Charlie, da Londra altro no: "Impossibile ricovero a Roma"

Alfano chiama Johnson, ma il ministro britannico ribadisce i problemi legali per il trasferimento al Bambin Gesù

Charlie Gard non può essere trasferito al Bambin Gesù di Roma che pure si è offerto di ospitarlo. A nulla è valso - finora - l'impegno del Vaticano che ieri ha promesso di fare "tutto il possibile" per portare in Italia il bimbo di 10 mesi a cui già è stata negata dal tribunale una cura sperimentale per la malattia genetica che lo affligge.

Questa mattina ha provato a intercedere il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, che ha chiamato il suo omologo Boris Johnson e ha colto l'occasione per sollevare il caso del piccolo. Il ministro britannico ha però ringraziato e ribadito che ragioni legali impediscono alla Gran Bretagna di accogliere l'offerta.

Intanto il caso potrebbe finire all'Europarlamento, dal momento che 40 eurodeputati hanno firmato una lettera per appoggiare la famiglia Gard: "Ci riteniamo obbligati ad esprimere le nostre preoccupazioni più profonde riguardo al risultato oltraggioso del caso di Charlie, che infrange i valori fondamentali dell'Europa, in particolare il diritto alla vita, il diritto alla dignità umana e all'integrità personale", scrivono nella lettea aperta, "Charlie Gard è un bambino di 10 mesi che soffre di una condizione medica rara e minacciosa per la vita, attualmente dipendente dal supporto alla vita in uno degli ospedali di Londra. I suoi medici hanno concluso che egli non ha più diritto di vivere in questo mondo e hanno chiesto l'approvazione dei tribunali per interrompere la sua cura salvavita, inclusa la nutrizione e l'idratazione. Purtroppo, sia i giudici nazionali che la Corte europea dei diritti dell'uomo si sono identificati con il ragionamento dei medici e hanno deciso di mettere fine alla vita di Charlie in assoluta contraddizione con la volontà dei suoi genitori. Possibile che anche oggi, nel ventunesimo secolo, in tempi in cui noi stessi definiamo la nostra epoca come quella che rispetta i valori fondamentali della vita e della dignità umana, il Regno Unito non agisca nel migliore interesse dei suoi cittadini?".

Commenti

Fjr

Mer, 05/07/2017 - 13:40

Alfano ma chi vuoi che se lo fila,

Ritratto di adl

adl

Mer, 05/07/2017 - 13:42

Chissà se Boris Johnson, quando si tratterà di decidere se bombardare o meno la Siria di Assad, sarà altrettanto azzeccagarbugli ??????!!!!!!!!

Fjr

Mer, 05/07/2017 - 13:46

Ma possibile che a nessuno degli strapagati eurodeputati,venga in mente che quel bambino non è in condizione di essere trasportato?invece di fare encicliche e discussioni che non portano a nulla farebbero tutti meglio a dire una preghiera,pensare a quei genitori e prodigarsi affinché la ricerca abbia il denaro per sviluppare i medicinali che potrebbero servire a salvare i charlie futuri.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 05/07/2017 - 13:49

Gli inglesi sono sempre piu' buffoni, meno male che non faranno piu' i parassiti.

REX5000

Mer, 05/07/2017 - 13:51

Lasciate in pace questo bambino , lui è come quel bambino fotografato sulla sabbia morto . La politica e la chiesa ,speculano sui morti.

chebarba

Mer, 05/07/2017 - 13:51

gli inglesi hanno i paraocchi da burocrati, lo dimostrano nella vita di ogni giorno (toccato con mano) vivono di protocolli e gerarchia e non si scostano di una virgola, è da che mondo è mondo che si lotta per la vita e credo che una speranza a questa creatura vada data, per rispetto etico dell'essere umano, per rispetto di sè e degli altri, senso dell'umano e della dignità che sempre più manca, e sempre in nome del denaro, occorre investire per rendere tutte le vite dignitose non per agevolare la morte, soprattutto quella di un bimbo... l'essere umano ha un valore speciale su questa terra altro che tutti quelli che si straccano le vesti per cause assurde, o tutela degli animali, del geco biforcuto di cui al mondo nessuno sentirebbe al mancanza come le milioni di specie che si sono estinte nell'evoluzione sulla terra...

vince50

Mer, 05/07/2017 - 13:53

Ma quali problemi legali,sono soltanto un'assurdo ipocrita pretesto per impedirlo basterebbe volerlo e stop.Il timore è che se mai fosse(magari)trovassero una soluzione positiva rimarrebbero sputtanati,sono Inglesi mica Italioti.

