Chi annega Venezia

Ecologisti, sinistra e magistrati hanno rallentato il Mose e ora piangono Dopo Tav e Ilva, un’altra emergenza per il governo della decrescita

S commetto che adesso ci diranno che ha ragione Greta, che Venezia è vittima del cambiamento climatico che sposta le acque e desertifica le terre. Palle, le acque si spostano dai tempi di Mosè, quella che oggi chiamiamo Italia è stata gravemente alluvionata, a volte devastata, centinaia di volte nel corso dei secoli, quando la plastica, le auto e gli aerei erano di là da venire. La differenza rispetto al passato è che allora non c’era che morire e subire, oggi potremmo difendere le nostre terre, il nostro patrimonio e noi stessi, se solo usassimo al massimo ciò che la tecnologia ci ha messo a disposizione. Se non accade non è colpa del clima, ma degli uomini, delle loro debolezze, delle ideologie ambientaliste e da «decrescita felice» che intralciano e rallentano la costruzione di adeguate difese dalle bizze della natura nemica.

Venezia è sott’acqua perché non c’è ancora in funzione il Mose - la barriera artificiale per arginare le maree - nonostante in molti abbiano demonizzato questo sistema, pensato ormai trent’anni fa. «Rovina l’ecosistema, costa troppo e non serve a nulla», ci hanno detto. E allora non piangiamo se Venezia va sotto e se, a furia di andare sotto, un giorno o l’altro scomparirà del tutto, con buona pace delle cozze e dei molluschi che potranno liberamente riprodursi.

La magistratura e la politica, con i suoi malaffari, hanno fatto di tutto per intralciare l’ultimazione di questo «mostro» miliardario (ne sono già stati spesi più di cinque). Invece di cacciare gli incapaci e arrestare sì i ladri ma continuare l’opera, se la sono presa (magistrati e politici) soprattutto con l’opera a corrente alternata, in base a chi era chiamato a governare il Paese e il territorio. Uno stop and go inaccettabile che ha prodotto solo ritardi e sprechi, tali da rendere il Mose oltre che iper costoso tecnologicamente vecchio.

Nella sostanza la storia del Mose non è poi così diversa da quella della Tav e dell’Ilva, cioè quella delle grandi opere - e delle grandi industrie - viste come il male assoluto, avversate ieri dalla sinistra ambientalista e oggi dai grillini, oltre che da punire in sé per l’ala più ideologizzata della magistratura. Altro che Greta e pm. L’Italia ha bisogno di imprenditori e finanzieri disposti a rischiare dentro regole certe. E di politici che li tutelino invece di lasciarli in balìa del primo fesso che passa. Il problema nasce quando il fesso è la stessa persona che fa politica, la politica dei «no». Un tema quanto mai attuale.

Commenti
Ritratto di adl

adl

Gio, 14/11/2019 - 18:10

Io farei un titolo un pò diverso: Chi annega, Venezia ??? risposta: No è tutta l'Italia.

Luigi Farinelli

Gio, 14/11/2019 - 18:18

Queste cose bisognerebbe comincire a rinfacciarle a brutto muso a tutti i sinistrorsi che con le loro ideologie stanno affossando non solo l'Italia. La "decrescita felice" fu la giustificazione teorica ("I limiti dello sviluppo" del Club di Roma di Pacciardi) per la grande finanza "creativa" sulla strada del Nuovo Ordine Mondiale tecnocratico da costruire gradatamente inventando l' "Uomo Nuovo" adatto alla società del consumismo senza fine e la "Repubblica universale", il Bengodi pallino della massoneria per abbattere confini e Stati nazionali. Oggi il testimone di questa forsennata corsa a a sparare le ideologie più grosse l'ha preso la "Sinistra" assurdo coacervo di idiozie ecologiste con Greta all'avanguardia manovrata da autentici farabutti che dovrebbero essere accusati di pedofilia. Siamo ora al punto di doverne pagare conseguenze pesantissime, per non parlare del mancato sviluppo dei Paesi poveri "per non contribuire all'inquinamento da CO2".

corivorivo

Gio, 14/11/2019 - 18:21

se fossi magistrato alle acque di Venezia, ordinerei a tutti i culiritti rossi di fare siepe in le bocche di porto mentre intonano bella ciao la nineta in gondoeta...

nopolcorrect

Gio, 14/11/2019 - 18:28

Certamente la magistratura politicizzata e inefficiente è un CANCRO dell'Italia.

