Chiara Rizzo agli arresti domiciliari

La moglie dell'ex parlamentare Matacena era stata arrestata a Nizza lo scorso 11 maggio con l'accusa di aver favorito la latitanza del marito

Chiara Rizzo lascia gli uffici della polizia di frontiera di Ponte San Luigi (Imperia)

Il gip del Tribunale di Reggio Calabria ha concesso gli arresti domiciliari a Chiara Rizzo, la moglie di Amedeo Matacena arrestata a Nizza nel maggio scorso con l’accusa di avere favorito la latitanza del marito, condannato in via definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa. Il giudice ha accolto la richiesta di attenuazione della misura cautelare avanzata dai legali della Rizzo, gli avvocati Carlo Biondi e Bonaventura Candido.

La donna sconterà gli arresti domiciliari nella casa di una parente a Messina. A riferirlo all’Adnkronos è l’avvocato Bonaventura: "Siamo soddisfatti, è stata accolta la nostra istanza - dice il legale -. Sto andando in carcere a prelevare Chiara Rizzo, la accompagnerò a Messina, dove sconterà i domiciliari a casa di una cugina".

Commenti

berserker2

Mar, 08/07/2014 - 15:29

Tutto qui......tutto qui al puttanone? Nemmeno un mesetto di carcere e via, già libera di fare quello che ha sempre fatto, ovvero conoscere ricchi maschi allupati, più anziani e sottomessi, per poi passare al prossimo più ricco e allupato! Adesso ha messo sott'occhio quel cretino che gli ha regalato il Porche Cayenne..... Povero Sciaboletta, coglionato per nulla!

berserker2

Mar, 08/07/2014 - 16:25

Con la cugina......sai che troiaio che diventa quella casa! Un porto di mare, chi arriva, chi parte, basta che c'hanno i soldi!

ciannosecco

Mar, 08/07/2014 - 16:52

Dopo due mesi di carcere la situazione non è mutata di un millimetro.Quindi,perchè è stata tenuta in carcere,mentre Orsoni e altri non hanno fatto un giorno di carcere?

Felice48

Mar, 08/07/2014 - 16:55

L'hanno tenuta in galera come una delinquente qualsiasi manco se fosse accusata di spaccio di droga o chissà quale grave delitto. Troiaggine? Non è un grave delitto.

zuma56

Mar, 08/07/2014 - 17:44

Sarà felice la moglie di Sciaboletta !

ex d.c.

Mar, 08/07/2014 - 17:59

Il carcere preventivo in questi casi è un'assurdità indegna di un paese civile. Non risulta siano agli arresti le consorti di criminali veri e non presunti.

elgar

Mar, 08/07/2014 - 18:07

Allora bisognerebbe condannare tutte le mogli di tutti i latitanti. Perchè sicuramente sanno dov'è il marito. E perché non i fratelli, i cognati, le madri, i padri.Se la legge è uguale per tutti.

berserker2

Mar, 08/07/2014 - 18:12

zuma......eh sì...... l'hanno vista in centro, in uno shop di intimo che comprava i pantaloni e il perizoma di pelle nera come la Chiara......