Ritratto di Margherita Campanella

Margherita Camp...

Mer, 05/07/2017 - 13:54

C'è proprio da star tranquilli se dell'intera vicenda se ne occupa angelino. Sono disgustata! Nessuno, neanche un giudice può permettersi di decidere della vita e della morte di un essere umano. La cultura della morte è prevalsa su quella della vita. Giudici britannici e giudici dell'UE sono come i terroristi islamici...ASSASSINI!!!

antonmessina

Mer, 05/07/2017 - 13:57

ebbasta!!!!!!!!!!!!! che palleeeeeeeee

Angelo664

Mer, 05/07/2017 - 13:59

Bravo ministro inglese ! Non si interfacci con certi personaggi di buffonlandia !

aredo

Mer, 05/07/2017 - 13:59

Il Papa comunista vuole sfruttare la situazione a suo vantaggio con la solita fintissima solidarietà (parola che va abolita per legge, oramai simbolo della mafia sinistra). Fatto sta che i politici UK ed i giudici mafiosi di sinistra UK non devono avere alcun potere di negare ai genitori il trasferimento del figlio. Che gli frega a loro se muore in UK o muore negli USA tentando una cura sperimentale ? Vogliono farlo morire senza provare fino all'ultimo ogni tipo di cura. "La legge" sta facendo gli interessi di chi? Dell'anima del bambino? Non fanno niente per tentare di salvarlo, vogliono solo ucciderlo! Per dimostrare cosa? Che sono giudici potenti? Che "la legge" è "la legge" ?

GiovannixGiornale

Mer, 05/07/2017 - 14:06

Sono contento (per quanto si possa esserlo in questa circostanza) di sapere che non siamo i più imbecilli del mondo.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 05/07/2017 - 14:09

Storia straziante, e quel che è peggio si specula sulla vita di un bambino sfortunato per calcoli etici e politici. Se esiste un Dio spero che provveda in fretta a portare questo angelo al suo cospetto.

Ritratto di Impresentabili

Impresentabili

Mer, 05/07/2017 - 14:14

Alfano(chi?)ha telefonato a Boris Johnson ? Interessante:Vorrei sapere,oltre alle mani in che lingua o meglio, in che idioma si é espresso il dottor professor Alfano ? Si è fatto prestare l'inteprete personale da De Mita ?

accanove

Mer, 05/07/2017 - 14:29

una clausola burocratica sovrasta la vita di un bimbo innocente e sfortunato, pensate in che considerazione siamo tenuti dalle istituzioni in genere (salvo che il rifiuto sia stato dato per la scarsa "credibilità" del nostro rappresentante)

Luigi Farinelli

Mer, 05/07/2017 - 14:31

Sarebbe da conoscerli questi "impedimenti legali". Vale anche per un trasferimento negli USA? Inutile poi chiedere l'intervento dell' "Europa Unita" che sulle ideologie di morte, sull'abbattimento dei principi morali e della centralità della famiglia rispetto all'invadenza statale, sta consolidando, grazie alla massoneria che la governa, la giurisprudenza da rendere obbligatoria nell'immediato futuro.

Razdecaz

Mer, 05/07/2017 - 14:36

Con il nostro egoismo e la nostra falsa compassione, che vogliamo trattare persone senza alcuna altra giustificazione che la nostra paura! Il decorso di questa malattia allo stato attuale non può essere invertito. Potremmo dunque aprire una parentesi sul senso della vita di un bambino come Charlie. Non irrilevante sarebbe accennare anche ai costi, siccome tenerlo in vita costa. Chi paga? La vita non ha prezzo? Verissimo. Ma nemmeno è giusta la vita ad ogni costo. Siamo responsabili delle risorse, sempre e se non c’è possibilità di guarigione occorre prenderne atto. Duro? Sì. Ribadisco: Il respiratore va staccato, piaccia o no. Tanto morirà sicuramente, e nel frattempo soffrirà inutilmente.

dakia

Mer, 05/07/2017 - 14:40

Questi oltre che inglesi sono PROTESTANTI di religione e...non diciamo sempre che non c'entra nulla con loro che sono più democratici di noi di noi!Loro sono tutto + persino estremisti e non se ne rendono conto.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mer, 05/07/2017 - 14:42

La vita in Inghilterra vale zero. Se sei un cane hai più possibilità di salvarti là...