Venditore

Gio, 14/11/2019 - 18:33

Venezia nei secoli ha rubato spazio all'acqua e l'acqua ha sempre tentato di riprenderselo. L'altro giorno l'acqua ha mandato un messaggio forte: non si deve costruire nelle zone goleniche e chi lo fa se ne deve assumere il rischio e accettare il danno. Punto. Ma le case a Venezia valgono dieci volte tanto e allora vai di edilizia, con buona pace dell'arte e della bellezza. Questo è egoismo, ha ragione Sgarbi.

maurizio.fiorelli

Gio, 14/11/2019 - 19:01

Bravo signor Direttore, la penso anch'hio come lei ed alcuni"scienziati" del clima ne hanno già parlato pur sapendo che nel 66 l'acqua era salita ancora più in alto.

gustinet

Gio, 14/11/2019 - 19:26

Prima ancora del Papa Padrone Grillo (NO a tutto) c'era una magistratura che, se pur lodevole e necessaria nel fermare i politici corrotti, fermava e forse ferma ancora opere necessarie alla comunità, compiendo sequestri ostili a ogni attività, oltre a continuare per anni processi farraginosi, in cui il colpevole alla fine fa la figura di un perseguitato e non di un vero colpevole. Il desiderio di tutti è che i giudici mettano in fretta i colpevoli in galera e ancora più in fretta diano ai politici la sveglia per sostituire i colpevoli con gente che faccia continuare i lavori. Sarebbe la cosa ovvia, ma c'è qualcosa di ovvio in Italia? Si spera sempra che dagli sbagli si impari qualcosa, anche se ci sarà sempre qualcuno convinto che l'ex Ilva sia distrutta, la Tav sia boicottata e il Mose sia abbandonato come inutile, visto che il lavoro è fatica e inoltre sporca le mani, mentre ai non addetti ...

Ritratto di Furio64Lostile

Furio64Lostile

Gio, 14/11/2019 - 19:46

Ho che il MOSE è costruito al 95%. Lo vanno a spiegare ai Veneziani?

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Gio, 14/11/2019 - 19:57

DEMOLIRE VENEZIA ---- 19,57 - 14.11.2019

Ritratto di Walhall

Walhall

Gio, 14/11/2019 - 20:54

Gentile Direttore, lei scrive:"L’Italia ha bisogno di imprenditori e finanzieri disposti a rischiare dentro regole certe". Non credo proprio, non rischierò più nulla su una Nazione che si divora il denaro in questo modo, perché l'unica regola certa è che l'investimento, senza contare il know how, l'ingegno e la passione, verranno dissipati tra burocrazia, corruzione e tentennamenti. Mi dispiace, ma per ora, l'Italia è un Paese da ben guardarsi e per riacquistare fiducia, ne devono passare almeno tre di legislature serie, operose e garantiste. Ho aperto una filiale in Italia nel 2004 che da lavoro a 141 persone. Dal 2010 mi genera solo un serie di costi immotivati: la plastic tax e l'aumento dell'accise sul diesel sono l'ultimo atto di tanta illogicità politica, e le giustificazioni del Governo sono pleonastiche e ridicole. Non ci si lamenti se poi, noi investitori esteri preferiamo delocalizzare altrove. Qui non ci sono le condizioni basilari per capitalizzare.

