Chiesto al Csm di aprire pratica sul giudice che scarcerò il killer di Emanuele

Il consigliere laico Pierantonio Zanettin ha chiesto al Comitato di presidenza del Csm di aprire una pratica per verificare la correttezza della scarcerazione del killer di Emanuele Morganti

Il giudice che scarcerò Mario Castagnacci lo stesso giorno dell'omicidio di Emanuele Morganti è finito nel mirino.

Il consigliere laico Pierantonio Zanettin, al Comitato di presidenza del Csm, ha chiesto, con un documento depositato questa mattina, di aprire una pratica in Prima Commissione per valutare se sussistano i presupposti per un trasferimento d'ufficio per incompatibilità nei confronti del giudice del Tribunale di Roma.

Venerdì scorso il gip aveva riconosciuto la tesi difensiva del "consumo di gruppo" e disposto il rilascio, senza obbligo di firma, di Mario Castagnacci, arrestato il giorno prima perché trovato in possesso di ingenti quantitativi di droga, divisi in dosi già pronte per essere spacciate: 300 dosi di cocaina, 150 di crack e 600 di hashish.

Nel pomeriggio dello stesso giorno, l'uomo era tornato ad Alatri e nella notte ha preso parte al brutale pestaggio che ha ucciso Emanuele. Ora, oltre che per detenzione di droga, il cuoco è accusato anche per l'omicidio del 20enne.

"La vicenda processuale frutto di una interpretazione giuridica del fatto reato, che può essere definita, nella migliore delle ipotesi, benevola - ha scritto Zanettin nel documento - merita un approfondimento da parte del Consiglio Superiore della Magistratura per verificare la correttezza dell'iter".

Secondo il laico del Csm "è del tutto evidente che gli esiti tragici della vicenda non possono essere addebitati al magistrato che ha disposto la scarcerazione dello spacciatore, ma è altrettanto evidente che si sarebbero evitati, applicando canoni ermeneutici diversi e più rigorosi, in tema di spaccio di stupefacenti".

Zanettin, infatti, osserva che la scarcerazione di Castagnacci sia avvenuta "nonostante fosse stato trovato in possesso di grandi quantità di stupefacenti e fosse recidivo".

Commenti

maricap

Gio, 30/03/2017 - 13:28

In galera anche q

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Gio, 30/03/2017 - 13:30

Per cortesia non prendeteci per i fondelli.

maricap

Gio, 30/03/2017 - 13:31

In galera anche quel pusillanime che non lo ha carcerato, permettendogli non solo di spacciare impunemente, ma anche di ammazzare il giovane ventenne. Gente come lui, solo in galera non farebbe più danni.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 30/03/2017 - 14:03

io vorrei conoscere la trattati...pardon il dibattito che c'è stato tra l'avvocato difensore del maiale e il giudice che lo ha mandato libero .

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 30/03/2017 - 14:25

Io invece sbatterei in GALERA insieme al giudice (del quale continua ad essere tenuto nascosto il nome) anche l'avvocato difensore caro giovinap 14e03. Buenos dias dal Nicaragua.

chebarba

Gio, 30/03/2017 - 14:28

bè è solo una spacciatore, ma che i drogati e spacciatori ci mettano un attimo a diventare ladri, rapinatori, violenti e assassini i giudici non lo sanno vero????

chebarba

Gio, 30/03/2017 - 14:31

oltre al fatto che la droga uccide e rovina la vita di tanti, droga fin dalle scuole medie dentro le scuole se qualcuno si mettesse una mano sulla coscienza... le forze dell'ordine li fermano e arrestano a rischio della pella e con la paura di trovarsi indagati e i giudici li metton fuori.....non è possibile prevedere il futuro? bè 4 indizi fanno una prova circa la pericolosità sociale di un soggetto simile e quindi si richiedono misure preventiva... ma i giudici son vigliacchi...

fedeverità

Gio, 30/03/2017 - 14:51

Giudice in galera...RESPONSABILIà PER CHI NON NE HA MAI AVUTA!!!! BASTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Gio, 30/03/2017 - 16:52

chiaramente la magistratura deve mostrare I muscoli ed allora che la commedia abbia inizio. fascicolo sul giudice, ispettori, quaqquaraqua' eccetera eccetera. questi maiali non chiedono neppure scusa alla Famiglia della vittima. tutto restera' come prima.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 30/03/2017 - 17:00

carissimo ernando45 , i giudici a volte emettono sentenze sballate , per che vivono fuori dalla realta , metre altre volte emettono sentenze dolose . un saluto dalla città più bella del mondo ma con qualche problema .

dondomenico

Gio, 30/03/2017 - 17:56

Avete capito che cosa rischia questo giudice? Trasferimento d'ufficio per motivi ambientali! In altre parole andrà a fare danni da qualche altra parte

NYCItalia1

Gio, 30/03/2017 - 22:25

mi scuso in anticipo per il mio Italiano...vivo in USA da 50'anni. Comunque, questa persona se persona si puo chiamare deve andare in GALERA a vita. Poi, per il Giuduce che lo ha' scarcerato il giorno prima...come ha potuto?? anche se cio' non ha avuto una diretta causa sull'accaduto, come si puo mandare a casa un'arrestato cont tanta MERCE addosso?? E' ridicolo...ed e' quello che capita anche in USA specialmente nelle citta' Liberali e progrssiste come NYC...poveri a noi che contuniamo ad eleggere la sinistra progressista...bel progresso!!!!

vottorio

Gio, 30/03/2017 - 22:37

i magistrati comincino a sapere che devono rispondere del loro operato e che, quando sbagliano, vanno puniti severamente perché la Giustizia non può essere un gioco.

Ritratto di cape code

cape code

Gio, 30/03/2017 - 23:14

Giovinap e quale sarebbe la citta' piu bella del mondo?? Nabbule??LOL