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 05/07/2017 - 14:47

Mission impossible? Tutte balle,nulla e'impossibile

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Mer, 05/07/2017 - 14:56

@aredo Charlie è il primo caso di eutanasia secondo la visione di Jacques Attali che nel libro “l’avenir de la vie” prospettava l’eutanasia per gli ultra-60/65enni ormai improduttivi in termini di costo/contributo alla società. Attali vede l’eutanasia come un fatto positivo e afferma che è meglio che la macchina umana si arresti piuttosto che deteriorarsi progressivamente. È vero che in questo caso l’eutanasia riguarda un bambino ma la situazione è analoga, cioè tutto ciò che è difettoso e improduttivo deve essere eliminato. Che contributo darebbe alla società un bambino come Charlie anche se migliorasse? In una realtà sempre più polarizzata in cui i ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri aumentano e diventano più poveri e in cui gli unici valori che contano sono visti in termini di “redditività” della persona, non c’è posto per Charlie. Charlie rappresenta il confine tra una società umana e una nuova possibile società disumanizzata.

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Mer, 05/07/2017 - 14:57

Maledetti giudici, carnefici immondi,smaniosi di giocare a fare Dio in terra.Emuli di Mengele, falsi dei che decidono la vita e la morte con un semplice gesto del pollice.

Boxster65

Mer, 05/07/2017 - 15:12

Ma basta con questa storia, non ne parlano in UK, non ne parlano negli altri paesi, solo in questo paese di falsi samaritani continuate a scassare i cosiddetti per una storia triste ma che non deve farci dimenticare che i posti in terapia intensiva devono essere occupati da chi ha speranza di poter essere salvato e non da chi sta lì a vegetare in attesa di un miracolo che né il Papa e nessun essere vivente o sovrannaturale può compiere. Pensate a fare del bene a chi può trarne davvero giovamento.

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Mer, 05/07/2017 - 15:17

@Razdecaz in USA un medico ha elaborato una possibile cura ancora in fase sperimentale che, senza dare certezze, potrebbe migliorare il decorso della malattia di Charlie, ma lei dall’alto della sua profonda esperienza ha decretato che per Charlie non c’è nulla da fare. Il decorso della malattia è irreversibile dice, e allora? Anche se fosse vero Charlie è VIVO, secondo lei bisognerebbe quindi sopprimere chiunque sia affetto da una malattia incurabile? Tenerlo in vita costa? I genitori hanno raccolto 1 milione e mezzo di pounds per portarlo in USA. Soffrirà sicuramente? I medici del GHSH dove si trova Charlie non sono sicuri che soffra dicono solo che è probabile. Insomma non ne ha azzeccato una ma sulla base delle scemenze che ha scritto decide che bisogna staccare il respiratore. Sulla base delle motivazioni imprecise e maldestre che lei adduce staccare la spina diventa un OMICIDIO, ma lei deve essere un compagno, si sa voi avete ragione per definizione.

i-taglianibravagente

Mer, 05/07/2017 - 15:29

Impossibile fermare questi boia assetati di sangue nell'intento di ammazzare cosi un bambino. Sono le "meraviglie" di questa societa' "progredita", tutta presa dal desiderio di liberarsi di Dio e della voce della propria coscienza. L'inferno e' pieno di questi superbi in camice bianco, giacca e cravatta.

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Mer, 05/07/2017 - 15:53

@Boxster65 sono state indette almeno 5 petizioni per salvare Charlie, la stampa inglese ha pubblicato moltissimi articoli sul tema, Donald Trump si è offerto di aiutare i genitori a portare Charlie in USA, purtroppo essendo stata emessa una sentenza che lo vieta è necessario trovare nuovi elementi che giustifichino la riapertura del caso sperando che la nuova causa produca una sentenza diversa. In quanto ai posti in terapia intensiva che non devono essere occupati inutilmente, mi rendo conto che il concetto che i genitori di Charlie abbiano raccolto 1.3 milioni di pounds per portare Charlie in USA sia difficile da capire ma ci provi, faccia uno sforzo vedrà che ce la fa anche lei. Se Charlie si trova ancora in questo ospedale è a causa del fatto che gli è stato vietato di trasferirsi negli USA. Aggiungo solo che la superficialità e il qualunquismo con cui lei disserta del tema è semplicemente RACCAPPRICCIANTE.