Raffaello13

Gio, 14/11/2019 - 21:38

Abitando poco distante da Venezia e Chioggia, ed avendo visto da decenni non solo le acque alte ma le piene furiose di Adige e Po che per decenni ci hanno minacciato, per confutare i discorsi esagerati e ideologici di pseudo ambientalisti, voglio ricordare come negli anni Cinquanta vi fu un fenomeno di abbassamento dei terreni costieri nella zona di Venezia e del Delta del Po, all'Epoca imputati ai numerosi pozzi che dovunque nelle zone estraevano grandi quantità di Metano, però assieme ad acqua e ai sedimenti di sabbie e limo. Proibite le estrazioni, i livelli del Medio Mare mi risulta sia rimasto SEMPRE lo Stesso! Testimonianza ne sono i numerosi manufatti in riva che in regime di pausa tra l'Alta e la Bassa marea sono sempre alla stessa altezza. E quando variano le maree ce ne accogiamo subito perchè anche i Fiumi si innalzano nei loro letti che attraversano le città. Quindi dagli Anni Cinquanta il Mare è sempre Allo Stesso Livello|

Raffaello13

Gio, 14/11/2019 - 21:42

Allora perchè le Acque Alte eccezionali? Perchè sono le somme delle differenti onde di Maree, date dalle fasi della Luna ed i Pianeti in eventuale concordanza, ed i venti Sciroccali che sospingono le Acque verso la Laguna. Inoltre vi sono canali e fiumi che si gettano vicino alla Laguna e, se piove Molto anch'essi concorrono.

faman

Gio, 14/11/2019 - 21:51

Galan, ex governatore del Veneto, che ha patteggiato una condanna per corruzione negli appalti sul Mose, non mi pare sia proprio "rosso", o no?

Degas

Gio, 14/11/2019 - 22:05

Il male di questi tempi è il semplicismo, la superficialità, è la necessità di addossare la colpa di tutti i mali al nemico di turno. Questo articolo ne è solo un esempio.

INGVDI

Gio, 14/11/2019 - 22:12

Una stupidità collettiva ha permesso che i grillini andassero a governare. complice Salvini, incapace di prevedere l'impossibilità di governare con degli irresponsabili che hanno come filosofia la decrescita felice.

Altoviti

Gio, 14/11/2019 - 22:35

caro direttore sono i soldi pubblici che uccidono Venezia. Se il porblema venisse risolto sarebbe la fine della pioggia dei soldi pubblici e allora come si finanzierebbero i sinistroidi ove lavorerebbero? In Italia ci sono tanti problemi di cui si conosce la soluzione ma che non sirisolvono mia apposta perché intanto arrivano i soldi pubblici che si sperperano in studi e convegni...Ove tanti mangiano e dopo finiti questi accusano che non siè fatto niente e ne vogliono di più in un'infinita danza della pioggia dei soldi pubblici. poi quando si fa qualcosa si cerca di rovinarlo o di impedirlo perché il problema sussista e che non finisca lr'arrivo di fondi a pioggia...

ex d.c.

Ven, 15/11/2019 - 00:49

Giustissima considerazione

Gattagrigia

Ven, 15/11/2019 - 01:52

Direttore lei scrive che le grandi opere e le industrie sono avversate dalla sinistra e dai grillini che quindi le bloccano, nel caso del MOSE mi è parso di capire che invece sia stato bloccato dalla corruzione causata da esponenti del cdx, in particolare FI. L'Italia è un paese corrotto, questa corruzione, così come la "furbizia" di tantissimi piccoli imprenditori e politici,ha portato alla crescita di una burocrazia assurda e ad una pressione fiscale non proporzionata ai servizi ricevuti. Concordo con chi lascia questo paese, da imprenditore o dipendente con una specializzazione.

rrobytopyy

Ven, 15/11/2019 - 08:28

ma scriva le cose come stanno:- -di tutte le ruberie che ci sono state, Galan non era un suo pupillo ? - che l' opera non doveva nemmeno nascere perchè già obsoleta -che un progetto simile è stato fatto partire per soltanto motivi clientelari. - l' assurdo è che siccome manca poco a finirla si deve portarla a termine con altri costi, quando si sa benissimo che non funzionerà e quindi altri costi per demolirla. Con le attuali tecnologie si potrebbe con gli stessi soldi che servono per finirla e demolirla, fare un progetto nuovo ingaggiando esperti che hanno già fatto progetti simili e funzionanti in altri paesi.

