degli OPF ( Oscuri Poteri Forti ) !

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Mar, 25/04/2017 - 12:16

In sintesi: il centrodestra VINCE, la destra-destra PERDE! Capito, Salvini?

Dodds

Mar, 25/04/2017 - 12:47

@ Atlantico, niente complottismi (.. il solito basso sinistro tentativo di delegittimare le idee altrui: se non la pensi come me sei razzista, complottista, fascista, xenofobo, islamofobo, anti-gay, antieuropeista..ecc). Che Macron sia nell'orbita dei banchieri Rothschild, non sono certo io ad affermarlo, ma semplicemente il suo passato. Dodds

AMOX

Mar, 25/04/2017 - 13:10

AMOX1989. IL S I G N O R DE GASPERI ERA STATO OGGETTO DI FORTISSIME PRESSIONI DEL SUO PARTITO E VATICANE, AFFINCHÈ SI ALLEASSE PER LE IMMINENTI ELEZIONI, CON L'ESTREMA DESTRA, PER ASSICURARE AL PAESE CHE I COMUNISTI NON ANDASSERO AL GOVERNO DEL PAESE. IN NOME DI UNA VERA DEMOCRAZIA, CHE VIENE MENO SE LE MINORANZE A PRESCINDERE DA AFFINITÀ DI PROGETTI DI GOVERNO, SI ALLEINO PER NON CONSENTIRE CHE UNA MAGGIORANZA, DEMOCRATICAMENTE ELETTA NEL SEGRETO DELL'URNA, POSSA GOVERNARE IL PAESE. LA STORIA PREMIÒ QUESTA DIFFICILE SCELTA ED IL S I G N O R DE GASPERI CONQUISTÒ IL GOVERNO REGALANDO ALL'ITALIA E AGLI ITALIANI TUTTI (BIANCHI E ROSSI) 50 ANNI DI VERA DEMOCRAZIA E DI VERO BENESSERE.

AMOX

Mar, 25/04/2017 - 13:18

AMOX1989.IL BENESSERE, PURTROPPO SE NON BEN GESTITO, IMPINGUISCE ED INGROSSA IL CULO E NON CONSENTE DI RECARSI AD ESPRIMERE L'INDISPENSABILE DIRITTO DOVERE DEL VOTO. PER ASSICURARE LA STESSA VERA DEMOCRAZIA E VERO BENESSERE A TUTTI GLI ITALIANI NOSTRI FIGLI E NIPOTI.

AMOX

Mar, 25/04/2017 - 20:41

AMOX1989. LA NECESSITÀ È METTERE FINE A QUESTA dittatura DEFINITA democratica che ha spappolato la ITALIA. BERLUSCA-SALVINI-AMICI VARI SE NON REALIZZATE QUESTO SENZA SCIVOLAMENTI IN AREE CHE NON SIANO POSIZIONATE A CENTRO DESTRA, SMETTETE DI FARCI SOPPORTARE QUESTA INFINITA AGONIA CHE PURTROPPO È PROPINATA SOPRATTUTTO AI GIOVANI NOSTRI E VOSTRI FIGLI E NIPOTI. SE PENSATE DI NON FARCELA DIMETTETEVI

pinux3

Mer, 26/04/2017 - 11:11

@Straiè2015...Il punto è che il cosiddetto centrodestra (ammesso che qualcosa del genere politicamente esista ancora...) c'è SOLO IN ITALIA. In tutti gli altri paesi, dalla Francia alla Germania alla stessa Gran Bretagna i partiti di destra NON VOGLIONO AVERE NIENTE A CHE SPARTIRE con la destra populista. Se fossi in te proverei a chiedermi perché...

pinux3

Mer, 26/04/2017 - 11:21

@giovanni Perinciolo...Le regioni dove la Le Pen ha sfondato sono le più ARRETRATE della Francia, quelle che non sono riuscite a restare al passo della globalizzazione, dato COSTANTE di tutti i populismi, dagli USA alla stessa Turchia. La verità è che la destra populista è RIVOLTA AL PASSATO, non al futuro, vedi la "riscoperta", del tutto ANACRONISTICA, dei dazi doganali...

pinux3

Mer, 26/04/2017 - 11:26

@salvatore40...Permettimi di ricordarti che De Gaulle era il CAPO DELLA RESISTENZA ANTINAZISTA mentre quelli del FN sono gli eredi dei COLLABORAZIONISTI, di quei francesi che collaborarono con l'occupante nazista...