Razdecaz

Mer, 05/07/2017 - 17:00

@LadyCassandra Tutti gli esperti hanno concordato su un punto: trasferire Charlie in America sarebbe inutile. Non solo la terapia non avrebbe alcun beneficio ma il procedimento non farebbe altro che prolungare in maniera disumana le sue sofferenze. Ci sono persone però che, senza alcun rispetto per la situazione e per i genitori di Charlie si dedicano ad altro. Non a fare chiarezza ma a creare confusione. La terapia che i genitori cercavano negli USA, È STATA SPERIMENTATA SOLO SUI TOPI.

Razdecaz

Mer, 05/07/2017 - 17:13

Un bimbo come Charlie, intubato e ventilato può sopportare un viaggio in aereo? Il centro proposto offre delle garanzie adeguate di cura? Ha un livello assistenziale adeguato? Se un’equipe di esperti dà risposta negativa a queste domande: chi siete voi tutti per giudicare? Che strumenti avete? È pensabile che a questi medici possa non interessare una reale seppur minima possibilità di salvare il bambino? Ripeto, la terapia che i genitori cercavano negli USA è stata sperimentata solo sui topi. Credo sia davvero sbagliata la posizione espressa da alcuni circa la vicenda di Charlie e trovo molto gravi le accuse che vengono rivolte a medici e giudici di essere assassini. Accuse gravi e ingiustificabili.

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Mer, 05/07/2017 - 17:36

@Razdecaz Lei insiste sulle sofferenze di Charlie che sono un’idea sua, un medico che lo segue dice SOLO che è PROBABILE che Charlie provi dolore. Da “Gatewest London” “A specialist in paediatric medicine at GOSH told the judge that Charlie was likely to be feeling pain”. In quanto agli esperimenti sui topi: dal sito del National Human Genome Research Institute: “Overall, mice and humans share virtually the same set of genes. Of the approximately 4,000 genes that have been studied, less than 10 are found in one species but not in the other.” Il genoma dei topi e quello degli esseri umani è molto simile su 4000 geni studiati solo 10 non erano comuni ad entrambe le specie. La sperimentazione sui topi ha dato ottimi risultati, certo poi bisogna passare agli esseri umani, la scienza funziona così e fino ad oggi abbiamo usufruito dei risultati, ma questa sentenza apre la strada ad un modo diverso di trattare le malattie incurabili, sopprimere il paziente.

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Mer, 05/07/2017 - 17:47

@Razdecaz 17:13 semmai chi è LEI per giudicare, lei continua a citare gli esperimenti sui topi: “Areas in which rat models have already helped to advance medical research include: cardiovascular diseases (hypertension); psychiatric disorders (studies of behavioral intervention and addiction); neural regeneration; diabetes; surgery; transplantation; autoimmune disorders (rheumatoid arthritis); cancer; wound and bone healing; and space motion sickness.” Questi sono alcuni degli ENORMI vantaggi della sperimentazione sui topi, Charlie avrebbe potuto essere il PRIMO umano, perchè vede QUALCUNO DOVRÀ ESSERE IL PRIMO, la scienza funziona così anche se lei non lo sa.

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Mer, 05/07/2017 - 17:56

@LadyCassandra: mi complimento per i suoi interventi. Mi ha tolto le parole di bocca. Saluti

Razdecaz

Mer, 05/07/2017 - 18:01

@LadyCassandra A gennaio i medici hanno chiesto l’autorizzazione per la sperimentazione della terapia. Nel frattempo però l’encefalopatia epilettica di cui soffre il bambino ha creato un danno celebrale gravissimo e irreversibile, vanificando ogni speranza di guarigione. Charlie ha sofferto di numerosi attacchi epilettici. Per questo motivo i medici hanno chiesto al giudice, il permesso di sospendere la respirazione artificiale e limitare le terapie a cure palliative. I medici ritenevano di agire nel “miglior interesse” del bambino. E i giudici, ascoltati numerosi esperti, hanno dato loro ragione. Non è stato “il tribunale” a decidere da solo, come vogliono far credere alcuni.