antipifferaio

Ven, 15/11/2019 - 08:49

Egr. direttore, concordo con quanto dice su Venezia. Aggiungo solo che Venezia è semi-sommersa da un'alta marea eccezionale, mentre il sud Italia è già annegato (vedi ILVA, appunto). Per non parlare di regioni che potrebbero, turisticamente, essere migliori della Florida ma, con una perizia diabolica, sono state sotterrate dal "sistema" della sinistra. Non aggiungo altro per non ripetermi in eterno sull'argomento. Spero solo che entro giugno si vada ad elezioni anticipate e questo volta esca fuori un parlamento che possa opporsi alla dittatura UE e mettere FINE alla maledetta Austerity che, contro l'Italia, si è rivelata uno strumento bellico molto più efficace di tutti gli eserciti, le aviazioni e le marine militari più potenti d'Europa messe insieme.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Ven, 15/11/2019 - 08:52

@ faman, cosa c'entra Galan, mica si sta discutendo di corruzione ma semmai del perché l'opera non è ancora pronta. Domanda facile facile, ha causato più danni a Venezia per i ritardi al Mose la corruttela di Galan o il ritardo di ambientalisti, magistrati e compagnia cantante ?

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 15/11/2019 - 09:24

C'è qualcosa che non convince su un'opera, si dice, già realizzata al 94%. Colpisce l'indolenza nel completamento del restante 6%, nonostante l'urgenza data dalle frequenti inondazioni. A fronte della montagna di denaro finora speso non si spiega il tergiversare, salvo strillare poi nell'emergenza come in questi giorni. Il tarlo da eliminare è che non si voglia completare i lavori per la paura che emerga qualcosa di grave nella fase di collaudo finale. Sarebbe devastante.

SeverinoCicerchia

Ven, 15/11/2019 - 09:43

bah, ci sono opere buone e opere cattive il mose è un progetto nato male non è che chi avversa le cose cattive sia cattivo, lo è se boccia senza proporre una alternativa costruttiva all'epoca le alternative al mose, e anche più economiche , c'erano lo dice cacciari, tre volte sindaco, che ne sa più di me, non i 5s, che secondo il direttore sono la causa anche della fame nel mondo e della peste bovina

Valvo Vittorio

Ven, 15/11/2019 - 10:34

Ottimo articolo del direttore Sallusti, ma è anche doveroso segnalare un altro articolo molto esplicativo della ristretta visione del pentastellato Trizzino a firma del giornalista luca Sablone. in data odierna.

rrobytopyy

Ven, 15/11/2019 - 11:06

Maximilien, mi sembra che le due cose siano strettamente collegate. Se lei vede che per i suoi lavori di ristrutturazione casa i costi lievitano, che i lavori non procedono come dovrebbero, che i materiali non sono idonei, che la sua casa probabilmente alla fine dei lavori sarà peggio di prima che fa ? li fa continuare ?

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 15/11/2019 - 11:24

la risposta alla vostra domanda è: tutti i politici locali e qualcuno di roma dal 2003 a oggi!

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Ven, 15/11/2019 - 11:45

Carissimo Direttore, purtroppo i molluschi, tra i quali le cozze pelose e quelle scalatrici, prosperano da troppo tempo, anche senza acqua e a dispetto della bellissima Venezia... sempre a spese nostre.

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 15/11/2019 - 11:45

rrobytopyy - Se piove dal tetto, certo che li fa continuare! Butta fuori il precedente appaltista, che sicuramente è un incompetente di sinistra, e ne chiama uno nuovo e più affidabile.

forzanoi

Ven, 15/11/2019 - 11:50

E' lItalia intera che va a picco. Se i servizi sono inefficienti la colpa è di tutti coloro che ci hanno governato nell'ulimo secolo, lega compresa .Inutile fare sciacallaggio politico perchè in fondo loro governano il Veneto da un bel po' di tempo ,cosi come i trasporti in Lombardia, regione ricchissima e virtuosa dove per una tratta di 40 Km in treno se ti va bene impieghi oltre un'ora , ma se ti va male come accade quasi tutti i giorni, perdi la giornata. Per non parlare dell' Ilva E allora qui la colpa di chi è? Promesse e parole tante ma resteremo sempre gli ultimi ,chiunque andrà a governare! Povera Italia, come sei caduta in basso, ma il peggio forse,non è ancora arrivato!