Ritratto di adl

adl

Mer, 05/07/2017 - 18:16

@ Razdecaz. Non sono un medico, pertanto mi guardo bene dall'esprimere valutazioni riguardanti l'opportunità scientifica di provare o meno una cura alternativa. Il problema a mio avviso è il seguente: Posto che i genitori si trovano in una tale situazione, hanno diritto o no a far trasferire Charlie, in un altro ospedale che si dichiara disponibile a riceverlo e prendersene cura ????? Io credo che tecnicalities a parte, ovvero precauzioni da prendere per il trasferimento del malato, il diritto ce l'hanno eccome, trattandosi di loro figlio. Non condivido affatto chi esprime opinioni avventate sulla disumanità presunta dei medici, ma se esiste un diritto di morire, credo si chiami eutanasia, deve esistere a maggior ragione un diritto di VIVERE, O DI FARE IL POSSIBILE DI FAR VIVERE UN PROPRIO CONGIUNTO.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 05/07/2017 - 18:26

---non se ne può più con questo charlie che rappresenta l'ipocrisia e la cattiva coscienza degli occidentali che cercano morbosamente un disperato punto d'appoggio per mondare i loro sensi di colpa--chiamate me che sarei ben felice di staccare la spina--charlie è ormai un vegetale con elettroencefalogramma piatto--è diventato cieco--è diventato sordo--e viene tenuto in vita dalle macchine che respirano per lui--e mentre il mondo dibatte sul nulla --il corpo del piccolo prova dolore e deve essere sedato--tutti lo vogliono--lo vuole pure trump che ammazza bambini sani siriani a gogò--ogni giorno nel mondo muoiono 20 mila bambini--morti evitabili se ci si concentrasse un pò con politiche all'uopo--stranamente tutti vogliono dimostrare la loro generosità con uno che bambino non lo è più da un pezzo--swag

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Mer, 05/07/2017 - 18:29

@gabriele74-cina la ringrazio, mi fa piacere che altre persone la pensino come me riguardo questa sciagurata vicenda

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Mer, 05/07/2017 - 18:32

@Razdecaz 18:01 La terapia a cui doveva essere sottoposto Charlie, che si chiama “Nucleoside therapy” è un trattamento sperimentale infatti ai genitori non è stata data alcuna garanzia, ma cosa ha da perdere un bimbo che è condannato a morire comunque? Perchè privarsi di quest’ultima anche se remota possibilità? Stephen Hawkins quando gli è stata diagnosticata la sua malattia avrebbe dovuto morire dopo poco tempo, dopo più di 50 anni è ANCORA VIVO, l’unica parte del suo corpo che non è paralizzata è un singolo nervo ma lui è vivo vegeto e funzionante. Questo per dire che avere la presunzione di affermare che una possibile cura per quanto sperimentale non servirebbe a nulla ed in mancanza di un'alternativa, vuol dire non aver capito niente in merito a come funziona la natura, che non smette e non smetterà mai di stupirci con “effetti speciali”.

caramella22

Mer, 05/07/2017 - 18:54

LadyCassandra Guardi che persino i medici americani hanno detto che, essendosi di molto aggravate le condizioni del bambino, non ci sono assolutamente più speranze. E questi medici americani sono quelli che meno mi piacciono di questa straziante vicenda. Squallidi cacciatori di denaro e di gloria, che per la modica cifra di oltre un milione di sterline si sarebbero divertiti sul povero corpicino. Il bimbo "vive" sedato da quando è nato, resta in vita, se vita si può chiamare, sono grazie ad artifici tecnologici. Ma lasciatelo in pace, povera creatura. Capisco i genitori, ma non capisco il resto del mondo. Cosa cambia se viene al Bambin Gesù? hanno detto anche loro che non gli danno alcuna speranza. Sarebbe solo tanta bella pubblicità ad un ospedale privato già miliardario. Ripeto: lasciate in pace il povero sfortunato Charlie

Nick2

Mer, 05/07/2017 - 19:44

Pensate un po', camerati, voi, al pari del vostro condottiero in felpa, siete concordi nel voler tenere in vita in modo artificiale una povera creatura, destinata a morte sicura, rischiando di farla soffrire inutilmente. Allo stesso tempo, per ogni creatura come questa che annega in mare fate festa. Ma non basta! Vi ritenete pure baluardo del cattolicesimo contro l'islam e contro quello che definire l'antipapa. Ma in che Dio credete? Se non foste dei poveracci vittime di beceri demagoghi, mi fareste orrore...

giovanni951

Mer, 05/07/2017 - 20:51

mi domando perché al bambin gesú vogliono il povero bimbo se non sanno come curarlo....non hanno neppure una idea. mistero....

leserin

Mer, 05/07/2017 - 21:12

Non solo non lo si può lasciar morire come la Natura vorrebbe, bisogna ammazzarlo prima perché così dice la legge. Non sia mai che la cura sperimentale in America funzioni.