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 15/11/2019 - 12:01

egregio direttore, io l'ho sempre ritenuto un giornalista serio, ma questa volta ha toppato! secondo lei le colpe del disastro di venezia sarebbero dei non meglio precisati magistrati e politici, l'unico nome che ha fatto è quello di greta(che nella questione non c'entra nulla per che la ragazzotta è solo portatrice di idee primordiali)per ciò se lo ritiene giusto, ci faccia sapere le colpe di quali magistrati e di quali politici sono dal 2003 ad oggi, visto che andrà a venezia(metaforicamente)ci faccia sapere anche qualcosa del ponte calatrava!

Ritratto di Toscodiforavia

Toscodiforavia

Ven, 15/11/2019 - 13:03

Sapesse che soddisfazione, caro Direttore, sentire la BBC che dice "Italian mismanagement" ...

no_balls

Ven, 15/11/2019 - 13:03

ma tu guarda..... e io che credevo che la colpa era di galan di forza italia , governatore del veneto e ministro del governo berlusconi. Il cui arresto fu negato dai deputati di forza italia....(toghe rosse) arrestato ugualmente insieme ad una bella cricca..... Dopodiche' se come e' oramai acclarato questo mostro non funzionera' mai se non per far guadagnare a qualcuno le consulenze... test... manutenzione etc etc etc..... potremo dire che gli ambientalisti avevano ragione e sallusti al solito sta dalla parte "sbagliata". Chissa cosa scriveva al tempo sallusti sull'indagine contro galan....

no_balls

Ven, 15/11/2019 - 13:07

il mose si completa in due giorni... basta pagare a fine lavoro gli ingegneroni. Appena e' in funzione si saldano le fatture. Vedrete come i test e i collaudi li fanno anche la notte... e a natale.

debattol

Ven, 15/11/2019 - 15:19

Sono totalmente d'accordo con no_balls, Sallusti fa' il suo mestiere non puo' dire mica la verità o le verità che conosce benissimo! Ah dimenticavo Zaia dov'era?

ilrompiballe

Ven, 15/11/2019 - 15:39

Il Mose? Un classico esempio di mala gestione della cosa pubblica, tra combriccole di raccomandati, corruttori e corrotti, carenza di controlli e menefreghismo. Un Presidente del Consiglio che dice "l'opera sarà finita nella primavera del 2021" è un altro che si siede e accetta quello che gli dicono. Come gli aerei di Mussolini.

rrobytopyy

Ven, 15/11/2019 - 15:52

dlux, troppo sempliciotta e di parte la sua risposta !

Ritratto di mavalala

mavalala

Ven, 15/11/2019 - 16:01

Direttore....direttore....lei è un campione mondiale di difesa dell'impossibile!! Meriterebbe una medaglia ad onorem!! Mai sentito un così forte rumore di unghie su gli specchi che sta cercando di scalare..... Ma davvero crede che tutti, a parte i soliti monocellulari di destra, possano credere che c'entri chiunque altro se non 20 anni di governo regionale di centrodestra corrotto e condannato? Da su...siamo seri...pensi neanche mortimerhuse interviene in sua difesa....comincio a preoccuparmi...

Destra Delusa

Ven, 15/11/2019 - 16:39

Ovviamente è colpa del Governo attuale ma soprattutto degli ecologisti che ultimamente stanno sferrando attacchi micidiali a tutto quello che c'è di buono e bello in questo mondo. Anche alla plastica. Facevo una riflessione sulle acque minerali. Tanto tempo fa quando non esistevano ancora acqua e rubinetti a portata di mano, la brava gente era costretta a recarsi ai ruscelli per abbeverarsi. Ora che esiste l'acqua potabile in casa, la gente fa la fila ai supermarket per accaparrarsi chili di bottiglie di plastica, le carica faticosamente in macchina, arriva a casa, scarica le bottiglie dall'auto, le traporta faticosamente al piano, le accatasta in un angolo e un paio per volta le infila nel frigo. Finito di abbeverarsi accatasta montagne di contenitori vuoti in bidono di spazzatura e inizia il nuovo ciclo. Sembra quasi una regressione infantile.

ilrompiballe

Ven, 15/11/2019 - 16:42

mavalala : se il Veneto vota cdx, un motivo ci sarà. Le faccio notare peraltro che il governatore Galan (corrotto e condannato) non ha governato per vent'anni. Anche Lei in fatto di specchi... E poi, io non mi permetterei mai di offendere chi non la pensa come me.