asalvadore@gmail.com

Mer, 05/07/2017 - 21:23

Non esiste peggior prigione che una parola senza senso. La vita é sacra dicono i preti. é un dono di Dio e non si puó toccare. Si per una vita degna di essere vissuta ma non per un martirio. Ma avete mai visto i mostri che sono ricoverati nel Cottolengo a Torino, tutti le deformazioni fisiche possibili dell'essere umano vegetanonel Cottolengo, secondo i preti anche esse son volute ds Dio. E gli aborti spontanei che nel maggiore dei casi non sono altro espulsioni spontanee di corpi che il fisico riconosce come estranei, ricordate lo scandalo del Belgio riempito di mostri dall'uso della simpammina come tranquillante ma poi riconosciuta come un soppressore del rigetto immunologico, Anche questi rigetti son un don Dio. Dio da e poi si pente. Questi sono problemi molto seri che gravano solo sulle coscenze dei singoli e sui quali i neurotici celibatari non hanno assolutamente nulla da dire. .

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 06/07/2017 - 00:42

Il piccolo Charlie non può essere portato altrove per motivi legali. Ci fosse uno che spieghi quali siano questi cosiddetti motivi legali.

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 06/07/2017 - 00:44

LadyCassandra : Complimenti per le sue esposizioni e per la testardaggine nel voler chiarire a taluni la validità dei suoi argomenti, ma è fiato sprecato.

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 06/07/2017 - 00:46

elkid 18:26 – Lo scrittore Gesualdo Bufalino diceva che "Più micidiale dell'impostore che crede alle proprie imposture, è il veridico innamorato delle proprie verità". - Si direbbe che il citato scrittore si sia ispirato a elkid (e Raoul Pontalti pure).

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Gio, 06/07/2017 - 01:07

@ caramella 22 non so quali siano le fonti delle notizie ERRATE che lei riferisce ma ben TRE giornali inglesi, independent, daily mirror e daily express scrivono che a seguito dell’intervento di Donald Trump un altro ospedale americano si è offerto di provare a curare Charlie GRATIS, ma lei parla di “cacciatori di denaro e di gloria che si sarebbero divertiti sul povero corpicino” lei deve essere un abituale lettore di stampa tipo “cronaca vera”. Chissà cosa avrebbe detto a proposito di Stephen Hawkins che è vissuto per 50 anni attaccato ad una macchina, certo col senno di poi è tutto diverso ma ai tempi avrebbe senz’altro dettodi lasciarlo morire in pace invece di ostinarsi a curarlo dato che i medici avevano detto che non sarebbe vissuto a lungo, ma come ho già scritto la natura non finirà mai di stupirci con effetti speciali.

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Gio, 06/07/2017 - 01:32

@elkid ho scritto per ben tre volte che lo stesso pediatra che ha in cura Charlie ritiene che sia probabile che il bimbo provi dolore ma nessuno può saperlo con certezza, vedo che siete tutti dei gran sveglioni, (troppa ganja?) Da “Gatewest London” “A specialist in paediatric medicine at GOSH told the judge that Charlie was likely to be feeling pain”, che venga costantemente sedato per combattere il dolore lo ha sognato lei sotto l’effetto della “ganja” ma io che non bevo, non fumo neppure sigarette normali e bevo solo caffè solubile vedo la realtà per quella che è. Voi invece Charlie lo volete morto perchè è “difettoso”, avreste soppresso anche Stephen Hawkins se avreste potuto. Contro l’ideologia non esiste nessuna logica che possa fare anche minimamente presa per cui questa è una discussione inutile.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Gio, 06/07/2017 - 07:58

Che ipocrisia! Questo bambino non ha nessuna possibilità di sopravvivere e soprattutto si continua a farlo soffrire. Lasciatelo in pace. I medici hanno ragione!

gesmund@

Gio, 06/07/2017 - 09:28

La vita, ogni vita, è a prognosi infausta, per dirla con linguaggio medico. Ma ogni vita è voluta dall' amor che muove il sole e l'altre stelle.

alev

Gio, 06/07/2017 - 10:13

Ma nessuno si rende conto che praticamente questo povero piccino è già morto?

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 06/07/2017 - 10:21

LadyCassandra : Complimenti per le sue esposizioni e per la testardaggine nel voler chiarire a taluni la validità dei suoi argomenti, ma è fiato sprecato. – (2° invio)--

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Gio, 06/07/2017 - 11:19

@abj14 Grazie, ha ragione contro le convinzioni irrazionali non c’e nulla da fare.