Ritratto di bimbo

bimbo

Ven, 15/11/2019 - 16:52

Ci vorrebbe il genio napoletano per sistemare venezia e non solo..

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 15/11/2019 - 18:05

In condizioni normali si potrebbe pensare che il caso Ilva, il caso Venezia e chissà quale altro caso (speriamo di no, ma il tempo è galantuomo) siano capitati per una sfortunata serie di coincidenze. Leviamocelo dalla testa: non è così. La matematica non è un'opinione e proprio per questo è matematico che prima o poi tutte le questioni trattate dai comunisti e/o dai 5s sono destinate a creare i guasti prevedibili e previsti. Prima o poi queste autentiche iatture per la nostra società si leveranno di torno (speriamo presto) ed allora torneremo a respirare aria pulita: è matematico.

wokie

Ven, 15/11/2019 - 18:24

Propongo di cedere Venezia e la sua laguna agli svizzeri. Gente di certo più seria.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 15/11/2019 - 18:33

@dlux - rispostaeccellente al solito sempliciotto di sinistra.

rrobytopyy

Ven, 15/11/2019 - 18:52

era già obsoleto anche prima di partire, e allora perchè ? Ci risponda Sallusti, ne saremo grati. Ma ci sarà mica stato da accontentare qualcuno anzi parecchi ?

voiturderi

Ven, 15/11/2019 - 19:48

Caro Direttore era meglio che invece di scrivere questi articolo fossi andato al circo oppure commentare la farfallina di Belen. Il mose è un progetto fantascentifico di ingegneria da fuoritesta solo per ingrassare politici del pdl e del pd (la lega è fuori solo perché nel 2009 era un prefisso telefonico. Bastava non inventarsi nulla e guardare cosa aveva fatto l'Olanda (paesi bassi) che ha una espierenza settantennale sul problema dell'acqua alta

voiturderi

Ven, 15/11/2019 - 20:00

E poi basta con Grata può essere simpatica o meno, ma almeno porta alla ribalta un problema vero e fa crescere Alle giovine generazione la sensibilità sul dissesto ambientale. Certo capisco che per questo giornale può essere indigesta visto la poca sensibilità con cuo trattate questo problema forse preferite i giovani che giocano ai videogiochi games

mich123

Ven, 15/11/2019 - 20:19

Sono vent'anni che i veneziani aspettano. Un giudice ha indagato il ministro dell'interno perché dei migranti hanno aspettato cinque giorni.

ST6

Ven, 15/11/2019 - 20:36

Direttore, lei è davvero un bel esemplare di para...vento.

ST6

Ven, 15/11/2019 - 20:38

corivorivo: forse volevi dire "se fossi Dittatore"...

faman

Ven, 15/11/2019 - 22:51

Maximilien1791-Ven, 15/11/2019 - 08:52: l'opera non è ancora pronta anche a causa della corruzione, di dx e di sx, e Galan ha contribuito. O è solo colpa della sinistra?

mcm3

Sab, 16/11/2019 - 04:55

Caro Direttore, in queste situazioni civorrebbe onesta' ed obbiettivita', lei pero' riesce a dare colpe a tutti tranne ch da dieci anni estisce la regione ed al Sindaco, oggi la colpa e' degli ecologisti e della Sinistra, lontana dal Veneto da sempre, ma dica la verita', ma se il sindaco di Venezia fosse satat la Raggi cosa avreste scritto ??? Se il Governatore del Venetoco fosse stato Zingaretti, cosa avreste scritto ?? essendo leghisti non dite nulla, tutto a posto

carlolandi

Sab, 16/11/2019 - 05:45

Venezia e il Mose Penso che il Direttore Sallusti in poche parole abbia illustrato quanto una certa classe politica con movimenti connessi si sia dimostrata inadeguata nei confronti del progresso della scienza e di conseguenza dell'umanità intera creando artificiosi sistemi per arretrare amìnsichè progredire facendo credere che il progresso è il loro " regress0". Come se tutto ciò che ha creato l'intelligenza dell'uomo negli ultimi anni debba essere debba essere combattuta e frenata perché foriera del male assoluto.

Nick2

Sab, 16/11/2019 - 06:31

Le chiedo, se Venezia fosse in Emilia Romagna, quale sarebbe stato il tono del suo articolo? PATETICO!

Ritratto di mavalala

mavalala

Sab, 16/11/2019 - 08:00

#ilrompiballe....Galan 1995-2010 ... Zaia ... dal 2010 ancora in carica. Questi signori appartengono al centro destra? Cosa non le torna? Non faccia affermazioni che poi non può sostenere! Poi si inalbera se qualcuno le parla di monocellulari...io ho scritto 20 anni di centro destra...gli specchi, e tanti, li ha lei in casa...

mcm3

Sab, 16/11/2019 - 08:39

La Destra e la Lega sono vittime innocenti di tutto questo, tutte persone pulite, mai coinvolte in nessuno scandalo, Gvernano la Regione da Dieci anni, proclamando autonomie e successi, ma oggi tutti in silenzio, tutti nascosti, perche' Zaia non parla in televisione e ci racconta cosa ha fatto dal 2010 per ilMose ? Perche' non ci dice il motivo per cui ancora non funziona ? IL Presidente della Regione e' il primo responsabile di queste Opere, invece oggi lui si nasconde, dimentico di avere dichiarato fino a ieri che grazie a lui il Veneto e' diventat una Regione modello, lonatana dagli sprechi e dalla corruzione...

Ritratto di giovinap

giovinap

Sab, 16/11/2019 - 10:46

bimbo, per ora abbiamo la certezza che due geni veneti hanno distrutto venezia!

rrobytopyy

Sab, 16/11/2019 - 10:51

Degas: grandissimo Degas, due righe che valgono più dell' editoriale di Sallusti e di tutti i prolissi commenti di parte o meno. Aggiungo di più, il giornalismo è molto malato e ancor peggio spesso nelle righe si può configurare anche - una circonvenzione di incapaci-. Perchè ? percheè siamo tutti ignorantelli e ci fidiamo di quanto scrivono i magnati della penna i quali ovviamente non scrivono quello che pensano ma quello che viene deciso dalla linea editoriale. E noi ci caschiamo come fessi, chi più chi meno, poi c'è la razza peggiore che è quella che segue alla lettera il Vangelo scritto dal partito politico di appartenenza.

rrobytopyy

Sab, 16/11/2019 - 14:53

e adesso sottoscrizioni varie e tanti soldi a Venezia, a chi andranno ? indovinate voi. E voglio uscire dal coro, (tranne casi eccezionali sui quali ovviamente è necessario intervenire) c'è tanta ricchezza in quella città spesso accumulata dietro prezzi esorbitanti applicati ai turisti. E allora se volete il bengodi quando le cose vanno bene bisogna accettare anche i disagi e le spese di quando le cose vanno male, o mi sbaglio ?

rrobytopyy

Sab, 16/11/2019 - 14:56

leonida, ti ripeto che non sono nè di sinistra nè di destra nè di centro. Quindi non contagiato da ideologie rosse o nere.....o rosa

cir

Sab, 16/11/2019 - 14:57

ST6 Ven, 15/11/2019 - 20:36 : sante parole !!

elpaso21

Sab, 16/11/2019 - 15:49

Berlusconi è anche lui stato al Governo. E ha risolto tutto.

cir

Sab, 16/11/2019 - 16:08

rrobytopyy Sab, 16/11/2019 - 14:53 : hanno ricchezze a palate , un conoscente veneziano mi disse che poco prima dell' euro marito e moglie suoi parenti , guadagnavano un milione asl giorno solo avendere YOYO' ai turisti , venduti a 2000 lire cad. ma pagati 80 lire alla fabbrica...e con il ricavto comperavano gondole e licenze per gondolieri che poi affittavano....

ilrompiballe

Sab, 16/11/2019 - 17:18

mavalala : la costruzione del Mose è compito del Ministero OO.PP., non dalla Regione : Zaia e il sindaco di Venezia non hanno alcuna autorità in materia. Stia sereno.